Vodafone, l’Unione consumatori denuncia: “Lo spot del pinguino Pino è ingannevole”

By on marzo 3, 2013

text-align: center”>Spot Vodafone pinguino Pino: è ingannevole

Vodafone, l’Unione consumatori denuncia: “Spot del pinguino Pino è ingannevole” – Chi non conosce ormai Pino il pinguino, il famoso protagonista del nuovo spot della Vodafone? La nuova mascotte della compagnia telefonica sta letteralmente spopolando in tv, ma anche sul web e sui social network, grazie al ritmo cadenzato del brano “Illimitatamente“, cantato da Elio e le Store Tese, tornati alla ribalta grazie al grande successo all’edizione di Sanremo di quest’anno. Dopo Bruno, l’orso doppiato da Diego Abatantuono, Vodafone continua a puntare sul binomio personaggi famosi e simpatici animali per promuovere le offerte dedicate ai clienti, ma la trovata relativa all’ultimo spot, che pubblicizza la promozione “Vodafone Unlimited” ha scatenato un’aspra polemica. Sembra infatti che l’offerta della compagnia telefonica non corrisponda perfettamente a quanto illustrato nel messaggio pubblicitario.

L’Unione Nazionale dei Consumatori ha recentemente sporto denuncia presso l’Antitrust (Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato) nei confronti di Vodafone per pubblicità ingannevole. Oggetto della denuncia dell’Unc è il contenuto dello spot in merito all’offerta Vodafone, che non prevede realmente un traffico “illimitato” così come sponsorizzato in tv. Nella reclàme, il pinguino Pino illustra la promozione come una tariffa molto conveniente attivabile da tutti i clienti Vodafone, con la possibilità di ottenere messaggi gratuiti verso tutti e internet illimitato a 11,90 euro al mese. Una tariffa che però, secondo quanto afferma il segretario generale dell’Unc Massimiliano Dona, non corrisponde perfettamente alla realtà…

Attivando l’offerta “Vodafone Unlimited” si constata che l’avverbio “illimitatamente” può sì corrispondere ai messaggi senza limiti, ma non al traffico internet disponibile: questo infatti ha una soglia di 1 GB al mese, e una volta superata tale soglia, la velocità massima di navigazione scende drasticamente a 32 kbps, “rendendo impossibile la navigazione tanto che – spiega Dona – i consumatori saranno costretti ad attivare un servizio aggiuntivo con un ulteriore esborso di denaro“. Inoltre, nel messaggio pubblicitario viene omesso un particolare importante e cioè l’attivazione automatica, insieme alla promozione Unlimited, della tariffa riguardante il traffico voce, “Open 200“, che comprende 200 minuti di telefonate al giorno verso tutti al costo di 1 euro dopo la prima telefonata della giornata. Anche se è possibile disattivare questo piano tariffario in seguito, mantenendo attiva soltanto la “Unlimited“, secondo l’Unc, la mancata comunicazione dell’attivazione della tafiffa rende il messaggio pubblicitario ingannevole. Sta ora all’Agicom decidere se lo spot Vodafone sia da considerare truffaldino, con immediata ripercussione sulla credibilità del pinguino Pino.

About ClaudiaGagliardi

Nata a Pompei nel 1987, si è laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul pluralismo e l'indipendenza dell'informazione e sta per specializzarsi in Comunicazione istituzionale. Oggi si occupa delle pagine di attualità del portale Excite.it. Appassionata di giornalismo e di politica, segue con attenzione il mondo della televisione, spesso con occhio critico, soprattutto sul versante della qualità dell'informazione. Divoratrice di programmi di approfondimento e di satira, ma anche di serie tv ("Friends" e "Lost" su tutte) e di cinema, insegue il sogno di diventare giornalista professionista.

One Comment

  1. fabio

    marzo 17, 2013 at 16:21

    Finalmente qualcuno che pubblica la verita su fatti e misfatti di operatori telefonici che propinano ogni giorno nuovi modi di rubare letteralmente soldi alla propria clientela senza la trasparenza che ci vorrebbe sopratutto in una pubblicità. Speriamo che l’anti trust decida per l’oscuramento del video pubblicitario.
    Grazie Claudia.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *