Rai, l’8 marzo programmazione speciale per la Festa della Donna

By on marzo 7, 2013

text-align: center”>Rai, l'8 marzo programmazione speciale per la Festa della Donna

La Rai dedica la giornata dell’8 marzo alle donne, con una programmazione speciale ed eventi dedicati al tema della violenza di genere: dal 7 marzo i principali palazzi dei Centri di Produzione della Rai nelle diverse città d’Italia, da Milano a Torino, da Roma a Napoli, saranno illuminati da una luce rosa e decorati da installazioni realizzate dagli scenografi dell’azienda. Nasce per la Festa della Donna anche un blog, promosso dalla Rai e dalla Commissione Pari Opportunirà, che si intitola Con uno sguardo diverso, come il titolo del celebre  libro della scrittrice tedesca Christa Wolf: attraverso il web si vuole aprire una finestra sul mondo femminile per promuovere la lateralità del pensiero delle donne, che guarda il mondo da una prospettiva sempre nuova e creativa. Il blog sarà anche uno spazio di raccolta per tutte le idee e i progetti dedicati alle donne, alle loro difficoltà e alle loro risorse troppo spesso sottovalutate.

Sempre per l’8 marzo il Gruppo Pari Opportunità della Rai di Milano ha organizzato in collaborazione del Centro di Produzione Tv Rai di Milano il concorso fotografico Scatterai, a testimonianza delle professionalità e della creatività femminile nell’azienda di Viale Mazzini: sono oltre 200 le foto pervenute, tra le quali sarà premiato lo scatto vincitore del concorso durante un evento nella Sala Conferenze del Centro di Produzione, in corso Sempione a Milano, alle 11.00 dell’8 marzo. La Rai dedica alle donne l’intero palinsesto televisivo della giornata della Festa della donna, non solo con spazi specifici centrati sul tema della violenza e sulle altre problematiche di genere, ma anche attraverso una grafica speciale ed un’iniziativa che celebra la presenza femminile nell’arte: per tutto l’8 marzo gli spazi pubblicitari saranno anticipati da 11 famosi dipinti con immagini di donne, tele celebri che hanno rappresentato corpie e volti femminili, con artisti che vanno da Monet a Degas, da Klimt a Modigliani.

Tantissimi i programmi che l’8 marzo si occuperanno di donne e in particolare della piaga della violenza di genere che lo scorso anno ha fatto oltre 120 vittime solo nel 2012. Su Rai1 sia UnoMattina che La Vita in Diretta saranno dedicate al tema della violenza sulle donne e al femminicidio con spazi di discussione in cui interverranno avvocati, esperti e responsabili di associazioni per la tutela delle donne. Dello stesso tema si occuperanno su Rai2 I Fatti vostri e Sulla via di Damasco. Su Rai3 il 7 marzo a Geo & Geo si discute della condizione delle donne afghane, mentre l’8 marzo ad Agorà si affronterà il tema delle pari opportunità in politica, analizzando il nuovo parlamento che vede una presenza importante di donne tra i banchi di Camera e Senato. Rai Storia dedicherà tutta la programmazione della Festa della donna, a partire da Res Gestae Fatti e personaggi che ripropone una puntata sull’8 marzo 1972, giornata della celebre protesta di ventimila donne a Campo de’ Fiori a Roma, seguita dal film La sposa per il ciclo Magazzini Einstein, che proporrà anche le riflessioni sul ruolo della donna nel mondo intellettuale musulmano tratte dal convegno Scrittura svelata e poi ancora Res Gestae con  Plurale femminile – Voci e volti di donna dalle teche Rai.

About ClaudiaGagliardi

Nata a Pompei nel 1987, si è laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul pluralismo e l'indipendenza dell'informazione e sta per specializzarsi in Comunicazione istituzionale. Oggi si occupa delle pagine di attualità del portale Excite.it. Appassionata di giornalismo e di politica, segue con attenzione il mondo della televisione, spesso con occhio critico, soprattutto sul versante della qualità dell'informazione. Divoratrice di programmi di approfondimento e di satira, ma anche di serie tv ("Friends" e "Lost" su tutte) e di cinema, insegue il sogno di diventare giornalista professionista.

One Comment

  1. Rossella

    marzo 7, 2013 at 14:05

    Non avete evidenziato la notizia dell’intervista che Maria De Filippi rilascerà a Fazio. Mi sembra molto bello concludere la settimana dell’8 marzo con un’intervista a Maria De Filippi. Dagli ultimi dieci anni a questa parte i suoi programmi non sempre assecondano i miei gusti e quindi posso anche cambiare canale ma rimane la grande stima per una donna che è riuscita a lasciare un segno nella storia della televisione italiana. Lei è una donna di successo, laddove donna e successo fanno ancora fatica a coesistere a livello concettuale perché l’una esclude l’altro e viceversa o quantomeno genera sospetto. Nel suo caso la cosa è evidente perché non ho mai sentito parlare di lei come di una donna colta ed elegante e neanche come di un sex-symbol e dire che la presenza scenica non le è mai mancata. E’ importante guardare alle donne di successo perché la nostra realizzazione non sempre coincide con le mode e questo non vuol dire che dobbiamo adeguarci o che essere alla moda ci renda persone di successo!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *