Caso Ruby, su Rete 4 speciale “La guerra dei vent’anni: lo scontro finale”

By on giugno 18, 2013
Processo Ruby, in tv la difesa di Berlusconi

text-align: center”>Processo Ruby, in tv la difesa di Berlusconi

Il caso Ruby ha agitato per molti mesi le acque della politica italiana, mettendo in serie difficoltà l’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi di fronte alla stampa nazionale e (soprattutto) mondiale. Sui rapporti tra l’attuale leader del centrodestra e la giovanissima ragazza immagine di origine marocchina ascesa agli onori della cronaca come la presunta “nipote di Mubarak” si è combattuta una lunga battaglia mediatica, all’interno della quale sembra voler mettere l’ultima parola Mediaset, con uno speciale che giù nel primo episodio ha fatto discutere per impostazione e contenuti. “La guerra dei vent’anni”, esperimento televisivo legato ad un tema d’attualità, è andato in onda durante l’ultima campagna elettorale, suscitando ironie e proteste tra gli avversari del Cavaliere, convinti della scarsa obiettività dell’informazione proposta al pubblico sul delicato processo in corso a Milano, dove Berlusconi risulta imputato per concussione e favoreggiamento della prostituzione.

Sul caso Ruby tornerà, in prima serata (giovedì 20 Giugno alle 21:10) , l’informazione di Rete Quattro, che si prepara ad ospitare il secondo atto del documentario di cronaca giudiziaria confezionato da Andrea Pamparana ed altri giornalisti del gruppo editoriale di Cologno Monzese. Con immagini, commenti e documenti audiovisivi in esclusiva provenienti dalle aule del tribunale milanese, “La guerra dei vent’anni: lo scontro finale” proverà a vivisezionare le varie fasi del procedimento che tra non molti giorni culminerà nell’attesa sentenza di primo grado.

berlusconi-ruby-scandalo-festini

A provocare critiche sul web e sui giornali in occasione della puntata d’esordio (trasmessa il 12 Maggio su Canale 5) dello speciale, era stata principalmente la scelta di dare ampio spazio alle argomentazioni della difesa del leader politico, mettendo in secondo piano o accantonando del tutto dichiarazioni e materiali più “imbarazzanti”, come le testimonianze dirette di alcune ospiti delle cosiddette “cene eleganti” di Arcore. Se il momento clou dell’inchiesta di Mediaset erano state le interviste dei due protagonisti dell’intera vicenda giudiziaria, Karima El Marhoug detta Ruby e Silvio Berlusconi, chiamati ad esprimere il loro punto di vista sull’andamento del processo di Milano, stavolta saranno gli approfondimenti curati dalla redazione del Tg4 a sollevare elementi di discussione in merito alla conduzione delle indagini ed alle prospettive di difesa ed accusa. La posta in palio, nel caso specifico, va ben al di là del semplice dato processuale, considerati oggetto del giudizio e qualifica degli imputati: proprio per questo, il compito dell’informazione diventa ancor più importante di fronte ad un pubblico che mai potrebbe pensare di sostituirsi ai giudici nella valutazione di fatti e persone di particolare rilevanza.

About Marco Franco

Il giornalismo come "cane da guardia" della democrazia, scrivere per diffondere idee e creare coscienza: queste sono le stelle polari che lo guidano. Studi classici, laurea in Giurisprudenza in arrivo, Marco non ha mai smesso di coltivare i suoi interessi, primo tra tutti la lettura. Libri, riviste e tanti quotidiani sempre al suo fianco, in una continua ricerca delle "verità scomode". Idealista, spesso "controcorrente" e attivo nel volontariato, ama la politica e l'informazione di antica scuola. Riccardo Iacona e Milena Gabanelli i punti di riferimento, per coraggio e professionalità dimostrati sul campo. Esperienza come web writer su diverse piattaforme e come redattore in bollettini d'informazione politica locale. Natura, sport e la musica rock le altre passioni, anzi il carburante per andare avanti!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *