Laura Boldrini a Che Tempo Che Fa, polemica a distanza con Beppe Grillo: “Frasi fuori luogo”

By on marzo 25, 2013
Boldrini a Che Tempo Che fa

text-align: justify”>Boldrini a Che Tempo Che fa

Laura Boldrini sceglie le telecamere di Che Tempo Che Fa (Rai Tre) per togliersi un sassolino dalla scarpa replicando con durezza alle recenti punzecchiature riservatele da Beppe Grillo. Il Presidente della Camera dei Deputati non ci sta ad essere bollata, insieme al collega Piero Grasso, come una “moderna manifestazione della partitocrazia italiana”, espressione usata dal leader del MoVimento 5 Stelle a pochi giorni dal primo atto ufficiale del nuovo Parlamento. Senza perdere neanche per un attimo l’aplomb istituzionale proprio di una delle più alte cariche dello Stato, l’esponente di Sinistra Ecologia e Libertà ha respinto al mittente le accuse di subalternità al sistema dei partiti, rivendicando per sé (e indirettamente per Grasso) un percorso politico, umano e professionale in controtendenza rispetto a predecessori ed eventuali antagonisti: “Mi stupiscono certe affermazioni del tutto fuori luogo fatte recentemente da Grillo, che evidentemente non conosce la mia storia. Se quasi scontata poteva considerarsi la domanda di Fabio Fazio sulla provocazione a distanza lanciata dal vincitore “morale” delle elezioni generali del 24 e 25 Febbraio 2013, meno scontata era la scelta (da parte della Boldrini) di rilanciare con forza e senza esitazioni la palla nel campo “avverso”, durante una delle più attese uscite pubbliche in un salotto televisivo dopo la nomina alla Presidenza della Camera.

A spingere l’ex portavoce dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati sull’insolito terreno della polemica sono state, in particolare, alcune colorite espressioni apparse sul blog di Beppe Grillo, dove la nomina dei due massimi rappresentanti del parlamento nazionale (definiti anche foglie di fico del sistema partitocratico” sempre dal fondatore del M5S) era stata liquidata immediatamente come “antidemocratica” in quanto “calata dall’alto” per input dei “due capi-partito di riferimento” Pierluigi Bersani e Nichi Vendola.

Non a caso, Laura Boldrini ha riservato al tema della democrazia parlamentare e del “partitismo” una parte significativa dell’intervento a Che Tempo Che Fa, schierandosi con decisione a difesa della “politica fatta di partiti, sindacati e scambio di opinioni”, in evidente contrapposizione alla montante voglia di smantellare tutto, che fa venire i brividi. Un’altra piccola stoccata, seppure indiretta, al portavoce e “guru” del MoVimento 5 Stelle, è giunta sul finale dell’intervista, quando il dibattito è inevitabilmente caduto sul nodo ancora “scottante” dei privilegi dei parlamentari e dei costi della vita istituzionale: “Ho voluto tagliare gli emolumenti relativi alla mia carica come biglietto da visita, ma non è certo questa la soluzione di tutti i problemi”.

About Marco Franco

Il giornalismo come "cane da guardia" della democrazia, scrivere per diffondere idee e creare coscienza: queste sono le stelle polari che lo guidano. Studi classici, laurea in Giurisprudenza in arrivo, Marco non ha mai smesso di coltivare i suoi interessi, primo tra tutti la lettura. Libri, riviste e tanti quotidiani sempre al suo fianco, in una continua ricerca delle "verità scomode". Idealista, spesso "controcorrente" e attivo nel volontariato, ama la politica e l'informazione di antica scuola. Riccardo Iacona e Milena Gabanelli i punti di riferimento, per coraggio e professionalità dimostrati sul campo. Esperienza come web writer su diverse piattaforme e come redattore in bollettini d'informazione politica locale. Natura, sport e la musica rock le altre passioni, anzi il carburante per andare avanti!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *