Massimo Giletti rinnova L’Arena: Meno contestazione, più spazio alle soluzioni

By on giugno 28, 2013
Massimo-Giletti-l'Arena

text-align: center”>massimo giletti rinnova l'arena rai 1

MASSIMO GILETTI RINNOVA “L’ARENA”: PIÙ PROPOSTA MENO CONTESTAZIONE – Una domenica tutta da rinnovare quella di Rai 1? Se per lo slot che apparteneva alla Cuccarini si è attivata una rivoluzione totale, sia sulla formula che sui contenuti , puntando nuovamente sulla conduzione di Mara Venier, per quanto riguarda la prima parte affidata a Giletti pare invece che le novità ventilate non riguarderanno la forma, ma piuttosto l’approccio verso i contenuti. Dopo un’intera stagione passata ad attraversare casi di cronaca nera, giudiziaria, politica e di crisi economica, sottolineando ed in alcuni casi enfatizzando la rabbia covata negli opinionisti e negli italiani in genere, dalla prossima stagione cambio di registro, più ottimismo, sguardo al futuro e concretezza. In sintesi, è questo ciò che vederemo nella “nuova” Arena di Giletti, lo spazio talk che fa da apripista alla domenica pomeriggio di Rai 1, che cercherà di rinnovarsi considerevolmente nella prossima stagione senza però distruggere la formula ormai consolidata da anni. 

berlusconi-all-arena

ANCHE IN TV C’E’ NECESSITA’ DI DARE SOLUZIONI AL PAESE – Un rinnovamento leggero, nulla di stravolgente, ma che potrebbe piuttosto contribuire a risollevare i sorrisi della gente offrendo al pubblico una prospettiva diversa sui problemi, meno arrabbiata e più propositiva, cercando di riaccendere negli oscuri problemi quotidiani quella luce infondo al tunnel, offuscata tanto dalla crisi quanto dal malessere sbandierato da chiunque in tv (anche da gente con conti correnti a 7 zeri). In un’intervista rilasciata a Il Mattino, Giletti parla così della sua prossima Arena, quella che tornerà ancora una volta nell’ autunno di Rai 1 (Vuoi conoscere tutta la programmazione invernale di Rai 1? CLICCA QUI per leggere il palinsesto completo):

Il programma è un cantiere aperto, cambia sempre senza farsene accorgere troppo. La tv va trattata con grande attenzione, bisogna assumersi le proprie responsabilità e non cadere nel populismo; ora proverò a spostare il tono delle interviste dalla contestazione alla proposta e soluzioni per il Paese.

FUORI LE PRESSIONI POLITICHE, DENTRO LA LIBERTÀ DELLE IDEE – Solo promesse e buoni intenti, o traguardo realmente raggiungibile? Cero è che di una buona dose di ottimismo ne avremmo bisogno tutti, in particolare la domenica pomeriggio quando buona parte della gente preferisce rilassarsi e staccare la testa dai soliti problemi quotidiani, cosa che negli ultimi mesi è risultata davvero difficile da fare. Al bando la pressione politica; nella prossima stagione alcuna ideologia politica verrà imposta sullo spettatore (Come dimenticare l’incontro-scontro avuto da Giletti con Berlusconi alle porte della campagna elettorale!?), ma piuttosto la personale battaglia del conduttore sarà quella di “difendere la libertà delle idee“, rispondendo unicamente alla sua “coscienza e al direttore di rete“.

MASSIMO GILETTI APRE AL RINNOVO – Una stessa formula consolidata, che anche quest’anno si strutturerà nel medesimo schema dello scorso anno, con una prima parte dedicata alla discussione dei temi della settimana tra politica, cronaca e spettacolo, ed un secondo spazio dedicato ai Protagonisti scelti per sottoporsi ad una intervista “a tu per tu” tra ospite e presentatore. L’usato sicuro funziona sempre, come appunto nel caso del programma di Giletti, ma forse delle volte si esagera nel voler usurare programmi forti che tirano ascolti senza cercare di rinnovare i palinsesti; anche su quest’altro punto, nella stessa intervista rilascia a Il Mattino, è intervenuto Giletti, sottolineando:

Vedo tanta paura e la tendenza ad affidarsi all’usato sicuro, trovo che sia un errore strategico. E’ Rai 1 a tenere in vita la Rai, gli sforzi vanno fatti qui. Ho qualche idea per grandi eventi, ne parlerò con il direttore Leone.

About Vito Tricarico

Nato nel cuore del sud nel 1993, diplomato da non molto come Tecnico della Gestione Aziendale. Curioso osservatore con la voglia di costruirsi ogni cosa con le proprie mani, dedica il proprio tempo a dilettarsi nella scrittura, nel disegno e dare seconda vita ad oggetti comuni.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *