La figlia di Little Tony: “Ero con lui quando è successo l’inevitabile”

By on maggio 28, 2013
Cristiana Ciacci a Tgcom24

text-align: center”>Cristiana Ciacci a Tgcom24

A poche ore dalla morte di Little Tony, è la figlia Cristiana Ciacci a parlare ai microfoni di Tgcom24 raccontando gli ultimi giorni si suo padre e quello che è accaduto la sera del 27 maggio a Villa Margherita dove era ricoverato:

“Ero con lui quando è successo l’inevitabile. Da una piccola parte provo sollievo per lui perchè soffriva davvero tanto. Vedere una persona che ami soffrire così chiedi la pace.  Avevamo un grande rapporto, cresciuto negli anni e molto, molto forte. Era molto legato ai miei figli, chiedeva sempre di loro ma ha chiesto di non vederli. Non voleva che si sapesse che fosse malato e non ha voluto la camera ardente anche se credo che potesse essere una cosa bella per tutti i suoi fan. Ha voluto una cosa riservata. Spero venga ricordato come persona di spettacolo e umanità, quello che è sempre stato”

little-tony-a-sanremo

Sono state queste le parole della figlia Cristiana, parole che raccontano gli ultimi giorni di vita di suo padre e di come abbia affrontata la malattia. Una delle ultime volontà di Little Tony è stata quella di non avere la camera ardente, richiesta che la famiglia ha esaudito e rispettata da amici e addetti ai lavori. Molti dei suoi amici più cari, tra cui molti Vip, hanno ricordato e omaggiato Little Tony con messaggi tramite i social network twitter e facebook, dimostrando il grande affetto che nutriva il cantante originario di Tivoli. Un artista che iniziato la sua scalata al successo nel 1962 con il pezzo “Il ragazzo col ciuffo” e partecipare al primo Festival di Sanremo nel 1964 con il brano “Quando vedrai la mia ragazza”. Il vero successo arrivò, però, con “Riderà” nel 1966 per poi arrivare al 1967 con “Cuore matto” brano spopola non solo in Italia ma anche all’Estero

About Federico Ranauro

Nato e residente in provincia di Salerno ma da cinque anni vive a Parma. Ha conseguito la laurea triennale in Scienze della Comunicazione e la specializzazione in Giornalismo e cultura editoriale presso l’Università di Parma. Ha la passione per la scrittura e lavora come giornalista da circa tre anni, in particolare nel settore sportivo e televisivo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *