Selvaggia Lucarelli e Flavio Briatore: frecciatine a colpi di Tweet

By on marzo 4, 2013
Foto di Selvaggia Lucarelli

text-align: center”>

SELVAGGIA LUCARELLI E FLAVIO BRIATORE: FRECCIATINE A COLPI DI TWEETSelvaggia Lucarelli, la conduttrice di Celebrity Now che collabora anche con Libero, a solo un paio di settimane dalla “discussione” con Valerio Scanu torna ad essere al centro di una querelle, stavolta con il boss di The Apprentice nonché marito di Elisabetta Gregoraci e leader delle feste in Costa Smeralda Flavio Briatore.

Tutto sembrerebbe scaturito da un lungo post che la Lucarelli ha scritto su Facebook in cui la donna rifletteva su quanto stia accadendo in Kenya in questi giorni, con le aggressioni nei confronti dei turisti italiani che crescono a dismisura. In particolar modo, Selvaggia Lucarelli esprime un suo giudizio sulla reazione che avrebbe avuto Briatore alla notizia di queste aggressioni.

L’uomo in Kenya ha un resort e sta per aprire Il Billionaire e ha detto che non è affatto un Paese violento ma che a dare origine ad accadimenti spiacevoli sarebbero i turisti che arrivano sul posto ostentando la ricchezza. A seguito di ciò, la Lucarelli ha giustamente riflettuto sul fatto che il Kenya abbia una storia che affonda la sue radici nel sangue, è caratterizzato da corruzione nei ranghi della polizia, dilaga violenza sessuale e dunque la celebre conduttrice ha espresso un suo parere su cosa intendesse Briatore per  posto tranquillo e cioè il fatto che lui, probabilmente, si riferisse alla lingua di sabbia abbellita con gli ombrelloni del suo resort dove, dice ironicamente la donna, l’incidente più grave sarebbe che un cocktail macchiasse un costume. “Non voglio omettere il fatto che Briatore dia lavoro a gente del posto, però ogni volta che vedo delle foto di lui immerso nelle acque cristalline insieme agli amici e alla sua famiglia con i camerieri che entrano in acqua vestiti per servirli provo un senso di disagio. Come può reagire un cameriere che ha sofferto la fame a vedere il pediluvio di Berlusconi, sfilate di Rolex e belle donne ingioilletate da capo a piedi?” ha scritto Selvaggia su Facebook.

Poi la donna ha espresso anche un suo parere sul nome del locale (il Billionaire appunto) che stride con la povertà del posto e aggiunge che a suo avviso è opportuno che anche gli imprenditori e non solo i turisti, rispettino il Paese, differenziando l’investire dall’ostentare. A conclusione del post, la Lucarelli mette una foto di Nathan Falco che indossa una t-shir più adatta a Porto Cervo con su scritto <<Scusate per il look ma mia madre è Super Fashon>>. La reazione di Briatore non si è lasciata attendere ed ha scritto un Tweet contro la donna. “La Lucarelli che parla tanto del Kenia, avesse lei la dignità di questo popolo invece di parlare male di tutto e tutti”.  A questo la Lucarelli ha risposto sempre su Facebook “Mi limito a dire che avere rispetto per un popolo è anche imparare a scrivere correttamente il nome del paese in cui quel popolo vive. Kenya, non Kenia.” Ne vedremo delle belle. Voi da che parte state?

About Dario Ghezzi

Dario Ghezzi nasce il 28 Giugno 1988. Fin da bambino matura la passione per la scrittura e il mondo dell’arte. Dopo il Liceo Classico si iscrive alla facoltà di Letteratura musica e spettacolo dell’Università la Sapienza di Roma laureandosi nel 2011. Nel 2012 si iscrive alla magistrale di Cinema Televisione e Produzione Multimediale dell’università Roma 3 e nello stesso anno ha frequentato una scuola di recitazione. E’ autore di tre romanzi usciti con ilmiolibro.it

One Comment

  1. SHATZELE

    marzo 4, 2013 at 13:27

    In questo caso e malvolentieri devo dare ragione alla Lucarelli!! Solo nel 1952 la rivolta dei MAU MAU l’etnia kikuyu preponderante in Kenia fece una strage dei colonialisti inglesi e delle etnie contrarie. Bisogna leggere per sapere che questo popolo fiero non accetta tanto supinamente l’aggressione “colonialista” dei turisti che vanno là con intenti di europeizzare il Paese. Occhio!!!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *