La docu-fiction Gli uomini che fecero l’America dall’11 marzo su History

By on marzo 9, 2013
foto serie tv gli uomini che fecero l'america

text-align: center;”>foto serie tv gli uomini che fecero l'america

GLI UOMINI CHE FECERO L’AMERICA – L’11 marzo prossimo e per ogni lunedì alle 21, il canale History propone un altra interessante serie, dopo il successo di Mankind – La storia di tutti noi. Si tratta di un ciclo di docu-fiction dedicate a coloro che hanno fatto la storia economica e politica degli Stati Uniti.  Da John D. Rockefeller, per passare a Cornelius  Vanderbilt, Andrew Carnegie, Henry Ford e J.P. Morgan, tutti magnati industriali e politici che hanno dato una svolta al Paese segnandone profondamente il suo sviluppo. Uomini d’affari, volti del capitalismo, membri della società che hanno dato il loro contributo al sogno americano fondato sul commercio, sullo sfruttamento del petrolio e dell’acciaio, sulla costruzione, sulla finanza e sulla grande industria.

GLI UOMINI CHE FECERO L’AMERICA illustrerà anche quella parte della storia umana fondata sulla concorrenza, sulla violenza e sullo scambio di favori politici, nonchè sulla corruzione e sui rapporti poco chiari che molti di questi uomini hanno intessuto tra loro. Essi sono i fondatori delle industrie e degli imperi finanziari che tuttora regnano negli USA, e che a partire dalla fine dell’Ottocento hanno influenzato l’economia del Paese.

GLI UOMINI CHE FECERO L’AMERICA è una docu-fiction divisa in otto parti, ognuna delle quali racconta una storia dello spaccato di vita americana, lanciando uno sguardo attento alla situazione dei lavoratori delle acciaierie della Pennsylvania e delle industrie automobilistiche di Detroit che hanno lottato per ottenere i propri diritti.

Si comincia l’11 marzo alle 22 con L’inizio di una nuova era: Gli Usa cercano di uscire fuori dalle Guerra civile, mentre Cornelius Vanderbilt capisce che se il Paese vuole diventare una potenza deve restare unito. Per questo decide di investire nella costruzione delle ferrovie, il solo mezzo utile a unire est e ovest.

Il 18 marzo alle 22 sarà in onda L’ascesa del petrolio: Il Paese esce dalla guerra e l’economia comincia a decollare. Si comincia a usare il cherosene per le illuminazioni, mentre Vanderbilt tenta di diventare socio del giovane industriale petrolifero John D. Rockefeller.

Si prosegue il 25 marzo alle 22 con Una sfida tra giganti: A soli 30 anni Andrew Carnegie viene assunto da Tom Scott, uno degli uomini d’affari più potenti, per la costruzione di un ponte sul Mississippi, utile a collegare la linea ferroviaria tra est e ovest.

Sangue versato andrà in onda il 6 aprile alle 22: mentre Carnagie rivaleggia con Rockefeller diventa partner di Frick, ma i due sono responsabili di uno dei più grandi disastri americani.

L’8 aprile alle 22 verrà trasmesso Un nuovo potere: L’arrivo di J.P. Morgan intralcia lo strapotere di Carnagie e Rockefeller. L’uomo crea una banca capace di finanziare lo sviluppo tecnologico in America.

Il 15 aprile alle 22 sarà in onda Scontro ad alata tensioneMorgan fa un grosso investimento sulla nuova nata Edison Electric Company. Intanto Nikola Tesla ha già in mente una tecnologia ancor più innovativa.

Il controllo della Casa Bianca verrà trasmesso il 22 aprile alle 22: Il governo americano vuole controllare gli industriali, ma le leggi che vengono applicate non fanno altro che dare a questi uomini libertà fuori misura.

L’ultimo episodio dal titolo La macchina del secolo sarà visibile il 29 aprile alle 22: Henry Ford inventa un’auto alimentata a gas per la classe media americana. Rockefeller è invece accusato di violazione dell’anti-trust.

About Luca Mastroianni

E' nato a Roma ed è un giornalista pubblicista. Ha lavorato presso Legambiente e il Ministero dell'Ambiente, collaborando con agenzie e uffici stampa e occupandosi di attualità, diritti e corsi di giornalismo. Oltre alla scrittura ha grande passione per il calcio, il tennis e la musica. Della televisione ama soprattutto le serie tv degli anni Ottanta e Novanta: da Twin Peaks a La Tata, da C.S.I. a Friends, da I Griffin a Sex & the city.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *