Georgia Luzi a Unomattina: “Ministro Balduzzi, salvi la vita a Sofia”

By on marzo 11, 2013

text-align: center”>Georgia Luzi

GEORGIA LUZI A UNOMATTINA: “MINISTRO BALDUZZI, SALVI LA VITA A SOFIA”. E’ una storia triste, di quelle che fanno riflettere. Chi non conosce la triste vicenda di Sofia? La piccola, affetta da leucodistrofia metacromatica, sta commuovendo l’Italia intera. L’unica cura per consentire alla bambina di vivere sarebbe un trattamento con cellule staminali del metodo Stamina, noto anche come cura Vannoni, dal nome del medico che l’ha messa a punto. Purtroppo però, tale trattamento nel nostro paese è vietato dalla legge. Le condizioni di salute di Sofia degenerano giorno dopo giorno: la piccola non riesce più nemmeno a deglutire e la mamma, disperata, chiede a gran voce di poterla sottoporre alla cura Vannoni, l’unica speranza di guarigione per la piccola, un metodo già sperimentato con successo su altri bambini affetti da disturbi simili.

GEORGIA LUZI A RENATO BALDUZZI: “MINISTRO, LEI E’ L’UNICA PERSONA CHE PUO’ SALVARE LA VITA A SOFIA”. E dopo la diatriba di ieri tra Le Iene e Renato Balduzzi, oggi a scagliarsi contro il Ministro della Salute è stata Georgia Luzi che a Unomattina Storie Vere in chiusura di trasmissione, commossa, ha lanciato un appello:

“Siamo conduttori ma anche spettatori. Ieri ho guardato “Le Iene” e come tutti ho conosciuto la storia di una bambina di 3 anni che si chiama Sofia, che in questo momento rischia la vita. A Sofia non è permesso curarsi con un metodo che utilizza le cellule staminali. Oggi voglio rivolgermi al ministro Balduzzi. Mi presento: Mi chiamo Georgia Luzi e ho 37 anni. Non sono ancora madre, sono una figlia. Se nella vita mi dovesse succedere qualcosa, la prima persona alla quale chiederei aiuto sarebbe mio padre. Lui ci sarà sempre, mi vuole bene e mi aiuterebbe. Ieri ascoltando la storia di quei genitori per la prima volta ho capito una cosa: se in futuro sarò madre e avrò una figlia come Sofia, non potrò chiedere aiuto a mio padre. Ma l’unica persona alla quale potrei chiedere aiuto sarebbe lei. Le chiedo di aiutare quei genitori. Lei è l’unica persona che lo può fare”. 

Un appello disperato lanciato da una Georgia Luzi visibilmente commossa. Un lungo applauso e poi le telecamere si sono spente. Speriamo però che non cali il silenzio sulla vicenda. C’è in gioco la vita di una bambina…

About Emanuele Fiocca

Nato a Soveria Mannelli (Catanzaro) il 7 Luglio 1987, è un calabrese doc. Attratto dalla televisione fin da bambino, ha maturato negli anni esperienze in diversi programmi della RAI come Uno Mattina in Famiglia, Mezzogiorno in Famiglia, Alle Falde del Kilimangiaro, L'Arena e Domenica In, affiancando la passione per il piccolo schermo a quella per la scienza, che ha sempre caratterizzato il suo percorso di studi. Caporedattore de LaNostraTv dal 2014 al 2017, è il Responsabile Editoriale del sito.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *