The Voice: gli ascolti della quarta puntata. Tanti ex in cerca di una nuova possibilità

By on marzo 29, 2013
foto del palco di the voice

text-align: justify”>foto del palco di the voiceTHE VOICE OF ITALY: LA QUARTA PUNTATA. Continua il successo del nuovo talent show: The Voice of Italy. Ieri sera, nonostante l’agguerrita concorrenza, la trasmissione è riuscita a totalizzare 3.432.000 telespettatori pari al 13.67% di share, risultando il secondo programma più visto della serata, dopo la fiction di Rai1 Che Dio ci aiuti. Il talent ha battuto anche l’ammiraglia Mediaset che con il film Immaturi con Raoul Bova e Luisa Ranieri tra i protagonisti, ha totalizzato  3.497.000 telespettatori pari al 13.34% di share. La serata di ieri è stata l’ultima puntata della prima fase dedicata alle blind audition: audizioni al buio. I quattro giudici hanno completato le loro squadre assicurandosi 16 voci ciascuno. Il primo a chiudere, come prevedibile, è stato Piero Pelù seguito a rotazione da Noemi. Poi è stata la volta della Raffa nazionale e ultimo il maestro Cocciante. Arrivati alla fine i coach erano visibilmente stanchi, in quanto le quattro puntate di blind, sono state registrate di seguito in un’unica serata. Alcune scelte prese verso la fine sono sembrate abbastanza incoerenti, rispetto all’alto livello di cantanti che hanno partecipato alle audizioni. Tra i vari concorrenti gli ex la hanno fatta da padrone: ex Amici, ex X Factor, ex Ti lascio una canzone e addirittura ex Sanremo. I talenti che hanno ben chiaro quale è il proprio obiettivo nella vita non si fermano al primo ostacolo, ma continuano a lottare per intercettare la strada giusta che li porterà al successo.

Tra questi, ieri sera abbiamo addirittura visto Danny Losito. 47enne della provincia di Bari, Denny ha alle spalle una lunga carriera fatta di molti successi. Il grande pubblico ha potuto apprezzarlo a Sanremo 2004 e al talent show Music Farm nel 2005, in entrambe le occasioni sotto la guida di Simona Ventura. Nonostante i successi, per Danny le porte della discografia si sono improvvisamente chiuse, ma lui, molto umilmente non molla e riparte da zero mettendosi in gioco nel talent show. Per i quattro coach restano inalterati i giudizi delle prime tre serate: Piero Pelù grande rivelazione, ha i tempi televisivi e anche il giusto linguaggio per far breccia nel cuore dei concorrenti e del pubblico. Raffaella Carrà si conferma essere una regina della televisione che riesce a stare al passo con i tempi senza mai perdere di credibilità. Ieri sera aveva perso un po’ di smalto, probabilmente la stanchezza cominciava a prendere il sopravvento. Cocciante un maestro della musica italiana, lo ha penalizzato il non saper utilizzare il mezzo televisivo a suo favore e il non riuscire ad esprimere completamente quello che sentiva. Nonostante tutto è riuscito ad aggiudicarsi dei talenti che potrebbero portarlo dritto alla vittoria finale (la giovane albanese Elahida Dani, la napoletana Maria Teresa Amato e il 20enne Donato Perrone). Noemi a volte troppo scontata, ci aspettavamo molto di più da una figlia dei talent show, che dovrebbe conoscere il meccanismo meglio di tutti gli altri. Settimana prossima si volta pagina perché comincerà la fase battle. Appuntamento giovedì alle 21 su Rai2 per la quinta puntata di The Voice of Italy.

About Salvatore Petrillo

Avellino gli ha dato i natali, sotto il segno del Toro. La sua passione per la conduzione televisiva e tutto quanto fa spettacolo è nata con lui e fin da piccolo partecipa a feste, recite e saggi. All’età di 8 anni comincia lo studio del pianoforte frequentando poi il Conservatorio “D.Cimarosa” di Avellino. Laureatosi prima in Scienze della Comunicazione presso l’Università degli studi di Salerno e poi in Editoria, comunicazione multimediale e giornalismo presso l’Università La Sapienza di Roma con il massimo dei voti, continua ad approfondire e conoscere meglio tutte le varie sfaccettature del mondo televisivo. Collabora con il quotidiano a tiratura regionale Corriere dell’Irpinia scrivendo di attualità, cronaca, spettacolo e con l’agenzia di organizzazione eventi ADVS di Roma. Dopo una parentesi di un anno e mezzo a Londra, dove ha cercato di rubare i trucchi del giornalismo anglosassone, torna in Italia per frequentare un corso di dizione e uso della voce e uno di conduzione televisiva presso l’Accademia 09 di Milano. In futuro sogna di farsi strada nel mondo della conduzione televisiva e dello spettacolo.

One Comment

  1. rossella

    marzo 29, 2013 at 15:03

    Ho trovato interessante questa scelta di restituire visibilita’ ad artisti che avevano partecipato ad altre trasmissioni.
    Infatti The Voice non nasce come scuola e’ uno spettacolo che si avvale del linguaggio del talent.
    Io ho notato solo giovani artisti e nessuno direbbe che un artista e’ un ex talent. Si puo’ essere ex di se stessi?
    Che vuol dire ex talent?
    Ciascuno ha una sua personalita’ e si mette in gioco come crede.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *