Ballarò, la condanna di Berlusconi: ospiti di martedì 25 giugno Gelmini, Puppato, Belpietro e Polito

By on giugno 25, 2013
foto-ballaro-floris

text-align: center”>Ballarò: ospiti del 25 giugno Gelmini e Puppato

Ballarò torna in onda martedì 25 giugno 2013 su Rai3 con una puntata dedicata all’attualità. Il talk show di Giovanni Floris campione d’ascolti di questa stagione televisiva (nell’ultimo anno si è aggiudicato più volte la palma di programma più visto del martedì sera) non potrà che occuparsi questa settimana della sentenza di primo grado nel processo Ruby a carico dell’ex premier Silvio Berlusconi:  i giudici della IV sezione penale del tribunale di Milano hanno condannato il Cavaliere a 7 anni di reclusione con la pena accessoria all’interdizione perpetua dai pubblici uffici. Berlusconi è stato dichiarato colpevole dei reati di concussione, in relazione alla famosa telefonata in Questura a Milano del maggio 2010 in cui costrinse i funzionari a rilasciare la minorenne fermata per furto e senza documenti Karima El Marhoug (Ruby Rubacuori), e per sfruttamento della prostituzione minorile, in merito al “collaudato sistema prostitutivo” delle cene di Arcore, così come è stato definito dalla dall’accusa nella requisitoria dei pm Sangermano e Boccassini.

Ballarò affronterà i possibili scenari che si profilano dopo la sentenza di condanna in primo grado di Berlusconi e alla luce di tutti gli altri processi in corso: sentenza di Cassazione per il lodo Mondadori, secondo grado per la rivelazione d’ufficio della telefonata Fassino-Consorte nel proceso Unipol, udienza preliminare dell’inchiesta di Napoli sulla presunta compravendita dei senatori nel 2006, ultimo grado di giudizio per il processo Mediaset, in cui Berlusconi è già stato condannato in secondo grado a 4 anni di carcere e 5 di interdizione dai pubblici uffici. Il Pdl ha confermato il sostegno al governo Letta dopo la sentenza del processo Ruby, ma terrà fede agli impegni anche di fronte a nuove possibili condanne e in particolare alla conferma dell’interdizione (e relativa automatica decadenza del mandato parlamentare per Berlusconi) comminata dai giudici nel processo sui diritti tv Mediaset?

trasmissione-Ballarò

Ballarò nella puntata di martedì 25 giugno se ne occuperà con giornalisti, politici ed esperti. Qual è il maggiore problema del governo Letta: la giustizia o l’economia, con l’aumento dell’IVA che non si riesce a sospendere? Ne discutono Maria Stella Gelmini (Pdl), Laura Puppato (Pd), Bruno Tabacci del Centro Democratico, il presidente emerito della Corte Costituzionale Valerio Onida, il vicepresidente della Confindustria per lo sviluppo economico Aurelio Regina, l’editorialista del Corriere della sera Antonio Polito e il direttore di Libero Maurizio Belpietro. La copertina di Maurizio Crozza apre la puntata, durante la quale troveranno spazio i sondaggi Ipsos presentati dal presidente dell’istituto Nando Pagnoncelli. L’appuntamento con Ballarò è alle 21.10 su Rai3.

About ClaudiaGagliardi

Nata a Pompei nel 1987, si è laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul pluralismo e l'indipendenza dell'informazione e sta per specializzarsi in Comunicazione istituzionale. Oggi si occupa delle pagine di attualità del portale Excite.it. Appassionata di giornalismo e di politica, segue con attenzione il mondo della televisione, spesso con occhio critico, soprattutto sul versante della qualità dell'informazione. Divoratrice di programmi di approfondimento e di satira, ma anche di serie tv ("Friends" e "Lost" su tutte) e di cinema, insegue il sogno di diventare giornalista professionista.

One Comment

  1. rossella

    giugno 25, 2013 at 12:17

    Secondo me ogni sentenza va accolta con rispetto! Devo ammettere che un pochino mi ha stupito perche’ dal principio ho pensato che non fosse strano che il fondatore di mediaset continuasse a curare le pubbliche relazioni. Si tratta di volti del piccolo schermo e comunque sappiamo tutti che il Cavaliere e’ sempre stato un uomo brillante!
    Non capisco il nesso con la politica.
    Comunque seguiro’ con interesse il dibattito.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *