The Voice of Italy: buona la prima. Gli ascolti del debutto

By on marzo 8, 2013
foto del logo di the voice

text-align: justify”>foto del logo di the voiceBUONISSIMO ESORDIO PER IL NUOVO TALENT DI RAIDUE: THE VOICE OF ITALY. La trasmissione nonostante la fortissima concorrenza ha realizzato 3.376.000 telespettatori, per uno share del 12.34%. Su Rai1 gli spettatori per le due puntate di Che Dio ci aiuti 2 sono stati 6.125.000 per uno share del 19.82%  nella prima e 5.726.000, per uno share del 21.01% nella seconda. Canale5 con la prima visione del film Benvenuti al Sud ha fatto meglio dell’ammiraglia Rai realizzando 6.084.000 telespettatori per uno share del 21.05%. Su La7 la puntata di Servizio Pubblico di Michele Santoro è stata vista da  2.858.000 telespettatori per uno share dell’11.64%, mentre Rete4 con l’incontro di Europa League Tottenham -Inter ha ottenuto 2.535.000 telespettatori, per uno share dell’8.51%. Il 12.34% di share, in una serata difficilissima come il giovedì è sicuramente un ottimo inizio, per una premiere che ha fatto meglio di qualsiasi altro debutto di talent show su Rai2. La prima puntata di X Factor nella primavera del 2008 realizzò 1.978.000 telespettatori ed il 9.35% di share. X Factor 2 al debutto il 12 gennaio 2009 ottenne 3.146.000 telespettatori ed il 14.37% di share. La premiere dell’edizione numero 3 che segnò l’addio in giuria di Simona Ventura e l’ingresso di Claudia Mori, trasmessa nell’autunno del 2009 fu vista da  2.405.000 telespettatori, pari al 12.03% di share. Per l’ultima edizione targata Rai di X Factor gli spettatori della prima puntata furono 2.549.000, pari all’11.02% di share. Disastroso invece il debutto di Star Accademy che il 29 settembre del 2011 ottenne 1.351.000 telespettatori pari al 6.41% di share, e fu chiuso dopo tre puntate.

La trasmissione ha convinto il pubblico a casa. I giudici formano un mix ben assortito, il livello dei talenti è abbastanza alto, lo studio imponente e ben realizzato, la regia e le luci perfette. Uniche pecche: il montaggio troppo monotono e Troiano fuori luogo, ma speriamo in un miglioramento nelle prossime puntate. The Voice è il format sul quale Rai2 scommette maggiormente per riaccendere il canale e riportare quella fetta di pubblico giovane davanti al piccolo schermo. L’intento iniziale è stato per il momento raggiunto.

Da sottolineare che la trasmissione al giovedì sera ha realizzato lo stesso risultato di Red or Black (3.463.000 telespettatori con il 12.72% di share, nella puntata del 1 Marzo) in una serata meno competitiva come il venerdì su Rai1. Sicuramente se fosse stato programmato sulla rete ammiraglia Rai avrebbe ottenuto un risultato migliore di quello che ha avuto su Rai2. The Voice ha tutte le carte in regola per essere un programma di successo per la rete uno. Perché in Rai sbagliano molto spesso le scelte? Per il momento la trasmissione è promossa. Aspettiamo giovedì prossimo per capire se il pubblico sarà ancora attratto dalla fase blind della gara e se gli autori sapranno stupirci con qualche novità nel montaggio.

About Salvatore Petrillo

Avellino gli ha dato i natali, sotto il segno del Toro. La sua passione per la conduzione televisiva e tutto quanto fa spettacolo è nata con lui e fin da piccolo partecipa a feste, recite e saggi. All’età di 8 anni comincia lo studio del pianoforte frequentando poi il Conservatorio “D.Cimarosa” di Avellino. Laureatosi prima in Scienze della Comunicazione presso l’Università degli studi di Salerno e poi in Editoria, comunicazione multimediale e giornalismo presso l’Università La Sapienza di Roma con il massimo dei voti, continua ad approfondire e conoscere meglio tutte le varie sfaccettature del mondo televisivo. Collabora con il quotidiano a tiratura regionale Corriere dell’Irpinia scrivendo di attualità, cronaca, spettacolo e con l’agenzia di organizzazione eventi ADVS di Roma. Dopo una parentesi di un anno e mezzo a Londra, dove ha cercato di rubare i trucchi del giornalismo anglosassone, torna in Italia per frequentare un corso di dizione e uso della voce e uno di conduzione televisiva presso l’Accademia 09 di Milano. In futuro sogna di farsi strada nel mondo della conduzione televisiva e dello spettacolo.

One Comment

  1. Cecilia

    marzo 8, 2013 at 14:35

    FLOP FLOP FLOP

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *