“Detto Fatto”: la prossima stagione il programma potrebbe non essere riconfermato

By on aprile 11, 2013

text-align: center”>

DETTO FATTO: LA PROSSIMA STAGIONE POTREBBE NON ESSERE CONFERMATO – Una nuova brutta delusione sta per abbattersi su Caterina Balivo? Sembra proprio di sì. La donna, solo qualche settimana fa, aveva dichiarato di aver attraversato un periodo difficile negli ultimi mesi, quando era stata allontanata dalla tv e dalla Rai che le aveva sottratto la fascia oraria del primo pomeriggio. Tuttavia, il brutto momento sembrava essere passato visto che a breve avrebbe condotto un nuovo programma, proprio su Raidue, riappropriandosi del suo spazio quotidiano.

Ebbene, Detto Fatto è iniziato da alcune settimane ma non sembra aver portato così tanta fortuna alla bella Caterina. Il tutorial, infatti, non ha superato il 4-5 % di share facendo paventare all’orizzonte la chiusura o comunque il mancato rinnovo nella prossima stagione. E, come anticipa La notizia, quest’ultima possibilità non sembra tanto lontana.

Detto fatto potrebbe non essere confermato la prossima stagione, concludendo il suo ciclo di puntate il prossimo mese. Nonostante delle voci, che vorrebbero la chiusura anticipata dovuta alle ospitate di personaggi come Costantino Vitagliano, sembra che l’ipotesi più accreditata per questa ingloriosa fine sia proprio da attribuire agli ascolti troppo bassi. La strategia del secondo canale Rai di alzare lo share per quella fascia oraria non è dunque andata a buon fine. Cosa succederà adesso? Come rivelato da La notizia emerge una prima rosa di nomi che potrebbero prendere il posto della Balivo e cioè Monica Leofreddi, già conduttrice de L’italia sul 2, ma anche Roberta Capua, lontana dal video da qualche anno. Anche Antonello Piroso sarebbe in trattative con la Rai.

Certo, una vera e propria delusione per Caterina Balivo, ma forse prevedibile in partenza, considerando il tipo di programma. I tutorial vanno per la maggiore in reti digitali come Real Time, ma evidentemente proporre qualcosa del genere su una tv generalista che cerca di accaparrarsi una fascia di pubblico tra i 45 e i 50 anni non sembra essere la strategia miglire per rinvogorire gli ascolti della rete. Quello che è certo è che probabilmente la Balivo dirà presto la sua…

About Dario Ghezzi

Dario Ghezzi nasce il 28 Giugno 1988. Fin da bambino matura la passione per la scrittura e il mondo dell’arte. Dopo il Liceo Classico si iscrive alla facoltà di Letteratura musica e spettacolo dell’Università la Sapienza di Roma laureandosi nel 2011. Nel 2012 si iscrive alla magistrale di Cinema Televisione e Produzione Multimediale dell’università Roma 3 e nello stesso anno ha frequentato una scuola di recitazione. E’ autore di tre romanzi usciti con ilmiolibro.it

2 Comments

  1. marta

    aprile 13, 2013 at 21:23

    certo che di stronzate ne scrivete tante..soprattutto quando addebitate la chiusura anticipata a costantino vitagliano…ahaha magari lo invitassero tutte le volte!lo share e gli ascolti salirebbero alle stelle!

  2. rossella

    aprile 14, 2013 at 08:47

    Io non la penso come Marta. Non e’ una critica rivolta a Costantino; ne faccio una questione d’identita’ di rete. Come dico anche che l’impianto di molti programmi sembra strizzare l’occhio ad un tipo d’impostazione che e’ nel DNA della televisipne commerciale. Il sabato sera ad esempio non c’e’ piu’ il Capostruttura i prima fila.
    Raramente vengono presentati i vertici dell’Azienda.
    Mi dispiace: la Rai un tempo appariva piu’ squadra.
    I conduttori dovrebbero invitare i dirigenti e non puntare sul superospite. A Carramba spesso in platea sedevano artisti piu’ o meno importanti e venivano salutati brevemente.L’inviato era Walter Santillo. Ora e’ tutto molto approssimativo e omogeneo.
    Detto fatto in una cornice diversa ci poteva anche stare. Adesso sembra un programma da emittente locale ma la colpa non e’ certamente imputabile a Caterina Balivo anche se non conosco il suo tipo di conduzione.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *