La Rai prende in giro i propri abbonati su Tv RadioCorriere?

By on
rai risponde

text-align: justify”>rai risponde

TV RADIOCORRIERE PRENDE IN GIRO GLI ABBONATI RAI? – Con gran sorpresa questo pomeriggio è stato reso noto il nuovo numero di Tv RadioCorriere, rivista settimanale realizzata ufficialmente dalla Rai e che, come al solito, riporta interviste e foto dei programmi prossimamente in onda sul vari palinsesti della Tv di Stato. Fra le varie rubriche però, questa settimana abbiamo notato un nuovo piccolo inserto, di una sola pagina dal titoloRAIceviamo e RAIspondiamo a cura di tale Claster.

Nella rubrica in questione vengono prese quattro mail inviate alle varie redazioni Rai e gli si da una risposta. Tutto, ovviamente, in maniera pubblica visto che il giornale è distruibuito in Rai ma soprattutto online gratuitamente. La cosa che ci ha lasciato un po’ basiti solo le risposte ironiche che vengono date a queste quattro mail, quasi fosse uno sfottò.

Le domande che sembrano di natura mista fra sfogo e lamentela sono comunque delle mail scritte da Abbonati Rai che pagano un servizio che sperano sia il più buono possibile (visto che tra l’altro è l’ennesimo anno di file che la tassa aumenta di qualche euro in più) e, sinceramente, vedersi rispondere con delle battutine, potrebbe dare un po’ fastidio se non far proprio arrabbiare. Vi riportiamo qui sotto le prime due risposte date dal settimanale.

Tv RadioCorriere sa di rappresentare per via ufficiale anche la Rai e che dare queste risposte a mò di sfottò non è per niente una cosa giusta? Vi riportiamo l’ultimo botta e risposta della pagina: a voi decidere se la cosa è una pure e semplice sciocchezza o se è una birbonata riuscita male.

Domanda: Mi chiamo Giacomo e sto scrivendo questa mail perché ieri sera ho assistito al programma “S’è fatta notte” con Maurizio Costanzo. Vi scrivo perché mi piacerebbe essere partecipe del vostro palinsesto. Da due anni a questa parte, a casa mia, realizzo un talk show: invito persone, le registro con la telecamera e pubblico il tutto su YouTube. “Pour Parler”, il talk show di tutti.

Risposta di Tv RadioCorriere: Anche noi da due anni a questa parte, a casa nostra sbattiamo le uova, aggiungiamo sale e parmigiano, cuociamo il tutto in padella con una spolverata di salsa tartufata. Poi invitiamo persone che mangiano e bevono. E mettiamo tutto sul web. “Pour Manger”, il talk show di Titti. Ma nessuno ce lo inserisce in palinsesto.

Aspettiamo vostri commenti in merito.

About Gigi

Gigi, classe 1989, pugliese doc. Figlio della generazione 2.0 e appassionato di Social Media, coltiva moltissimi hobby: il video editing, la recitazione, bloggare online, cimentarsi nella fotografia e nel web-design.
Articolo aggiornato il

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *