“Siamo arrivati primi ma non abbiamo vinto”. L’intervista di Pierluigi Bersani a Che tempo che fa

By on marzo 4, 2013
Il segretario del PD Pierluigi Bersani

text-align: justify”>Il segretario del PD Pierluigi Bersani

Il segretario  del PD Pierluigi Bersani, ha concesso la sua prima apparizione televisiva post-elezioni al salotto di Che tempo che fa, attraverso una pacata intervista guidata dal presentatore Fabio Fazio, reduce da una fortunata esperienza sanremese. Chi ha perso queste elezioni? Risulta difficile dare una risposta chiara, considerando lo stato confusionale nel quale verte il panorama politico al momento. Tutti i partiti sono usciti con le ossa rotte dai seggi, chi più e chi meno. Il Partito Democratico ha ottenuto 8.6 milioni di voti (25%) alla Camera e 8.3 milioni di voti al Senato (27%), troppo pochi per poter governare. Il Popolo delle Libertà capitanato da Silvio Berlusconi ha invece portato a casa 7.3 milioni di voti alla Camera (21%) e 6.8 milioni di voti al Senato (22%). Una differenza poco rilevante che rende il Senato assolutamente ingovernabile al momento.  Un ruolo decisivo è ricoperto da Beppe Grillo e dal suo Movimento 5 Stelle, che si è aggiudicato il posto di primo partito d’Italia. La volontà del comico genovese non appare del tutto chiara al momento.

“Cosa succede ora?” domanda Fabio Fazio al suo ospite. “Siamo primi ma non abbiamo vinto – replica Bersani – Non riusciamo a garantire da soli la governabilità”. Il segretario del PD evidenzia le difficoltà effettive di gestire un governo nelle attuali condizioni. “Il disagio sociale e la rabbia verso la politica ha penalizzato anche noi del Pd”. Bersani pone l’accento sulla responsabilità come elemento collegato al concetto di cambiamento, tramite un programma chiaro, breve e comprensibile da tutti. Un programma diviso in 8 punti fondamentali. La linea del Partito Democratico resta invariata: maggioranza aperta al M5S o si torna a votare. “Lo dico a Grillo che gioca a fare l’uomo mascherato: io non apro tavolini e non sto qui a scambiare le sedie. Possiede un movimento con un terzo dei parlamentari, decida che vuole fare altrimenti andiamo tutti a casa, anche lui”. “Che vantaggio avrebbe Grillo a votare la fiducia al PD?” domanda Fabio Fazio “Non si tratta di vantaggi ma di responsabilità. Grillo ha deciso di mettersi in gioco per entrare in parlamento e adesso deve decidere cosa fare. Ci vogliono i fatti” risponde il leader del PD. Il desiderio di Bersani è quello di creare un governo completamente rinnovato, aperto alle donne, ai giovani e alle presenze esterne dei partiti, purché si tratti di persone competenti. Bersani nega qualsiasi tipo di attrito con il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, escludendo che egli possa prolungare il proprio mandato, perciò il nuovo governo dovrà cercare un degno sostituto a breve.  Le divergenze tra il PD e il M5S sono evidenti, ma Bersani auspica di trovare un punto in comune per riuscire a governare il paese.

About SimonaBerterame

One Comment

  1. Ok MORANDO SERGIO Crocefieschi Genova Malpotremo Lesegno Italia Argentina San Morando

    marzo 5, 2013 at 00:25

    Belin ..ha perso tempo ( SENZA NULLA FARE ) a dare parvenza di caccia solo al ” Drosophila suzukii ” posato come al solito sulla fragola Bernarda di turno..
    Si è visto il bettola NON in fatti ma in sole parole ..parole..soltanto parole e parole..di fatti quasi nulla facendo solo finte scaramucce televisive con i soliti..usando parole mosce ,sonnolenti , e presenziate da tanti tic nervosi.. “forse” perché punto (ma non è una scusa..) da tanti insetti conosciuti come mosche del sonno: Tsè-Tsè ..presenti nelle nefande riunioni ..E ora vedono le STELLE non soltanto di notte ..ma sopratutto anche di giorno !!! Che sinistra di destra..con BLUFF tecnico.. Avete qui entrambi preso in giro gli Italiani onesti ed i Lavoratori, senza contare tutti gli scandali..uso e sperpero di DENARO PUBBLICO, stipendi e pensioni da nababbi ecc. ecc. etc. Avete mandato quasi l’Italia in totale affondo ! PORCU BELIN MARSU !!!
    Morando

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *