Fabrizio Frizzi: “Red or Black non è una trasmissione per ringiovanire il target di Rai1. Soddisfatto dei risultati ottenuti finora”

By on marzo 5, 2013
foto di fabrizio frizzi

text-align: justify”>foto di fabrizio frizziRED OR BLACK: LE DICHIARAZIONI DI FRIZZI. Venerdì scorso è andata in onda su Rai1 la seconda puntata del game Red or Black, Tutto o Niente? Lo show dopo il tiepido riscontro della premier, è crollato a 3.463.000 spettatori con il 12.72% di share (qui un’analisi dell’insuccesso). Fabrizio Frizzi che insieme a Gabriele Cirilli presenta la trasmissione, si dice comunque soddisfatto dei risultati ottenuti fino a questo momento: “abbiamo già catturato un pubblico di giovanissimi fino ai 15 anni. Gli spettatori tra i 15 e i 64 anni li conquisteremo nelle prossime puntate”. Quanto alla scelta ricaduta su di lui in quanto conduttore della trasmissione sottolinea: “Se la Rai avesse scelto altri conduttori magari più in stile con il programma avrebbero detto che esagerazione. Non è questa la linea di Raiuno. Credo che le critiche facciano sempre bene ma che soprattutto vada messa la qualità dello show”. Il direttore di Rai1 Giancarlo Leone ha più volte parlato di svecchiamento del target di rete, ma Frizzi non collocherebbe il suo game tra i format deputati a mettere in atto la missione: “Red or black è solo un grande gioco. Non lo collocherei tra le novità strategiche del rinnovamento del linguaggio”. Sottolinea come il lavoro di abbassamento di età della rete sia più lungo e complesso: “darà frutti nel tempo. Bisogna capire che siamo ancora in una fase iniziale, che stiamo cercando una maggiore qualità rispetto al passato. E io credo che sia meglio seminare costantemente che raschiare con un raccolto che poi, nel tempo non porterà nulla”.

Capitolo Miss Italia: il concorso di bellezza che Frizzi ha condotto per 17 edizioni: “ho capito che Patrizia Mirigliani voleva assaggiare altri sapori e io ho spolverato la poltrona per lasciare pulito il posto a un altro” (fonte Nazione-Carlino-Giorno). L’anno scorso c’è stato l’addio del conduttore alla gara per eleggere la più bella d’Italia, anche se in futuro non è da escludere un possibile ritorno. Frizzi, tra qualche mese diventerà papà della sua primogenita. Quanto al nome si dice ancora indeciso tra Laura (nome di sua madre) ed altri. “Ma decideremo al momento”– sottolinea emozionato. In bocca al lupo all’uomo e al professionista che vanta una carriera trentennale fatta di successi e qualche piccolo disguido.

About Salvatore Petrillo

Avellino gli ha dato i natali, sotto il segno del Toro. La sua passione per la conduzione televisiva e tutto quanto fa spettacolo è nata con lui e fin da piccolo partecipa a feste, recite e saggi. All’età di 8 anni comincia lo studio del pianoforte frequentando poi il Conservatorio “D.Cimarosa” di Avellino. Laureatosi prima in Scienze della Comunicazione presso l’Università degli studi di Salerno e poi in Editoria, comunicazione multimediale e giornalismo presso l’Università La Sapienza di Roma con il massimo dei voti, continua ad approfondire e conoscere meglio tutte le varie sfaccettature del mondo televisivo. Collabora con il quotidiano a tiratura regionale Corriere dell’Irpinia scrivendo di attualità, cronaca, spettacolo e con l’agenzia di organizzazione eventi ADVS di Roma. Dopo una parentesi di un anno e mezzo a Londra, dove ha cercato di rubare i trucchi del giornalismo anglosassone, torna in Italia per frequentare un corso di dizione e uso della voce e uno di conduzione televisiva presso l’Accademia 09 di Milano. In futuro sogna di farsi strada nel mondo della conduzione televisiva e dello spettacolo.

One Comment

  1. rossella

    marzo 6, 2013 at 10:41

    Io avrei scommesso sulle coppie : Virginia Raffaeli- Enrico Papi o Savino -Dj Angelo… Cirilli ultimamente mi piace un sacco ma brillava di piu’ con Conti!
    E’ un comico e forse ha bisogno di una spalla diversa: un Conticini o comunque un conduttore come Amadeus… Prima di uscire ne ho visto un frammento e non mi e’ sembrato di riscontrare una sinergia idonea a far decollare una prima serata!
    Frizzi dovrebbe preferire un genere piu’ vicino alla sua nuova sensibilita’…ancorarsi alla televisione degli anni ’80 non e’ una soluzione! Ne ha fatta di strada e adesso conduzioni come Uno mattina o La vita in diretta sarebbero piu’ gratificanti e significative per la storia della televisione! Con Elsa Di Gati lavorava benissimo!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *