Confederations Cup, Italia – Uruguay e Spagna – Brasile: orari diretta tv e news sulle formazioni

By on giugno 30, 2013
Le finali della Confederations Cup su Rai Uno e Sky

text-align: center”>Le finali della Confederations Cup su Rai Uno e Sky

ITALIA – URUGUAY, SPAGNA – BRASILE: DIRETTA RAI UNO E SKY. Si chiude stasera con le due attesissime finali la Confederations Cup 2013, torneo onorato con prestazioni di ottimo livello da alcune tra le più forti nazionali del mondo. Gli uomini di Prandelli proveranno a salire sul podio per portare a casa un piazzamento dignitoso dopo aver sfiorato il colpaccio nella semifinale contro le “furie rosse” iberiche, uscite vincitrici soltanto ai rigori in una sfida all’insegna del tatticismo e dell’equilibrio in campo. L’ottima prova di Pirlo e compagni nei 120 minuti di giovedì scorso ha dato ragione al tecnico azzurro su impostazione tattica e approccio agli incontri-chiave, mettendo a tacere almeno momentaneamente le puntuali polemiche sul gioco all’italiana e sulla scarsa vena di alcuni elementi della rosa portata in Brasile.

CONFEDERATIONS CUP, ITALIA – URUGUAY E SPAGNA – BRASILE. Mentre i padroni di casa ed i campioni d’Europa e del mondo in carica si contenderanno il trofeo in un’atmosfera carica di tensione ed entusiasmo, ad attendere le finaliste per il terzo e il quarto posto ci sarà un pubblico, sia sugli spalti che a casa, più interessato allo spettacolo che al risultato, anche se il clima dentro il rettangolo verde non dovrebbe stentare ad accendersi, essendo probabile che trovino spazio dal primo minuto alcuni tra i giocatori meno utilizzati in precedenza e perciò carichi di motivazioni.

cesare-prandelli-ct-nazionale

Sia Cesare Prandelli che Oscar Washington Tabarez sembrano intenzionati ad applicare un parziale turn over, giocandosi la carta della freschezza atletica di qualche gregario più o meno di lusso: tra gli azzurri, potrebbe essere arrivato il momento di El Shaarawy e Astori, in pole position per una maglia da titolare secondo le indiscrezioni filtrate nelle ultime ore dal ritiro della squadra italiana. Nell’undici iniziale degli uruguagi, qualche novità potrebbe arrivare a centrocampo mentre in avanti sarà difficile rinunciare all’invidiabile tridente Suarez-Cavani-Forlan, non abbastanza sfruttato nella pur spettacolare semifinale col Brasile.

CONFEDERATIONS CUP 2013, STASERA I VERDETTI FINALI. Davanti alla torcida brasiliana in fermento, la Spagna di Del Bosque sarà chiamata a dare fondo alle residue energie, provando a scrollarsi di dosso le fatiche della maratona di 2 ore necessaria per superare in extremis l’Italia, contando sulla classe e sull’esperienza dello “zoccolo duro” di Barcellona e Real Madrid, con Xavi, Iniesta, Sergio Ramos e Casillas nei panni di inossidabili trascinatori di un gruppo ancora affamato di successi. Se uno dei pochi enigmi per la formazione spagnola rimane la composizione dell’attacco (con o senza Torres), per Felipe Scolari sarà inevitabile puntare sul talento di Neymar associato alla “cattiveria” sotto porta di Fred, con Oscar, Paulinho ed altri pronti a fare la loro parte nell’arrembaggio alla porta avversaria. Questi gli orari delle due finali (entrambe in diretta su Rai Uno e Sky Calcio 1 HD): Italia – Uruguay h.18,00 e Brasile – Spagna h.24,00.

About Marco Franco

Il giornalismo come "cane da guardia" della democrazia, scrivere per diffondere idee e creare coscienza: queste sono le stelle polari che lo guidano. Studi classici, laurea in Giurisprudenza in arrivo, Marco non ha mai smesso di coltivare i suoi interessi, primo tra tutti la lettura. Libri, riviste e tanti quotidiani sempre al suo fianco, in una continua ricerca delle "verità scomode". Idealista, spesso "controcorrente" e attivo nel volontariato, ama la politica e l'informazione di antica scuola. Riccardo Iacona e Milena Gabanelli i punti di riferimento, per coraggio e professionalità dimostrati sul campo. Esperienza come web writer su diverse piattaforme e come redattore in bollettini d'informazione politica locale. Natura, sport e la musica rock le altre passioni, anzi il carburante per andare avanti!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *