Lucio Presta: “Ho offerto a Mediaset di sperimentare format esitivi, per i quali offro conduttori e autori a costo zero”

By on aprile 3, 2013
foto di lucio presta

text-align: justify”>foto di lucio prestaLucio Presta, l’agente delle star, vanta moltissimi nomi di rilievo nella sua scuderia: Roberto Benigni, Paolo Bonolis, Lorella Cuccarini, Mara Venier, Antonella Clerici, e tanti altri. In un’intervista al settimanale A Anna, racconta i possibili scenari  sul futuro televisivo del nostro Paese, in un momento di profonda crisi come quello che stiamo attraversando. Presta ha una ricetta, che potrebbe rivelarsi vincete, per affrontare il generale calo di guadagni: “Ho chiesto a Piersilvio Berlusconi di sperimentare una serie di format estivi per i quali Mediaset mette le strutture e si occupa della parte industriale, e io offro conduttori e autori gratis. In caso di vittoria dei format proposti: “divideremo gli utili. Altrimenti amici come prima. Con la crisi i conduttori di fascia medio-bassa, sono molto colpiti e questa idea potrebbe essere un’opportunità. E poi, è nei momenti di difficoltà che si deve investire sui nuovi talenti”. Gli artisti della fascia “medio-bassa”, non trovano facilmente spazio in un panorama televisivo molto difficile, come quello attuale. Allo stesso modo, le nuove leve, vengono completamente tagliate fuori dal rinnovamento generale, condizione necessaria di qualsiasi futuro aziendale. Per far fronte ad entrambi i problemi Presta ha messo a punto l’idea proposta a Berlusconi, il quale, in quel di Mediaset deve porre rimedio alla più grande crisi nella storia dell’azienda.

Quanto ai cachet stellari, che negli anni passati erano all’ordine del giorno, l’agente sottolinea come: “Oggi di scandalosi guadagni non se ne vedono proprio. I grandi conduttori non sono toccati dalla crisi perché sono quelli che fanno la differenza. Solo se assicuri alti ascolti il mercato permette certi guadagni. Il problema c’è per quelli che sono stati sovrastimati”. Chi sono questi conduttori sovrastimanti ai quali vuole far riferimento? Sta di fatto che i grandi nomi del panorama televisivo italiano, continuano ininterrottamente le loro sfavillanti carriere, nonostante il periodo complicato. Per gli artisti meno prestigiosi, sopravvivere in questo cambiamento generale e in questa continua riduzione delle produzioni televisive, diventa una sfida molto dura da portare avanti. Ma la crisi si sa, ha un unico vantaggio: quello di salvare gli artisti con studio e preparazione alle spalle, e di lasciar morire quelli che hanno avuto successo senza alcuna competenza.

About Salvatore Petrillo

Avellino gli ha dato i natali, sotto il segno del Toro. La sua passione per la conduzione televisiva e tutto quanto fa spettacolo è nata con lui e fin da piccolo partecipa a feste, recite e saggi. All’età di 8 anni comincia lo studio del pianoforte frequentando poi il Conservatorio “D.Cimarosa” di Avellino. Laureatosi prima in Scienze della Comunicazione presso l’Università degli studi di Salerno e poi in Editoria, comunicazione multimediale e giornalismo presso l’Università La Sapienza di Roma con il massimo dei voti, continua ad approfondire e conoscere meglio tutte le varie sfaccettature del mondo televisivo. Collabora con il quotidiano a tiratura regionale Corriere dell’Irpinia scrivendo di attualità, cronaca, spettacolo e con l’agenzia di organizzazione eventi ADVS di Roma. Dopo una parentesi di un anno e mezzo a Londra, dove ha cercato di rubare i trucchi del giornalismo anglosassone, torna in Italia per frequentare un corso di dizione e uso della voce e uno di conduzione televisiva presso l’Accademia 09 di Milano. In futuro sogna di farsi strada nel mondo della conduzione televisiva e dello spettacolo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *