Don Matteo 9: Le prime anticipazioni sulla trama

By on aprile 15, 2013

text-align: center”>

DON MATTEO 9, LE PRIME INDISCREZIONI SULLA TRAMA – Trapelano le prime indiscrezioni dal set spoletino della nona stagione di Don Matteo, che, dopo la conferma del cambio di location da Gubbio a Spoleto, vedrà nella trama new entry e clamorose uscite di scena, come quella della neo sposa Patrizia Cecchini (Pamela Saino) che abbandonerà per questa stagione l’amato marito Giulio Tommasi (Simone Montedoro), che resterà invece nella fiction. Dopo otto anni di onorate riprese in quel di Gubbio, è ormai ufficiale il cambio di location nella centrale piazza duomo di Spoleto scelta come punto principale per il diramarsi della storia, dove si trasferiranno il maresciallo Cecchini (Nino Frassica), il capitano Tommasi ma senza la fresca mogliettina e, ovviamente, il protagonista della fiction don Matteo, interpretato da Terence Hill. Cambio anche di parrocchia per il prete, che ora si ritroverà  a dire messa (e a risolvere i casi di omicidio un minuto prima dei carabinieri) nella basilica spoletina di sant’Eufemia.

DON MATTEO 9, DON MATTEO CONVOCATO A ROMA, TOMMASI SENZA LA MOGLIE – Il cambio di location, che sicuramente non passerà inosservato dai tanti fans della fiction, verrà giustificato e spiegato nella prima scena della nuova stagione. Come si apprende dalle pagine de Il Giornale Dell’Umbria, pare infatti che la fiction si aprirà con la convocazione di don Matteo a Roma, dove si recherà per poi apprendere di essere stato trasferito a Spoleto, cittadina umbra a pochi chilometri da Gubbio. Il trasferimento non dovrebbe sconvolgere molto la linea generale su cui si sono costruite ben otto stagioni della fiction, ma non è ancora dato sapere che destino è stato preservato per la coppia Tommasi/Cecchini (Patrizia ndr), convolata a nozze sul finire della scorsa stagione ma già separata, almeno fisicamente, sul nascere di questa nuova. Non è ancora chiaro nemmeno come verrà giustificato il trasferimento del capitano e del maresciallo, che seguiranno don Matteo nella stessa cittadina. 

IL M5S CHIEDE IL MIGLIORAMENTO DEL DECORO URBANO DELLA CITTÀ – Prima di saperne di più anche su questo aspetto, sappiamo fin’ora che le riprese si sposteranno per qualche scena nel chiostro dell’abbazia di Sassovivo a Foligno. Niente Gubbio, dunque, ma sempre Umbria che, grazie alla grande portata della fiction ed al folto seguito di appassionati che la seguono assiduamente, avrà modo ancora una volta di pubblicizzare al meglio il proprio territorio. Su questo punta il gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle di Spoleto che ha chiesto a gran voce al sindaco della cittadina di migliorare il decoro urbano, sia per una migliore immagine per i turisti che si stima aumenteranno invogliati dalla fiction, ma anche e soprattutto per migliorare la qualità dello spazio pubblico per i cittadini stessi. Tra gli altri interventi, il gruppo ha richiesto un migliore posizionamento dei cestini per i rifiuti e più attenzione alla pulizia delle strade cittadine. Per dovere di cronaca, le riprese della nona stagione della fiction prenderanno il via il 13 maggio per dodici settimane, e da domani partiranno i casting alla ricerca di comparse e figuranti.

About Vito Tricarico

Nato nel cuore del sud nel 1993, diplomato da non molto come Tecnico della Gestione Aziendale. Curioso osservatore con la voglia di costruirsi ogni cosa con le proprie mani, dedica il proprio tempo a dilettarsi nella scrittura, nel disegno e dare seconda vita ad oggetti comuni.

17 Comments

  1. Rossella

    aprile 15, 2013 at 18:42

    Penso che questa serie dovrebbe chiudere il ciclo: troppo lunga e troppe repliche! Un serie ti deve lasciare qualcosa: alla fine diventa una soap infinita dove i personaggi vivono la qualunque per vevitare il piattume narrativo! La nostra fiction scandisce le stagioni della storia nazionale: anche no! Mi sembra un poema epico: anche Il maresciallo Rocca un giorno è finto. E’ stato brutto ma ce ne siamo fatti una ragione! Sarebbe un bel segnale anche per i giovani: evolviamoci! E al posto delle repliche mi aspetterei un palinsesto dove dopo Trilussa s’inserisce – che ne so?- Un viaggio chiamato amore, tanto per dare continuità al lavoro di Placido: invece vedo che si ripropongono sempre le stesse tematiche!

    • Benedetta

      maggio 1, 2013 at 07:07

      Dopo la lunga amicizia, fidanzamento e finalmente sposati tra Giulio ( Cap.) e Patrizia ( Pamela) nn c’è la futura moglie!
      Mah!
      Se è costata troppo il costo della stagione, metti la moglie Patrizia! Almeno investiga insieme, con Don Matteo! Eh!

      • rossella

        maggio 25, 2013 at 11:12

        A me non sono sembrati mai amici! La loro storia e’ nata in una maniera molto credibile. C’e’ stata una vera trasformazione del personaggio. Il Capitano e’ arrivato a Gubbio con una visione della vita e poi si e’ letta quasi una conversione. Per come era stato concepito non avrebbe mai notato Patrizia. La sua fidanzata, sua madre e la sua casa lo raccontavano come un uomo molto arido. Infatti si mostra da subito ostile anche a Don Matteo. Figuriamoci se poteva essere amico di una ragazza tanto umile. Il loro incontro e’ un pretesto.
        Poi in quel caso gli autori sono stati molto bravi a lavorare sul profilo di Patrizia. Se avesse sposato subito il Capitano da semplice sarebbe apparsa ingenuotta, sempliciotta.
        Invece ha avuto una sua evoluzione: si e’ trasformata e ormai e’ un personaggio indipendente e femminile!

        Il divorzio non sarebbe credibile, a quel punto questa conversione diventerebbe una farsa e il copione comincerebbe a fare acqua da tutte le parti: alla luce dei fatti appartengono a due mondi diversi. Ma perche’ li hanno fatti sposare se la partecipazione dell’attrice era in forse? Io avrei fatto in modo che sposasse Ilaria Spada con buona pace di tutti.
        Non saprei come uscirne perche’ come ti muovi fai danni. La soluzione sarebbe quella di far tornare il personaggio interpretato dalla Spada e di fare in modo che il Capitano ritori l’uomo accondiscendente e mistificatore di prima. Lo mettono sullo sfondo della storia e lasciano spazio ad altri amori. C’e’ la sorella di Patrizia.

  2. Nadia

    aprile 26, 2013 at 11:54

    Pur essendo una fiction carina mi auguro finisca con questa serie, è meglio,hanno stravolto troppo, il cambio di location,che al limite ci può stare,ma il capitano vedovo,terribile da accettare per tutti i fan che hanno sognato per la coppia Giulio e Patrizia e che hanno contribuito alla grande a far crescere i numeri di ascolto di questa fiction,soprattutto negli ultimi due anni,nuove figure femminili in entrata,cosa che nessuno voleva,in un Don Matteo un cambio del genere non doveva essere fatto,tantissimi di noi rinunceranno a vedere la nona serie per colpa di questo cambiamento deludente,peccato, immagino abbiano previsto che non sortiranno lo stesso risultato delle serie passate, e come tutte le cose belle anche questa finirà,sembra già di intravvedere la parola fine!!

    • Vito Tricarico

      aprile 26, 2013 at 23:15

      Sul destino della coppia Giulio/Partizia ancora non si sa nulla di certo, è sicuro che non li vedremo insieme ma non è (ancora) detto che lei morirà!

      • rossella

        aprile 27, 2013 at 09:25

        Mi aspettavo un divorzio o quantomeno una separazione. Certo, il divorzio sarebbe l’ideale.
        Alla morte di Patrizia proprio non avevo pensato.
        Mi sembrava troppo da soap: avevo scartato questa ipotesi!
        Poialtro grande assente e’ il tema dell’amicizia tradita. Mai doppiogiochismi… Mi sembra piu’ realistico C’e’ posta per te. Anche in caserma tutto procede senza intoppi.
        Pero’ dico: lasciamo tutto come sta!
        Dopo tante edizioni sarebbe un tradimento per il pubblico che proietta in quel soggetto tutte le proprie inquietudini e per quelle due ore si sente rinfrancato al pensiero che esiste un altrove piu’ giusto… Il rischio e’ quello di credere che la giustizia venga dall’esterno.
        Forse e’ meglio lasciar correre perche’ e’ solo un film e non puo’ sostituirsi al Pontificio consiglio per la famiglia.
        Io farei ritornare Patrizia e concluderei la storia senza snaturare il soggetto. Altrimenti diventa un Concilio.
        Ci vuole molta umilta’ anche quando sarebbe preferibile non addentrarsi in certi sentieri. Non si parla mai d’integrazione. Ci sono mille argomenti ma si ritorna spesso sul Vangelo. Vedo che la televisione e’ molto sensibile a questo argomento.

  3. Francesca

    maggio 24, 2013 at 13:50

    personalmente ho seguito Don Matteo dalla prima serie, Amavo le storie, i personaggi e l ambientazione mi sono affezionata alla famiglia Cecchini, alle figlie che crescevano. Ho aspettato il matrimonio e speravo di vedere il seguito. Patrizia morta o lontano, il capitano che fa il casca morto con le altre non è degno di questa Fiction ma di una qualsiasi soap opera , Mi dispiace chi ha preso queste decisioni ha tradito il pubblico e il messaggio d questa storia .Questo non è il Don Matteo che amavamo.

  4. Francesca

    maggio 24, 2013 at 13:55

    Seguo Don Matteo dalla prima serie, Mi so affezionata agli attori e ai loro personaggi, alle ambientazioni ormai note, al messaggio che si voleva trasmettere. Abbiamo visto le,figlie di Cecchini crescere, Ci siamo entusiasmati per l amore e il matrimonio di Patrizia e Giulio e aspettavamo con ansia il logico seguito.Patrizia morta o lontana, Tommasi solo don Giovanni e donnaiolo non è certo il nostro personaggio. Non è più la nostra storia . non i riconosco né nel messaggio che si vuole trasmettere ne questo è il Don Matteo cha amavo. chi ha preso queste decisioni ha fatto un torto a troppi affezionati telespettatori.

  5. Franca

    maggio 24, 2013 at 15:07

    A gennaio quando sono apparse le prime indiscrezioni su dm non riuscivo a credere che stessero facendo una cosa simile, non avevo mai scritto protestando per un programma televisivo, ma negli ultimi mesi questa è la quinta o sesta lettera che mando, per quel che può valere visto che i vertici che hanno deciso queste nuove linee innovative hanno dal loro anni di successi, ma secondo me il successo qui lo avevano ottenuto grazie ad un alchimia quasi magica tra i personaggi con cambi di personaggi ma graduali e veramente pochi in tutti questi anni, adesso in botto quattro nuovi arrivi da inserire, due figlie di cui una scomparsa e l’altra messa nel limbo, anche la moglie di cecchini sembra avrà un ruolo quasi inesistente, ma dove è andata a finire la famosa morale di questa storia che ci ha incantato per anni? Mi sembra un medico in famiglia o peggio ancora beautiful.
    Mi dispiace davvero ma non so’ se riuscirò a guardarla

  6. claire

    maggio 24, 2013 at 20:13

    Che delusione questa fiction ragazzi. allora premetto che non sono una fanatica delle fictions, però ho seguito, posso dire con gioia le ultime due serie di Don Matteo attratta dalla bellissima storia d’amore del capitano Tommasi e di Patrizia Cecchini, una coppia magica che ha fatto sognare giovani e meno giovani. Adesso purtroppo la coppia è stata eliminata il capitano è rimasto solo, Patrizia non si sa che fine farà perché è tutto top secret. si legge di nuove personaggi e di nuove linee narrative. Ma i fans non contano per niente ? Ma che farà cecchini senza le sue figlie ? starà a controllare il genero e le sue nuove avventure ? Oppure sarà nonno, nonno di un bambino orfano di madre, e ci parlano di scene comiche e di risate, ma quali risate, per che cosa ? Cecchini ci farà ridere, o piangere visto che una figlia è scomparsa non si sa come, l’altra poco presente. Da quello che si legge ci saranno tanti nuovi personaggi, mi pare ci sia una gran confusione ma mi chiedo ma che fine ha fatto la nostra bella storia ???

  7. Tina

    giugno 27, 2013 at 13:32

    L’unica attrazione di questa fiction per noi giovani era la storia d’amore Giulio – Patrizia! Cosa accadrà in questa serie non si sa ancora quello che è certo se ci sarà una separazione per far si che il capitano abbia un nuovo amore perderà un gran numero di telespettatori…se fossi io lo scrittore avrei due sceneggiature una simpatica la quale vedrebe anche patrizia intromettersi nei casi essendo un avvocato con tante storie simpatiche e perchè no una imminente gravidanza con tanti consigli del grande maresciallo…e l’altra più drammatica ma che renderà la fiction più interessante quella di una regolazione di conti contro il capitano con la morte di patrizia o un sequestro che si protenderà per tutta la stagione un caso dove ci vorrà l’unione del capitano con don Matteo…sono una sognatrice e come tale almeno nei film amo il lieto fine! Senza telespettatori una fiction non va, spero che qualcuno tenga conto del pubblico…! Ciao

  8. rossella

    giugno 27, 2013 at 14:08

    Tina: ma quali giovani? Il suggesto di Dom Matteo affonda le sue radici nella persona di Terence Hill. E’ magnetico e riempie di senso delle storie dove molto spesso si rimane in superficie. Maria De Filippi potrebbe fare di meglio. Infatti sembra cinica ma quando la busta si chiude ti senti piu’ umano. Lo studio sul perdono a volte e’ ambiguo perche’ preme sul fattore riconciliazione: ma quando mai? Magari con la propria coscienza: su questo non ci piove! Avere fede non significa essere santi. Magari diventi pure santo ma non passando dalla porta dell’ipocrisia. In questo film si perdona troppo e sembra quasi scontato, una formula magica! Io non perdonerei mai perche’ quando mi e’ capitato mi sono scoperta superba, l’ho vissuto come un commiserare e mi sono accorta che questo perdono non e’ bello.
    Per il resto la storia del Capitano e di Patrizia mi e’ sempre sembrata un’iperbole. Scrivere la vita matrimoniale sarebbe stato troppo anche per Boccaccio. Hanno fatto bene a tagliare. Pero’ sarebbe stato auspicabile puntare al ritorno d’Insinna.

  9. catia

    luglio 2, 2013 at 22:16

    a me piaceva molto la storia di patrizia e giulio e vorrei che cambiassero la trama e far ritornare patrizia in modo che la coppia ex-sposata sia felice e magari abbiano pure un bambino! perché no !!!

    • rossella

      luglio 3, 2013 at 11:58

      La lunga serialita’ impedisce quest’opzione narrativa. Non sono i protagonisti. Rappresentano una compagine e le loro scene spaziano dall’idillio all’ incompatibilita’ caratteriale. Darebbero una visione ambigua del matrimonio. Montedoro che resta significa una nuova fiamma all’orizzonte. A meno che la sceneggiatura non preveda un voto di castita’. In ogni caso l’ambiguita’ di fondo resta: quanto tempo ci vuole per elaborare la fine di un amore? E poi: l’amore finisce? Bisogna vedere il film per capire se gli sceneggiatori concepiscono l’altare in senso “mondano”!

  10. Patrizia

    luglio 20, 2013 at 11:13

    Mi chiedo per quale motivo debbano far finire la storia tra Patrizia e Tommasi, è diventata praticamente la parte centrale della fiction, poi a parer mio anche lo spostamento da Gubbio non sarebbe da fare, noi siamo ormai abituati a quella chiesa, a quella caserma, poi c’erano anche dicussioni, si diceva che anche Tommasi avrebbe lasciato il cast, già è stato btuyyo veder andare via il capitano Anceschi, almeno lasciassero Tommasi. Penso che questa stagione non avrà molti visualizzazioni, cambiano troppe cose snza nemmeno dare ascolto minimamente a noi fan, se vanno avanti e grazie a noi,e non ci degnano dia ttenzioni.

    • Claudia

      luglio 20, 2013 at 11:16

      Patrizia hai veramente ragione

      • rossella

        luglio 20, 2013 at 13:08

        Sara’ il solito boom d’ascolti! Ci metto la firma. Almeno una cosa buona l’hanno fatta: Montedoro e’ rimasto! Con le sue possenti spalle e’ riuscito a rendere bello anche Santa Barbara. Un talento naturale. Ottima idea quella di inserirlo nel cast. E’ il Garko di mamma Rai! Nell’immaginario collettivo incarna il sogno erotico del pubblico femminile. Anche perche’ in questa sceneggiatura c’e’ sempre stato ben poco di erotico. Non che si debba arrivare ai livelli di Violetta. Cavolo quella fiction mi ha fatto sentire un adolescente che si vergogna di guardare certe scene con sua madre!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *