Beppe Grillo contro i giornalisti: “Con Gabanelli e Floris faremo i conti”

By on giugno 1, 2013
beppe-grillo

text-align: center”>Milena Gabanelli e Giovanni Floris nel mirino di Beppe Grillo

Beppe Grillo non arretra di un passo nei confronti dei giornialisti tv ormai considerati apertamente nemici del Movimento 5 Stelle. E se l’opinione del leader su Ballarò e Giovanni Floris era ben nota da tempo (meno di un mese fa si chiese se fosse “un dipendente assunto dal pdmenoelle alla Rai“), continua a stupire l’accanimento contro l’ideatrice e conduttrice di Report Milena Gabanelli, fino a poche settimane fa magnificata come esempio di giornalista libera ed indipendente dal potere politico e indicata a furor di popolo dagli iscritti al Movimento come candidata alla Presidenza della Repubblica, prima che la sua rinuncia facesse emergere l’ipotesi Rodotà.

Beppe Grillo non rinuncia alla sua crociata contro l’informazione televisiva e dopo aver attaccato Santoro, Gruber, i giornalisti Rai e quelli Mediaset più o meno indistintamente, torna a colpire i bersagli più frequenti delle ultime settimane. Con Ballarò i precedenti sono tanti: l’ultimo in ordine di tempo è un attacco a Floris dal suo blog in merito ai sondaggi proposti nel talk show, mentre anche i deputati 5 Stelle hanno discusso e polemizzato con gli inviati di Ballarò. Con la Gabanelli la bomba è scoppiata dopo l’ultima puntata di Report, in cui è stato trasmesso il servizio di Sabrina Giannini (la stessa giornalista che sollevò il polverone sulle case di Di Pietro) dedicato al finanziamento del Movimento 5 Stelle e del blog. Grillo è tornato sulla questione nel bel mezzo di comizio a Mascalucia, in provincia di Catania, riscuotendo gli applausi della folla accorsa ad ascoltarlo:

Non ce l’ho con i giornalisti, ma io non dimentico niente (…) Faremo i conti con i Floris e i Ballarò, con Rodotà e la Gabanelli, quelli che si sono rivoltati contro di noi (…) Faremo un culo così all’informazione collusa, che racconta balle su balle, cerca di tirare fuori cose incredibili Loro le mani loro non le battono, le baciano

trasmissione Ballarò

Beppe Grillo ha infilato nella sua invettiva contro la stampa anche il giurista Stefano Rodotà, che aveva osato fare un’analisi critica della strategia del Movimento 5 Stelle all’indomani del risultato deludente del primo turno delle amministrative di maggio. Definito in un post delirante un “ottuagenario miracolato dalla rete“, Rodotà aveva preferito non replicare. Attaccato dalla base e dagli stessi simpatizzanti 5 Stelle, Grillo ha poi ribadito che la sinistra non ha eletto Rodotà Presidente perchè avrebbe fermato Berlusconi e di non avere nulla di personale contro il giurista, che però “vuole fare una sinistra con i rossi, gli arancioni… Noi abbiamo la nostra natura, siamo sopra“. Quanto ai giornalisti, dalle pagine del suo blog era tornato a tuonare contro il suo bersaglio prefeito, la Rai lottizzata dai partiti attraverso un sistema di nomine che permette alle forse parlamentari di spartirsi le poltrone a tutti i livelli della dirigenza in Viale Mazzini. Il post, nemmeno a dirlo, si intitola Rai: la voce del padrone e attacca le reti del servizio pubblico, chiedendo ancora una volta per il Movimento 5 Stelle la presidenza della Commissione parlamentare di Vigilanza:

Rai1, Rai2 e Rai3 sono occupate dai partiti. Non è una notizia. Non è una novità. Il vero scandalo è che questo non dà più scandalo (…) una Rai lottizzata. Un non luogo dell’informazione che fa rimpiangere persino l’era socialista, quando di tre assunti uno era democristiano, l’altro socialista e il terzo bravo. Ora il terzo viene spartito tra Sel e Lega (…) Quando c’è un colpo di Stato, la prima cosa messa in atto è il controllo dei mezzi di informazione (…) Ora, il M5S è stufo di prendere schiaffi e di essere, allo stesso tempo, preso per il culo dalla Rai. O ci verrà affidata la presidenza della Rai al più presto, sono già passati tre mesi dalle elezioni, o ne trarremo le conseguenze“.

About ClaudiaGagliardi

Nata a Pompei nel 1987, si è laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul pluralismo e l'indipendenza dell'informazione e sta per specializzarsi in Comunicazione istituzionale. Oggi si occupa delle pagine di attualità del portale Excite.it. Appassionata di giornalismo e di politica, segue con attenzione il mondo della televisione, spesso con occhio critico, soprattutto sul versante della qualità dell'informazione. Divoratrice di programmi di approfondimento e di satira, ma anche di serie tv ("Friends" e "Lost" su tutte) e di cinema, insegue il sogno di diventare giornalista professionista.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *