Q verso il Quirinale: Paolo Mieli racconta i Presidenti della Repubblica su Rai Storia e Rai1

By on marzo 17, 2013

text-align: center”>Paolo Mieli conduce "Q verso il Quirinale"

Q verso il Quirinale: Paolo Mieli racconta i Presidenti della Repubblica – A poco meno di un mese dalla riunione delle Camere per l’elezione del nuovo Presidente della Repubblica, Rai Educational affida a Paolo Mieli il compito di ripercorrere in tv la storia del Quirinale attraverso il racconto dei Capi dello Stato che si sono succeduti dal dopoguerra ad oggi. Il programma in otto puntate (nato da un progetto Res di Giuseppe Giannotti e Davide Savelli, scritto e diretto da Marco Durazzo) andrà in onda da domenica 17 marzo alle 23 su Rai Storia (canale 54 del digitale terrestre) e Tivù Sat e in replica da sabato 23 marzo alle 11.10 su Rai1.

Q verso il Quirinale, questo il titolo scelto per guidare i telespettatori all’elezione del successore di Giorgio Napolitano, il cui mandato scade a metà maggio. Nel corso delle varie puntate, il presidente di Rcs Libri Paolo Mieli racconterà i momenti decisivi degli scrutini e delle elezioni degli undici presidenti della Repubblica italiana, a partire dal 1946 al 2006, svelando anche logiche di potere, retroscena politici e compromessi che hanno portato figure talora apprezzate, altre volte controverse ad occupare massima carica dello Stato nella storia della nostra Repubblica. Il programma racconterà anche il profilo dei vari Presidenti. Mieli ha fornito qualche anticipazione in conferenza stampa…

Per Paolo Mieli il Presidente della Repubblica più amato dagli italiani è stato sicuramente Sandro Pertini, una figura considerata di altissimo profilo e percepita davvero come terza ed imparziale, estranea alle logiche del potere partitico:

Il primo che scavalcò i partiti, la classe politica, che cercò e ottenne un dialogo con il paese senza alcuna mediazione politica“.

Un altra figura di cui Mieli si occuperà nel suo programma è quella del “picconatore” Francesco Cossiga, che Mieli ricorda soprattutto per il tormentato rapporto con i giornalisti:

Un uomo molto intelligente, molto colto. All’inizio silenzioso, taciturno poi diventò loquace, cominciò a esternare. Mi creò non pochi problemi quando dirigevo la ‘Stampa’ a Torino, mi chiamava ogni sera. Lunghe telefonate notturne per raccontare quello che desiderava fosse pubblicato“.

Molto amato tra i Presidenti della Repubblica anche Giovanni Leone, dimissionario perché coinvolto, innocente, nello scandalo Lockeed. Mentre il più astuto tra gli inquilini del Quirinale è stato certamente Giovanni Gronchi:

“Troppo furbo, troppo sicuro di sé aveva amici a sinistra, ma fece un governo con i missini, che non gli portò fortuna”.

L’appuntamento con Q verso il Quirinale è ogni domenica alle 23 su Rai Storia-digitale terrestre Ch54 e Tivù Sat e da sabato 23 marzo in replica  alle 11.10 su Rai1, per otto settimane. Più una nona puntata, ancora allo studio, incentrata sul nuovo capo dello Stato.

About ClaudiaGagliardi

Nata a Pompei nel 1987, si è laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul pluralismo e l'indipendenza dell'informazione e sta per specializzarsi in Comunicazione istituzionale. Oggi si occupa delle pagine di attualità del portale Excite.it. Appassionata di giornalismo e di politica, segue con attenzione il mondo della televisione, spesso con occhio critico, soprattutto sul versante della qualità dell'informazione. Divoratrice di programmi di approfondimento e di satira, ma anche di serie tv ("Friends" e "Lost" su tutte) e di cinema, insegue il sogno di diventare giornalista professionista.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *