Domenica Live: disoccupato trova lavoro in diretta, ma era tutto organizzato

By on marzo 26, 2013

text-align: center”>Canale 5, disoccupato trova lavoro a Domenica Live

Domenica Live porta fortuna, aveva detto in studio Paolo Liguori ospite di Barbara D’Urso nel contenutore domenicale di Canale5. Il commento era riferito alla storia di un disoccupato, padre di cinque figli, che ha perso il lavoro da 18 mesi e ne ha trovato un altro proprio grazie alla trasmissione: ospitato in studio da Barbara D’Urso, Massimo Amistà, 37 anni, ha raccontato insieme alla moglie la sua storia difficile, quella di padre di cinque figli che si ritrova senza lavoro. Un dramma sempre più frequente in tempi di crisi come questi. Ma improvvisamente, alla fine del blocco dedicato all’attualità, Barbara D’Urso annuncia una telefonata in diretta. Marco Maniero, imprenditore di Ponte San Nicolò (Padova), titolare di una ditta di arredamenti, propone un contratto di lavoro al disoccupato padovano.

Per Domenica Live spettacolarizzare i drammmi è pane quotidiano. La vicenda in questione culmina tra gli applausi scroscianti e la commozione dell’uomo che accetta volentieri il lavoro. Una sceneggiatura perfetta nei tempi e nei modi, tanto che la stessa conduttrice non sembra affatto stupita della proposta arrivata in diretta tv: “Volevo chiedere a Massimo cos’ha da fare lunedì” chiede l’imprenditore al telefono. “Andrò a cercare lavoro come sempre” risponde Masimio Amistà, quando arriva la proposta: “Beh, allora si può presentare in azienda da me perché ho deciso di assumerlo“. Un bel gesto, ma tutt’altro che estemporaneo, visto che l’intervento dell’imprenditore era stato concordato giorni prima con la redazione di Domenica Live

Domenica Live non ha affatto raccolto la chiamata dell’imprenditore in diretta tv, come è stato fatto credere agli ignari telespettatori, perchè era tutto già previsto. Lo conferma lo stesso Marco Maniero  al “Corriere del Veneto“:

Una troupe di Canale 5 insieme a Massimo è venuta a trovarmi in azienda mercoledì scorso, noi avevano bisogno di manovalanza e allora ho pensato ‘perché no?’. Ho anche deciso di estendere il contratto iniziale da uno a tre mesi per dare fiducia a quest’uomo“.

Dunque nessun miracolo in diretta tv, l’assunzione era già stata concordata giorni prima, mentre a Domenica Live andava in scena il racconto delle sofferenze di questo padre di famiglia che nel frattempo aveva trovato lavoro, con il finale “a sorpresa” in realtà già scritto. Una messa in scena perfetta culminata nel lieto fine concordato a tavolino, a tutto vantaggio dello share e a scapito dei telespettatori che hanno creduto all’improvviso “miracolo” in diretta tv su di Canale5. Niente di tutto ciò, piuttosto una trovata architettata nel dettaglio, con la macchina organizzativa di Mediaset che si è messa in moto per trovare tutti gli elementi di una storia strappalacrime, assicurandosi il caso umano da portare in tv sulle spalle di una persona in difficoltà:

Sono entrato in contatto casualmente con Canale5, ho raccontato la mia storia e poi loro mi sono venuti a prendere a casa e mi hanno portato in giro per negozi e aziende della zona alla ricerca di lavoro. Dopo due ore avevo trovato questo impiego“.

Queste le parole di Massimo Amistà, il cui dramma di padre disoccupato non è certo in discussione. Piuttosto, lo è la credibilità di chi ha orchestrato tutto questo.

About ClaudiaGagliardi

Nata a Pompei nel 1987, si è laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul pluralismo e l'indipendenza dell'informazione e sta per specializzarsi in Comunicazione istituzionale. Oggi si occupa delle pagine di attualità del portale Excite.it. Appassionata di giornalismo e di politica, segue con attenzione il mondo della televisione, spesso con occhio critico, soprattutto sul versante della qualità dell'informazione. Divoratrice di programmi di approfondimento e di satira, ma anche di serie tv ("Friends" e "Lost" su tutte) e di cinema, insegue il sogno di diventare giornalista professionista.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *