Il clan dei camorristi, riassunto sesta puntata: la confessione di Ciccio Capuano e l’omicidio di Pasquale e Don Palma

By on marzo 9, 2013
Il Clan Dei Camorristi Riassunto Sesta Puntata

text-align: center”>Il Clan Dei Camorristi Riassunto Sesta Puntata

IL CLAN DEI CAMORRISTI, RIASSUNTO SESTA PUNTATA – Ieri, durante la sesta puntata della fiction Il clan dei camorristi, abbiamo assistito agli omicidi (facilmente prevedibili) di due personaggi: ci stiamo riferendo a quello di Pasquale (Stefano Miglio) e di Don Palma (Massimo Popolizio), entrambi accomunati dalla stessa sorte perché “colpevoli” di essersi schierati contro la mafia di Castello di Aversa. La puntata comincia con Anna Esposito (Francesca Beggio) che combatte contro alcuni dolori che preoccupano – e non poco – il suo fidanzato Andrea (Stefano Accorsi): temono entrambi di perdere il bambino. Dopo un parto prematuro, il nascituro è perfettamente in salute, e l’avvocato può finalmente godersi un momento di pura felicità, che non assaporava più da tanto tempo; ma la contentezza dura pochissimo: riceve la notizia dell’assassinio di Pasquale. Viene fatto un funerale tradizionale, per il ragazzo: in chiesa, le persone si possono contare sulle dita di una mano: la mafia fa ancora troppa paura. Da lì a poco, però, la gente comincia a essere stufa di questi continui omicidi, e decide di ribellarsi. Come? Dando il proprio voto a Francesco De Gregorio (Francesco Colella), per far sì che venga eletto alle comunali.

DON PALMA FATTO FUORI DA UN INCONTROLLABILE CAPUANO – Don Palma non teme i malviventi di Castello e decide di scrivere una lettera d’accusa contro la camorra, una lettera che fa andare fuori di testa Ciccio Capuano (Francesco Di Leva), intenzionato a far fuori in men che non si dica il pericoloso e irritante prete. Francesco Russo (Giuseppe Zeno) cerca di far ragionare il suo braccio destro, e pare che lì per lì riesca a raffreddare la sua ardente voglia di sbarazzarsi di Don Palma. Quest’ultimo, poi – aiutato da Anna, Patrizia (Serena Rossi) e Renato -, vuole realizzare una manifestazione contro la mafia: mette su un palco, che però ha vita breve, visto che viene fatto saltare in aria dai camorristi. Ma per lui, la speranza è sempre l’ultima a morire, così decide di avviare la protesta per le strade della città; una protesta che, successivamente, permetterà a De Gregorio di diventare sindaco di Castello. Don Palma, però, artefice della piccola ma efficace rivolta e anche di altri interventi che hanno infastidito parecchio i mafiosi, fa i conti con l’ira di Ciccio, il quale incarica un suo picciotto di far fuori il religioso.

LA CONFESSIONE DI CAPUANO – Nel frattempo, Andrea Esposito ha un incontro con la moglie di Pasquale, la quale gli confessa che l’unico testimone dell’omicidio di suo marito è suo figlio. Il magistrato cerca in tutti i modi di sbattere in gattabuia Beppe D’Angelo, ma non ci riesce, e il malavitoso può ancora agire indisturbato. Poco dopo Sorrentino (Daniele Russo) arresta Capuano. Qui accade l’inaspettato: il mafioso confessa tutto quello che sa sul conto del Malese, mettendo quest’ultimo in grave difficoltà.

MARCO SEQUESTRATO DA O’ MALESE? – Nell’ottava e penultima puntata probabilmente assisteremo al sequestro di Marco, il figlio di Andrea e Anna, e sicuramente al confronto (e che confronto!) fra il magistrato e O’ Malese. E poi cos’altro succederà? Ciccio la passerà liscia o Russo deciderà di regolare i conti? Non vi resta che attendere le anticipazioni dell’ottava puntata!

About Pascal Ciuffreda

Classe 1992, un ragazzo come tanti, ma con un’ingovernabile voglia di comunicare scrivendo. Studente di filosofia con diverse passioni: divorare libri senza pregiudizi, seguire qualsiasi tipo di programma televisivo (da quelli incentrati sulla cultura a quelli più trash), ascoltare tanta musica, e scrivere articoli sui più svariati argomenti. Puzza sotto al naso, mai; entusiasta sempre di sperimentare e sperimentarsi. Il suo motto? Vivere militare est.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *