Le amiche del sabato: lite nei corridoi Rai fra Cristiano Malgioglio e Donatella Rettore

By on aprile 6, 2013
le amiche del sabato logo rai

text-align: justify”>le amiche del sabato logo rai

CRISTIANO MALGIOGLIO LITIGA CON DONATELLA RETTORE NEL BACKSTAGE DE LE AMICHE DEL SABATO – Dalle pagine dell’ultimo numero di GrandHotel apprendiamo di una pazzesca lite fra due famosissimi volti dello spettacolo italiano. Coinvolti in questo scontro sono Cristiano Malgioglio e Donatella Rettore che dallo stesso settimanale sono stati ribattezzati come “due primedonne”. La baruffa si è svolta nei backstage del programma Rai Le Amiche del Sabato dove pare che entrambi furono ospiti di puntata.

I due, che condividono antipatia reciproca già da tempo, hanno addirittura “sfiorato la rissa” incrociandosi nei corridoi dei camerini negli studi in Via Teulada. La schermaglia è partita dalla diretta del programma dove entrambi volevano esprimere il proprio parere relativamente ad un servizio andato in onda; Malgioglio e Rettore si sono accavallati e la seconda ha intimato al primo di farla parlare dicendogli:

Zitta, signora MagliogliA!

Cristiano Malgioglio non ha voluto interrompere la trasmissione e ha così deciso di chiarire questo affronto a telecamere spente. Fra i due sono volate parole al veleno:

Non ti permettere mai più!

Nell’articolo viene riportato inoltre che la lite è degenerata fra “porte sbattute” con veemenza e lanci di scarpe. Una situazione che probabilmente non fa onore a nessuno dei due.  Ed è proprio per questo che, più tardi, capendo di aver forse esagerato, i due si sono ri-incontrari pacificamente per prendere un caffè e per fare la pace:

Almeno tra noi, cerchiamo di rispettarci…

Come direbbe Alfonso Signorini: “Beh vabbè!“.

About Gigi

Gigi, classe 1989, pugliese doc. Figlio della generazione 2.0 e appassionato di Social Media, coltiva moltissimi hobby: il video editing, la recitazione, bloggare online, cimentarsi nella fotografia e nel web-design.

4 Comments

  1. rossella

    aprile 6, 2013 at 14:08

    A proposito di Amiche del sabato meriterebbe un post anche Danilo Fumiento.
    Secondo me e’ bravissimo… Seguo da sempre i suoi contributi a La vita in diretta e penso che meriterebbe uno spazio tutto suo. Magari al posto di Storie Vere o di Verdetto finale.. La cronaca rosa e’ un genere pazzesco, andrebbe valorizzato anche in TV!

  2. francesca valensise

    aprile 6, 2013 at 15:15

    sabato 6 aprile 2013-Care amiche del sabato, siete delle cretine! che c’entra Elisabetta I con il disastro dell’Italia? La Monarchia inglese a quanta gente da il lavoro?? E poi la sig.ra La D’Eusanio pensi alla spesa pubblica, agli sprechi con denaro pubblico per l’interesse di pochi. Magari da Craxi a oggi…

  3. EVA

    aprile 7, 2013 at 05:55

    noi siamo costretti a pagare il canone e gli amministratori pubblici lasciano che vada in onda una trasmissione del genere?qualcuno dei vertici della prima rete pubblica si rende conto?…ovviamente NO.giustamente hanno licenziato di pietro(se è vero,che abbia fatto la pubblicità occulta)ma c’è qualcuno che possa licenziare loro?magari senza l’indennizzi?ovviamente no….si sa….sono amministratori pubblici.poi si dica debito pubblico e si risparmi sulla cultura.

  4. rossella

    aprile 7, 2013 at 11:06

    Io lo seguo quasi integralmente e penso che sia un programma molto variegato.
    Mi sembra adeguato al sabato pomeriggio e gli opinionisti sono molto easy… Non ci vedo conformismo! Spesso c’e’ anche Marta Flavi e comunque ciasuno di loro racconta uno spaccato della nostra societa’ e portano il loro modo di essere donna o uomo… Mi sembra un salotto molto “democratico”, un salotto in cui non si rischia di sdoganare un modello unico e acritico. L’appiattimento culturale sarebbe un pericolo per ogni civilta’!
    Il fatto che Alda D’Eusanio abbia espresso la sua opinione con una punta di sarcasmo non puo’ che essere una nota di merito del programma.
    Ci puo’ stare che una persona in quel preciso momento non se la senta di stare al gioco: ben venga, la vita e’ anche questo…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *