Rai, Laura Boldrini incontra Tarantola e Gubitosi: “Il servizio pubblico ascolti i cittadini. E stop alla mercificazione delle donne”

By on maggio 11, 2013
foto-boldrini-tarantola-gubitosi

text-align: justify”>

Quale ruolo può svolgee il servizio pubblico radiotelevisivo nella società italiana? Come la Rai può contribuire a migliorare il dibattito pubblico? Sono questi i temi che hanno caratterizzato l’incontro a Montecitorio tra la Presidente della Camera dei deputati Laura Boldrini, la Presidente della Rai Anna Maria Tarantola e il Direttore Generale Luigi Gubitosi. Un colloquio, come si legge nella nota ufficiale, sul contributo che il servizio pubblico può fornire in termini di qualità dell’offerta, di apertura alla dimensione internazionale dei problemi, di sviluppo del senso civico.

Nel bel mezzo della battaglia del Movimento 5 Stelle per ottenere la Presidenza della Commissione parlamentare per l’indirizzo generale e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi (meglio nota come Commissione di Vigilanza Rai), la Boldrini ha incontrato i vertici Rai e sottolineato come il ruolo del servizio pubblico sia più delicato che mai in tempi di crisi economica e sociale come questi. Ma soprattutto, la Presidente ha auspicato un maggior coinvolgimento dei cittadini nelle scelte e nella gestione del servizio pubblico radiotelevisivo, a fronte di un’opinione pubblica che diventa sempre più critica e consapevole:

La Rai è una di quelle aziende che hanno fatto l’Italia. Oggi è investita da un problema di legittimazione molto simile a quello che tocca le istituzioni. Ritengo importante perciò che la Rai si metta in ascolto delle richieste e delle critiche che vengono dai cittadini”.

canone-rai

L’invito della Boldrini è stato accolto da Gubitosi, che ha già annunciato la formazione di un gruppo di esperti chiamato a sondare le opinioni del pubblico sulla qualità dell’offerta del servizio pubblico. Durante l’incontro con i vertici Rai, la Boldrini ha ricordato anche la scadenza nel 2016 della concessione Stato-Rai, la convenzione che sancisce il ruolo esclusivo di concessionaria del servizio pubblico radiotelevisivo dell’azienda: la scadenza, spiega la Presidente, deve essere occasione per una “discussione ampia sui compiti del servizio pubblico, da attuare coinvolgendo le diverse espressioni della società italiana, sul modello praticato negli anni scorsi in Gran Bretagna dalla Bbc per il rinnovo del Royal Charter“. Boldrini e Tarantola si sono poi confrontate su un tema che sta a cuore ad entrambe, quello dell’immagine della donna nei programmi televisivi e nella pubblicità, recentemente oggetto di discussione anche grazie alle denunce della Presidente Boldrini sulla quastione donne e web. La stessa Tarantola si è più volte espressa contro la mercificazione del corpo femminile nei programmi del servizio pubblico (sarà anche per questo che Miss Italia è sparita dai palinsesti Rai?) e ha ricordato con soddifazione durante l’incontro che una certa inversione di tendenza è già avvenuta, soprattutto nell’ambito dei prodotti della fiction ”dove le protagoniste sono donne della vita reale, che hanno un lavoro e un ruolo sociale definito“.

About ClaudiaGagliardi

Nata a Pompei nel 1987, si è laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul pluralismo e l'indipendenza dell'informazione e sta per specializzarsi in Comunicazione istituzionale. Oggi si occupa delle pagine di attualità del portale Excite.it. Appassionata di giornalismo e di politica, segue con attenzione il mondo della televisione, spesso con occhio critico, soprattutto sul versante della qualità dell'informazione. Divoratrice di programmi di approfondimento e di satira, ma anche di serie tv ("Friends" e "Lost" su tutte) e di cinema, insegue il sogno di diventare giornalista professionista.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *