Sai fare una qualsiasi cosa? Partecipa a The You Generation, il talent social di You Tube. Ecco come fare

By on marzo 12, 2013

text-align: center”>

THE YOU GENERATION: IL TALENT SHOW SBARCA SU YOUTUBE – E’ ormai diventato il genere che in Tv attira più ascolti e critiche, tra “innocentisti” e “colpevolisti”, ma fin’ora nessun talent show in piena regola era stato pensato e realizzato per il web. In grande stile e con richiamo internazionale, nelle prossime settimane chiunque sappia fare qualsiasi cosa potrà caricare il proprio video e sottoporsi all’attenzione di una giuria apposita e del giudizio popolare. I talenti di ogni genere che vorranno mostrare al mondo (eh si, si tratta di una gara internazionale!) la propria abilità in qualsivoglia disciplina, verranno sottoposti, come ogni talent show che rispetti, al giudizio di una giuria composta da un gruppo di esperti della Syco Entertaiment, la casa produttrice di The You Generation. Non solo, a sedere nella giuria ci sarà anche il genio dei talent Simon Cowell, ideatore di format di grande successo mondiale quali sono X Factor, Got Talent o Red or Black (che a dir la verità in Italia non ha brillato, anche a causa di scelte sbagliate nella realizzazione), personaggio famoso per i suoi giudizi spietati. Inoltre, se nei talent usuali il giudizio popolare viene espresso tramite televoto, in questo caso gli spettatori delle performance potranno dire la loro cliccando su I Like, voti che si andranno a sommare alla decisione della giuria. Partecipare è semplicissimo, e può farlo davvero chiunque.

BASTA UN VIDEO PER PARTECIPARE ALLA COMPETIZIONE INTERNAZIONALE – Dal prossimo 20 marzo, chiunque sappia fare davvero qualsiasi cosa potrà realizzare un video che dimostri le proprie abilità e caricarlo poi su YouTube Channel. Ogni due settimane, Simon Cowell ed il resto della giuria sceglieranno i talenti da lanciare, che verranno divisi in categorie in base all’abilità dimostrata nel video. Cosa si può registrare nel video? Davvero qualsiasi cosa, si può cucinare se si è esperti in materia culinaria, si può far vedere al mondo la propria capacità nel fotografare, truccare, suonare, cantare, recitare o qualsiasi altra cosa si sappia fare, non per forza discipline artistiche. A partecipare alla competizione ci saranno talentuosi provenienti da 26 paesi del mondo, tutti a sfidarsi insieme ed in contemporanea a suon di talento, abilità e chi più ne ha più ne metta, con la speranza che non ne esca fuori una nuova Gemma del Sud (fenomeno dileguatosi da YouTube ormai da più di qualche tempo).

SUL WEB UN TALENT IN PIENA REGOLA. QUALE SARA’ IL RISULTATO FINALE? – L’esperimento si rivela una bella novità, anche se non del tutto originale, nell’ormai abusato genere talent, ancora per fortuna nei limiti del logoramento. The You Generation, rispetto alla giungla di proposte talentuose che si aggirano in Tv, porta l’aspetto innovativo dell’internazionalità espressa ad un nuovo livello. Fin’ora abbiamo visto un susseguirsi di viaggi internazionali di format, da X Factor importato dall’Inghilterra allo spagnolo Tale e Quale, passando per i Paesi Bassi da dove abbiamo carpito The Voice, assistendo ad un innumerevole numero di edizioni locali che raramente hanno interagito tra loro. Con l’utilizzo del web come base esclusiva, invece, si ha la possibilità di creare un unico contest che coinvolga insieme i diversi paesi del mondo, ed esprima l’aspetto internazionale della comunicazione digitale secondo una nuova forma. Il web più volte si è dimostrato capace di scovare personaggi dal richiamo mondiale, per fare un semplice esempio basta pensare alla rapida ascesa di Justin Bieber, tanto criticato quanto popolare, ma è la prima volta che si ricerca a tavolino un modo per convogliare i talentuosi avventurieri del web in un’unica vetrina virtuale. L’esperimento messo in atto, del tutto apprezzabile ed interessante, scoverà davvero talenti o ci mostrerà una miriade inimmaginabile di fenomeni da baraccone?

About Vito Tricarico

Nato nel cuore del sud nel 1993, diplomato da non molto come Tecnico della Gestione Aziendale. Curioso osservatore con la voglia di costruirsi ogni cosa con le proprie mani, dedica il proprio tempo a dilettarsi nella scrittura, nel disegno e dare seconda vita ad oggetti comuni.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *