Gomorra: partite le riprese della serie tv in onda su Sky Cinema e La7. E si gira anche a Scampia

By on aprile 3, 2013

text-align: center”>Gomorra: riprese della fiction a Scampia

La serie tv Gomorra sarà sugli schermi tv nel 2014 e non solo su Sky Cinema. La fiction diretta da Stefano Sollima e prodotta da Cattleya insieme a Fandango e la tedesca Beta sarà in onda successivamente anche su La7: la rete di Urbano Cairo si è accaparrata l‘esclusiva in chiaro delle 12 puntate di questa serie che ha fatto discutere sin dal momento in cui il progetto ha visto la luce. Una produzione imponente, che vede la sceneggiatura affidata a Stefano Bises, Leonardo Fasoli, Ludovica Rampoldi e allo stesso Sollima, con la direzione artistica di Roberto Saviano, autore del best seller mondiale da cui è stato tratto anche l’omonimo e pluripremiato film di Matteo Garrone.

Le riprese di Gomorra sono già iniziate da oltre quattro settimane: si gira a Fuorigrotta dove è partito il primo ciak, Secondigliano, i Quartieri e il resto dell’hinterland, ma anche al Nord e in Spagna, per raccontare l’ascesa della criminalità organizzata napoletana ben oltre i confini regionali. Dopo le durissime polemiche dello scorso gennaio, pare che anche a Scampia sarà allestito un set per girare alcune scene tra le famose “vele” simbolo del quartiere. Il Presidente del Municipio Angelo Pisani aveva inizialmente vietato le riprese del territorio denunciando quella che sarebbe diventata, con tutta probabilità, l’ennesima speculazione su un territorio già martoriato. Dalla sua parte anche le associazioni locali e il sindaco di Napoli Luigi De Magistris, che proprio per questo da Saviano aveva ricevuto un virulento attacco. Poi la retromarcia, o forse una “presa d’atto“, come ha spiegato all’Ansa il produttore Maurizio Timi, che un’occasione come quella della serie tv per Sky poteva tornare utile in tempi di crisi economica come questi. Anche perchè alla produzione di Gomorra sarà affiancato un documentario sulla realtà di Scampia trasmesso da Sky e delle inizative sociali legate ai laboratori di audiovisivo. Uno scambio che ha messo tutti d’accordo.

Gomorra sarà in onda non prima della primavera 2014. Il racconto del potere criminale della camorra, tra affari illeciti, appalti, i business dei rifiuti e della droga, ma anche le connivenze col potere politico e con la finanza, ma anche la battaglia per la legalità dei cittadini, delle associazioni e delle istituzioni saranno al centro della serie ispirata al romanzo di Saviano e affidata ad un cast di attori tutto napoletano (proprio come quello del film di Garrone, che poi ha visto diversi attori e comparse finire in manette proprio perchè a vario titolo legati al mondo criminale). Intanto le polemiche sulla scelta di riportare la realtà di Gomorra sotto i riflettori non si placano. Il produttore Maurizio Timi, intervistato dall’Ansa, ha provato a ridimensionare il problema, assicurando che non ci sarà alcun effetto “mitizzazione” in stile Romanzo Criminale, piuttosto un fine esclusivo che è quello della denuncia sociale:

“Non c’è in questa serie nessuna strizzata d’occhio alla camorra o una compiacenza (…) sin dall’inizio ci si è dati un obiettivo di condanna. Questa è una storia di vittime che procurano altre vittime, nessuna altra lettura è possibile ma certo non è un’inchiesta, seppure rispettiamo con i codici della narrazione la realtà: una storia di cattivi in cui però si muovono quei personaggi positivi del territorio che lottano per cambiare le cose”.

About ClaudiaGagliardi

Nata a Pompei nel 1987, si è laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul pluralismo e l'indipendenza dell'informazione e sta per specializzarsi in Comunicazione istituzionale. Oggi si occupa delle pagine di attualità del portale Excite.it. Appassionata di giornalismo e di politica, segue con attenzione il mondo della televisione, spesso con occhio critico, soprattutto sul versante della qualità dell'informazione. Divoratrice di programmi di approfondimento e di satira, ma anche di serie tv ("Friends" e "Lost" su tutte) e di cinema, insegue il sogno di diventare giornalista professionista.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *