Rai, piano industriale 2013-2015: pareggio di bilancio, svolta digitale e tanta fiction

By on aprile 11, 2013

text-align: center”>Rai, piano industriale 2013-2015

Il Consiglio d’amministrazione della Rai ha approvato all’unanimità il piano industrale 2013-2015: un documento ambizioso, che prevede il raggiungimento del pareggio di bilancio già nel prossimo anno ed un ritorno agli utili nel vicino 2015. Direzione non semplice da seguire, visto che la Rai deve far fronte ad un rosso di 200 milioni di euro, cui si aggiungono altri 53 causati dai circa 400 prepensionamenti previsti. La politica di Gubitosi prevede tagli agli acquisti e internalizzazioni, riduzione degli sprechi come i costi delle auto blu e gli affitti degli immobili, semplificazione burocratica ma anche investimenti nei contenuti, nella digitalizzazione e modernizzazione tecnologica.

Il piano industriale 2013 – 2015 della Rai prevede investimenti sulla produzione di film tv e fiction da vendere all’estero (sembra che i prodotti Rai abbiano conquistato alcuni compratori stranieri, come la Bbc che ha acquistato il nostro Commissario Montalbano) e un’offerta originale per i palinsesti estivi: bando alle repliche e ai fondi di magazzino, anche la programmazione dei prossimi mesi dovrà sperimentare e lasciare spazio ad idee nuove. Poi c’è il versante delle tecnologie, tasto dolente in casa Rai…

Il piano industriale di Gubitosi prevede ben 50 milioni di investimenti per l’ammodernamento delle tecnologie in dotazione ai giornalisti, dalle telecamere alle stazioni mobili per le dirette, con un loro coinvolgimento diretto nella produzione multimediale dei contenuti. Da avviare al più presto anche un processo grauale di digitalizzazione delle testate che coinvolgerà in primis Tg1 e Tg3 (sulla scia di quanto già operato dal Tg2) e un restyling dei vecchi e gloriosi studi Rai. Senza dimenticare la radio, un ambito che sarà avviato alla completa digitalizzazione degli impianti.

About ClaudiaGagliardi

Nata a Pompei nel 1987, si è laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul pluralismo e l'indipendenza dell'informazione e sta per specializzarsi in Comunicazione istituzionale. Oggi si occupa delle pagine di attualità del portale Excite.it. Appassionata di giornalismo e di politica, segue con attenzione il mondo della televisione, spesso con occhio critico, soprattutto sul versante della qualità dell'informazione. Divoratrice di programmi di approfondimento e di satira, ma anche di serie tv ("Friends" e "Lost" su tutte) e di cinema, insegue il sogno di diventare giornalista professionista.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *