Detto Fatto: i social network abbattono il “nuovo” show di Caterina Balivo

By on marzo 18, 2013
detto fatto balivo caterina raidue

text-align: justify”>detto fatto balivo caterina raidue

DETTO FATTO NON HA CONVINTO I TELESPETTATORI SUI SOCIAL NETWORKCon il web 2.0, è molto più semplice scoprire quanto un programma è seguito e soprattutto se è gradito o meno dal pubblico da casa. Oggi pomeriggio, come molti di voi già sapranno, è andata in onda su RaiDue la prima puntata del factual show Detto Fatto, programma che dicevano sarebbe stato un nuovo punto di inizio per il secondo canale del newtwork assieme al talent show The Voice of Italy. In quest’articolo non ci occuperemo di critica (la lascio al mio collega in questo articolo) ma commenteremo insieme i vari feedback lanciati sulla Rete dal popolo di Twitter e Facebook, sempre attento alle novità, e analizzando i vari riscontri.

Partiamo dal social più attivo in tal senso, alias Twitter, che si è dimostrato critico e cattivello fin dall’ingresso della conduttrice. Fra i primi commenti dal momento della messa in onda è parso a moltissimi come lo show sia molto simile ai vari programmi che vanno in onda su Real Time (“@IlPietrone: Detto Fatto fa molto Real Time!“); questo pensieri, inizialmente condiviso da pochi utenti, si è poi esteso a moltissimi altri spettatori social dopo la messa in onda del primo Tutorial (“@AlessandraDelP: Nessuna idea innovativa, solo una triste copia di tutti i programmi di Real Time in un unico contenitore!“; “@LuigiNistic: Ok, hanno preso tutti i programmi di Real Time e ne hanno fatto uno unico: un minestrone”). Commenti simili a questi ce ne sono molti e sono anche abbastanza taglienti.

Una nota di demerito viene fatta anche allo staff tecnico: poco graditi montaggio e scenografia (“@Phlancton: Regia pessima e montaggio ai limiti del pessimo“; “@BiagioChi: Fra l’altro quanto è brutta la scenografia?“). Ci acciangiamo ad arrivare alla chiusura del programma dove la fanno da padrona due filoni di commenti: il primo è uno sfottò (“@V_Side: Hanno già chiuso il programma dells Balivo, vero?“), l’altro è una pura constatazione di come la Rai non innovi molto (“@CaroTeleVip: Rai2 che con Detto Fatto copia Real Time è una resa incondizionata: non sperano più di ritrovare una identità di rete“; secca la risposta a quest’ultimo commento “@w4rr10r_0: AAA Autori capaci cercasi…“).

Parlando invece dei riscontri trovati sulla pagina Facebook ufficiale del programma non c’è poi molto da dire: numerosi complimenti ed “in bocca al lupo” di rito alla conduttrice che, tutto sommato, ha svolto il suo lavoro ma sono davvero miseri gli affezionati alla pagina. Basti pensare che dopo una promozione di una settimana, la pagina raggiunge a malapena i 500 “mi piace”. Ottima l’idea del live blogging ma, chi è dietro la pagina, non può assolutamente limitarsi a soli 5 status in più di un ora di programma.

Insomma, con i social network proprio non ci siamo ma, frai Tg, i nuovi episodi dei Simpson su Italia1 e Centrovetrine, avrà raccimolato quanto meno un buon numero di ascolti?

About Gigi

Gigi, classe 1989, pugliese doc. Figlio della generazione 2.0 e appassionato di Social Media, coltiva moltissimi hobby: il video editing, la recitazione, bloggare online, cimentarsi nella fotografia e nel web-design.

One Comment

  1. rossella

    marzo 18, 2013 at 19:01

    Anche a me e` sembrata un’ operazione nostalgica… Mi aspettavo qualcosa di piu’ contemporaneo e comunque il testimone da raccogliere e’ quello della De Filippi…lei a suo tempo ci porto` oltre questo schema anni ’80: scompagino` tutta la liturgia di una televisione in cui lo spettatore era attore non protagonista.
    Oggi il presentatore propone e lo spettatore dispone. Come? Attraverso il web!
    Il vero gradino da occupare e’ quello della community…mi aspettavo questo da Rai Due…il periodo storico che viviamo vira al cambiamento e proprio come fece allora questa grandissima autrice si dovrebbe recuperare il dialogo con la provincia di oggi.
    Farlo e’ molto semplice: basta una scenografia povera per dare risalto alle notizie che un gruppo di ragazzi attingono da you report e ovviamente si premurano di verificare… Poi una conduttrice potrebbe dare vita ad un salotto virtuale con i protagonisti piu’ interessanti di you tube che sulla scia del successo di Clio Zammatteo potrebbero raccontarci le loro passioni e diventare dei maestri alla nostra portata… Il conduttore dopo MdF e’ una figura discreta -semplice ma mai banale- che si avvantaggia di quell’umanita` che crea coesione sociale.
    Penso che i dati auditel confermeranno questo mio sentore…io dal canto mio ne ho visto un frammento e oltre a gradire il tono serafico non ho trovato nessun elemento innovatore!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *