Come un delfino 2, il riassunto della seconda puntata

By on maggio 23, 2013
foto miniserie come un delfino 2

COME UN DELFINO 2 – Dopo il discreto successo della prima puntata della fiction prodotta dalla Sammarco e diretta da Raoul Bova, ieri sera è andata in onda la seconda puntata che ha conquistato 3.947.000 telespettatori e il 15,82% di share, conquistando così la prima serata.

Nel cast di Come un delfino 2  Raoul Bova (Alessandro Dominici)Giulia Bevilacqua (Anna)Maurizio Mattioli (Spartaco)Ricky Memphis (Don Luca)Paolo Conticini (Ugo)Marco Falaguasta (Enrico)Jacopo Cavallaro (Nasca)Gianluca Di Gennaro (Andrea)Tommaso Ramenghi (Nico)Andrea Troina (Bernardo Bibi), Jack Petrazzi (Rocco)Federico Costantini (Marco)Alan Cappelli (Giacomo)Lorenzo De Angelis (Simone), Domenico Balsamo (Luca), Diego D’Elia (Filippo), Tony Sperandeo (Totuccio Scalese), Valentina Imperatori (Marina), Marianna Di Martino (Irene). 

Ecco quello che è successo nella seconda puntata (qui il riassunto della prima):

foto-come-un-delfino-2

Mentre Alessandro ripensa agli ultimi tragici eventi, Enrico lo invita ad allenarsi, ed è evidente che i due non si sopportano. Il campione vorrebbe un metodo di allenamento adatto alle sue esigenze. Gli Scalese, per pianificare la loro vendetta, si fanno aiutare da Ugo. Le condizioni di Nico peggiorano, il ragazzo, che rischia una tetraplegia, ha bisogno di una costosa operazione che al momento non può permettersi. Alessandro prende quindi in considerazione di vincere i 25mila euro della gara nazionale che ci sarà a breve per poter dare un anticipo sull’operazione. Rimasti soli, Ugo ed Enrico parlano dei problemi della Taurus e sullo strano incidente accaduto a Rocco. Ugo sospetta che l’allenatore usi delle sostanze dopanti, ma lui nega. Anna intende aiutare Alessandro e i suoi ragazzi, e decide di andare a trovare Rocco in ospedale, ancora in coma. I dottori sostengono che le cause del malore potrebbero essere di natura farmacologica e intendono fare degli accertamenti. Alessandro è preoccupato e comincia a sospettare qualcosa. Nasca si reca presso l’istituto dove è tenuta Alice, sua figlia, ma gli assistenti sociali non gli permettono di vederla. Poi va a chiarire le cose con Marina, raccontandole dello stupro di cui è stato accusato. La ragazza ne resta colpita. Don Luca va trovare Ciro Scalese in prigione, proponendogli di confessare e di risparmiarsi molti anni di galera. L’uomo, da vero mafioso, non accetta la proposta e chiede a suo padre di farlo fuori.

Anna trascorre il compleanno con Alessandro e i ragazzi, poi il nuotatore la riaccompagna a casa e mentre i due si baciano vengono visti da Manolo, il capo nonchè fidanzato di Anna, il quale torna in ufficio e mette mano agli articoli della giornalista. Sergio Scalese propone a Nico di accordarsi con lui in cambio dell’operazione. Mentre Alessandro si allena scopre che Anna ha pubblicato un articolo dal titolo “Dominici: un delfino tra i delinquenti”. La giornalista si scontra col suo capo, il quale ammette di averli visti e di aver cambiato l’articolo, e quindi decide di licenziarsi. Anna poi si scusa con Alessandro, ma l’uomo è deluso. Arriva il giorno della gara nazionale, e Alessandro viene bloccato perché viene scoperto positivo al doping. Marina decide di continuare a frequentare Nasca, il quale ha visto di nascosto Alice, la figlia. Un giorno, finalmente, riesce a anche a parlarci ma le dice di mantenere il segreto. Andrea invece scopre che Irene, la ragazza che gli piace, sta con Enrico e quando viene a sapere da lei che ne è innamorata si mette a piangere. Il giorno dopo lei si confida con Enrico, il quale mette le cose in chiaro: la storia resta segreta e il loro rapporto, all’esterno, è basato sul ruolo allieva e allenatore. Alessandro si reca al nuovo controllo del test doping, ma riceve una brutta notizia: ancora una volta è positivo alla fenolcodeina. Il nuotatore ne resta sconvolto e promette di fare chiarezza sulla cosa.

La stampa scredita la carriera di Alessandro, che dalla sua parte, ora, ha solo Anna e i suoi amici. Insieme a Don Luca e Spartaco intuisce che dietro tutto questo ci sono gli Scalese. Alla Taurus gli atleti locali provocano i Ragazzi del Sole, che stanchi di tutti i soprusi, scatenano una rissa. L’unico che nutre perplessità sull’innocenza di Alessandro è Bibi, ormai diventato protetto di Enrico, il quale decide di “passare al nemico” per diventare un grande nuotatore. Alessandro invece promette a Nico di trovare i soldi per la sua operazione. Il ragazzo gli mostra grande fedeltà e gli rivela dell’incontro con gli Scalese. Alessandro va proprio a parlare con la famiglia mafiosa. Totuccio gli assicura di farlo a uscire pulito dall’inchiesta sul doping in cambio della dichiarazione di innocenza del figlio Ciro. Il campione ovviamente non accetta e promette di vendicarsi, poi racconta tutto ad Anna, che è disposta ad aiutarlo. Gli Scalese, però, stanno progettando l’omicidio di Don Luca. Alessandro viene squalificato per cinque anni, mentre le condizioni di Rocco peggiorano. Bibi, però, scopre che Enrico, su richiesta di Ugo, sta mettendo dei flaconi di doping nello spogliatoio di Alessandro. Poi, preso dai rimorsi, il direttore della Taurus avverte la polizia che Don Luca è in pericolo di vita, ma il prete non vuole farsi aiutare. Il giorno dopo la sua auto con lui dentro salta in aria sotto lo sguardo impietrito di Alessandro e dei ragazzi.

La terza puntata di Come un delfino 2 andrà in onda il 28 maggio alle 21,10 su Canale 5.

About Luca Mastroianni

E' nato a Roma ed è un giornalista pubblicista. Ha lavorato presso Legambiente e il Ministero dell'Ambiente, collaborando con agenzie e uffici stampa e occupandosi di attualità, diritti e corsi di giornalismo. Oltre alla scrittura ha grande passione per il calcio, il tennis e la musica. Della televisione ama soprattutto le serie tv degli anni Ottanta e Novanta: da Twin Peaks a La Tata, da C.S.I. a Friends, da I Griffin a Sex & the city.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *