Servizio pubblico, Piertro Grasso telefona in diretta: “Da Travaglio accuse infamanti, lo sfido in tv”

By on marzo 22, 2013

text-align: center”>Servizio pubblico del 21 marzo su La7: Grasso contro Travaglio

Pietro Grasso come Silvio Berlusconi. Il paragone è diventato in poche ore un piccolo tormentone in rete dopo che il neoeletto presidente del Senato ha telefonato in diretta a Servizio pubblico per contestare la “mancanza di contraddittorio” e lamentarsi delle “accuse infamanti” di Marco Travaglio sul suo conto. Il tutto è avvenuto in tarda serata nella diciottesima puntata del programma di Michele Santoro. A scatenare l’ira dell’ex Procuratore nazionale antimafia sono state le parole di Travaglio, che ha ricordato come anche su Grasso vi siano molte ombre rispetto all’oleografia che ne fanno la stampa ufficiale e l’informazione tv. Già protagonista del noto attacco a Schifani nel 2008 dal salotto di Fabio Fazio (“Dopo di lui solo la muffa” disse del presidente del Senato che lo denunciò e vinse la causa per diffamazione), Travaglio non rinuncia a mettere in chiaro che anche il nuovo presidente del Senato, eletto con i voti dei grillini proprio contro Schifani, è meno limpido di quanto si voglia far credere.

Pietro Grasso ha chiesto di intervenire telefonicamente a Servizio pubblico non tanto per rispondere nel merito a Travaglio, quanto per sfidarlo a ripetere quelle stesse accuse in un confronto vis-à-vis. Scaltroed approfittatore, attento a non sfidare la politica con le sue inchieste, abile a sfruttare leggi ad personam per ottenere incarichi di potere. Questo e tanto altro nel ritratto che Travaglio fa di Grasso:

Grasso non è affatto quello che viene presentato (…) E’ molto furbo (…) si è sempre tenuto a debita distanza dalle indagini su mafia e politica, si è liberato quando era procuratore a Palermo di tutti i magistrati che indagavano su mafia e politica, si rifiutato di frimare l’atto d’appello contro l’assoluzione di Andreotti, ha preso le distanze da Caselli usufruendo di leggi incostituzionali del centrodestra per farlo fuori Caselli e diventare procuratore nazionale antimafia“.

Immediata la replica di Pietro Grasso, che pur confessando di non aver ascoltato le parole di Travaglio (gli sono state riferite da terzi), chiama in diretta per chiedere un confronto televisivo con il vicedirettore del Fatto Quotidiano. (Video dopo il salto, ndr)

Non ho sentito tutto l’intervento di Travaglio, che mi ha fatto delle accuse infamanti. Vorrei invitarlo a un confronto televisivo con carte alla mano, su tutto quello che di infamante è solito dire e scrivere sul mio conto, soprattutto sulla mia nomina a Procuratore Antimafia“.

Alla proposta di Michele Santoro, entusuasta all’idea che ci si giochi il guanto di sfida nell’arena di Servizio pubblico, Grasso precisa che la questione va sviscerata subito:

Non posso aspettare una settimana per replicare alle accuse infamanti di Travaglio

Dall’acceso confronto tv viene fuori una specie di rincorsa ad ospitare il duello Grasso-Travaglio nella prima occasione utile. Ed è proprio l’ex pupillo di Santoro a provare a fregargli l’esclusiva: “Piazzapulita invita ufficialmente il presidente @Grasso_P e @marcotravaglio alla prossima puntata per un confronto aperto e leale” scrive Corrado Formigli in tempo reale su Twitter. Lo stesso Santoro, invece, ha scommesso in diretta che Enrico Mentana sarà pronto ad accaparrarsi la sfida con uno dei suoi speciali.

About ClaudiaGagliardi

Nata a Pompei nel 1987, si è laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul pluralismo e l'indipendenza dell'informazione e sta per specializzarsi in Comunicazione istituzionale. Oggi si occupa delle pagine di attualità del portale Excite.it. Appassionata di giornalismo e di politica, segue con attenzione il mondo della televisione, spesso con occhio critico, soprattutto sul versante della qualità dell'informazione. Divoratrice di programmi di approfondimento e di satira, ma anche di serie tv ("Friends" e "Lost" su tutte) e di cinema, insegue il sogno di diventare giornalista professionista.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *