Servizio pubblico confermato su La7: firmato l’accordo con Cairo per il rinnovo

By on aprile 21, 2013

text-align: center”>Servizio pubblico confermato su La7: firmmato il rinnovo con Cairo

Servizio pubblico è uno dei programmi di punta di La7, insieme al contenitore analogo Piazzapulita e allo show satirico Crozza nel Paese delle Meraviglie. Inevitabile pensare che il neoproprietario Urbano Cairo non intendesse rinunciarvi, ma altrettando lecito ipotizzare che con il passaggio di proprietà dell’emittente da Telecom Italia Media alla società del patron del Torino Calcio ci fosse da limare qualcosa in vista di una permanenza dell’intera squadra su La7. E pare che l’accordo sia arrivato,  in barba alle voci che volevano Santoro vicino ad un ritorno in Rai.

Come abbiamo già raccontato nelle ultime settimane, si è ventilato di ua possibile fuga di star da La7 dopo l’arrivo di Urbano Cairo: troppi costi e cachet altissimi contrastano con la necessità  di rimettere a posto i conti, anche se l’investimento premia in termini di ascolti e garantisce introiti pubblicitari importanti. Sull’eventuale esodo di Lilli Gruber, sempre più apprezzata dal pubblico con il suo Otto e mezzo, è arrivata la smentita sia di Cairo che del direttore denerale della Rai Luigi Gubitosi. Anche con Crozza, ha assicurato l’editore, ci sono ottimi rapporti. Mentre con Santoro, stando a quanto rivela l’editorialista Giuseppe Candela in esclusiva per il webmagazine Excite.it, sarebbe già stato firmato il rinnovo del contratto per un’ulteriore stagione di Servizio pubblico.

D’altronde, a meno di sconvolgimenti delle condizioni contrattuali, non era difficile prevedere che Cairo avrebbe fatto di tutto per trattenere Michele Santoro e la sua squadra di giornalisti: il programma ha messo a segno ascolti da record nelle ultime settimane (certo cifre lontane da quelle di Annozero su Rai2, ma decisamente impensabili fino a poco tempo fa per un’emittente come La7), con una media che si attesta intorno ai 3 milioni di telespettatori a puntata. Non solo. Secondo una ricerca presentata da Blogmeter in occasione del World Communication Forum di Milano sulle trasmissioni più commentate della rete, nei primi tre mesi del 2013 Servizio pubblico è  al primo posto su Twitter. Il programma ha saputo coinvolgere la propria community meglio di tutti gli altri con oltre 686 mila menzioni spontanee (da tener conto, però, che la sola puntata in cui è stato ospite l’ex premier Silvio Berlusconi ha registrato una media di 200 mila commenti). L’analisi, che ha riguardato oltre 11 milioni di conversazioni e interazioni avvenute, svela che Servizio pubblico è sul podio anche per quanto riguarda Facebook, con 652.896 interazioni, al terzo posto dopo Le Iene e Amici. Una bel segnale di modernità per un format troppo spesso tacciato di essere “vecchio”.

About ClaudiaGagliardi

Nata a Pompei nel 1987, si è laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul pluralismo e l'indipendenza dell'informazione e sta per specializzarsi in Comunicazione istituzionale. Oggi si occupa delle pagine di attualità del portale Excite.it. Appassionata di giornalismo e di politica, segue con attenzione il mondo della televisione, spesso con occhio critico, soprattutto sul versante della qualità dell'informazione. Divoratrice di programmi di approfondimento e di satira, ma anche di serie tv ("Friends" e "Lost" su tutte) e di cinema, insegue il sogno di diventare giornalista professionista.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *