Amadeus: “Mi auguro di tornare a Rai1 con delle prime serate o dei quiz”

By on aprile 23, 2013
foto di amadeus

text-align: justify”>foto di amadeusAMADEUS E’ TRA I PROTAGONISTI DEL NUOVO SHOW: ALTRIMENTI CI ARRABBIAMO.  Nel talent, che terrà compagnia ai telespettatori di Rai1 per un’altra settimana, il conduttore sta imparando la difficile disciplina della beat-boxing, che consiste nel riprodurre i suoni di una batteria con la bocca. Amadeus, ha scelto di tornare su Rai1 alla corte di Milly Carlucci, in attesa di qualche progetto che lo veda protagonista sulla rete ammiraglia Rai. In una recente intervista al settimanale VeroTv, si racconta tra presente e sogni futuri. Il conduttore, all’apice del successo, decise di lasciare l’Eredità per approdare a Mediaset. I tre anni in quel di Cologno, non sono stati molto fortunati, e da quel difficile periodo ha imparato che: “Quando un programma va bene non bisogna lasciarlo”. Quanto alle differenze tra Rai e Mediaset sottolinea: “Mi sono trovato bene in entrambe le aziende, ma la Rai è casa mia: mi trovo a mio agio e mi ha dato più chance rispetto a Mediaset”. Nel corso di quegli anni al Biscione, Amadeus testò più di un quiz: “L’unico flop è stato Formula Segreta, perché 1 contro 100 rimane dopo Passaparola il preserale più seguito di Canale5, insieme ad Avanti un altro di Bonolis”. Allo scadere dei tre anni di contratto con Mediaset, fece subito ritorno a casa Rai alla trasmissione Mezzogiorno in famiglia, che continua a condurre ancora oggi, ogni sabato e domenica su Rai2: “Sono soddisfatto di lavorare con Michele Guardì perché s’intende di televisione. Ma sarei bugiardo se vi dicessi che non mi auguro di tornare a lavorare a Raiuno, con delle prime serate o con dei quiz. Rai2 è una gratificazione, ma Amadeus continua a sperare in un ritorno alla rete ammiraglia, magari proprio in seguito a questa sua partecipazione ad Altrimenti ci arrabbiamo.

Il conduttore, parla poi del rapporto che lo lega da diverso tempo a Giovanna Civitillo: “Quando ci siamo messi insieme dicevano che era avvantaggiata, mentre da quando sta con me il lavoro l’ha perso”. Anche sulla sua compagnia ha le idee chiare e delle speranze per il futuro: “Non è felice di questa inattività, perché sa che potrebbe fare molte cose che però non le vengono offerte. Credo che prima o poi qualcuno capirà il suo valore. A distanza di sette anni la gente per strada la riconosce ancora e le chiede della scossa: è rimasta un simbolo dell’Eredità”. Per il futuro in definitiva sogna di tornare a Rai1 magari con un nuovo quiz, e spera che gli addetti ai lavori percepiscano il talento di Giovanna. Nell’attesa di rivederlo tra i volti della prima rete della tv di Stato, gli facciamo un in bocca al lupo per l’attuale impegno nel talent di Milly Carlucci.

About Salvatore Petrillo

Avellino gli ha dato i natali, sotto il segno del Toro. La sua passione per la conduzione televisiva e tutto quanto fa spettacolo è nata con lui e fin da piccolo partecipa a feste, recite e saggi. All’età di 8 anni comincia lo studio del pianoforte frequentando poi il Conservatorio “D.Cimarosa” di Avellino. Laureatosi prima in Scienze della Comunicazione presso l’Università degli studi di Salerno e poi in Editoria, comunicazione multimediale e giornalismo presso l’Università La Sapienza di Roma con il massimo dei voti, continua ad approfondire e conoscere meglio tutte le varie sfaccettature del mondo televisivo. Collabora con il quotidiano a tiratura regionale Corriere dell’Irpinia scrivendo di attualità, cronaca, spettacolo e con l’agenzia di organizzazione eventi ADVS di Roma. Dopo una parentesi di un anno e mezzo a Londra, dove ha cercato di rubare i trucchi del giornalismo anglosassone, torna in Italia per frequentare un corso di dizione e uso della voce e uno di conduzione televisiva presso l’Accademia 09 di Milano. In futuro sogna di farsi strada nel mondo della conduzione televisiva e dello spettacolo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *