Movimento 5 Stelle contro Quinta Colonna: il senatore Giarrusso fa allontanare un inviato di Rete4

By on giugno 13, 2013
foto-quinta-colonna

text-align: center”>Movimento 5 Stelle contro Quinta Colonna: il senatore Giarrusso fa allontanare un giornalista

Il Movimento 5 Stelle, diviso dai dissidi interni dopo l’esito deludente delle elezioni amministrative, continua a ritrovarsi unito nella lotta all’informazione televisiva. Stavolta è il senatore Michele Mario Giarrusso, che qualche giorno fa si era autosospeso in aperta polemica col capogruppo Vito Crimi per poi tornare sui suoi passi, a prendersela con l’inviato di Quinta Colonna, il programma di Paolo del Debbio in onda ogni giorno in access prime time su Rete4 e il lunedì in prima serata. Il video dello scontro è stato trasmesso nella puntata di mercoledì 12 giugno, a Quinta Colonna, il quotidiano, in onda su Rete4 alle ore 20.30.

Il Movimento 5 Stelle al conduttore Paolo Del Debbio ha assegnato la medaglia di bronzo nel sondaggio online Microfono di legno 2013 indetto da Beppe Grillo sul suo blog. Sulla trasmissione Mediaset il leader si era già espresso sempre dal suo blog, denunciando come le domande poste durante i collegamenti dalle piazze fossero tutte pilotate e volte a cercare dissidi nel Movimento e tra gli attivisti. Il senatore Giarrusso, invece, avvicinato nei pressi di Palazzo Madama dall’inviato di Quinta Colonna Vittorio Romano, ha auspicato che quest’ultimo venga sospeso dall’albo dei giornalisti e che il suo datore di lavoro (presumibilmente l’editore Silvio Berlusconi, di cui i 5 Stelle sosengono l’ineleggibilità) finisca in carcere.

beppe-grillo-2

Lei sarà sospeso dall’Ordine. Qualcuno dovrebbe essere cancellato dall’Ordine dei giornalisti, soprattutto chi fa programmi come il vostro. Dovete smetterla di denigrare il Movimento. Il suo datore di lavoro deve andare in galera

Il senatore del Movimento 5 Stelle Michele Mario Giarrusso, secondo la cronaca di Quinta Colonna, per evitare di rispondere alle domande postegli dal giornalista si è rivolto alle Forze dell’Ordine presenti in Piazza Castello chiedendo che l’inviato fosse allontanato. In sostanza, ha aderito all’invito di Grillo di qualche settimana fa: “Basta interviste con giornalisti inaffidabili“, tuonò il leader del Movimento, per poi attaccare personalmente molti cronisti e conduttori tv, da Andrea Vianello a Lucia Annunziata, dall’ex candidata al Quirinale Milena Gabanelli a Giovanni Floris, fino a Corrado Formigli attaccato in diretta tv.

About ClaudiaGagliardi

Nata a Pompei nel 1987, si è laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul pluralismo e l'indipendenza dell'informazione e sta per specializzarsi in Comunicazione istituzionale. Oggi si occupa delle pagine di attualità del portale Excite.it. Appassionata di giornalismo e di politica, segue con attenzione il mondo della televisione, spesso con occhio critico, soprattutto sul versante della qualità dell'informazione. Divoratrice di programmi di approfondimento e di satira, ma anche di serie tv ("Friends" e "Lost" su tutte) e di cinema, insegue il sogno di diventare giornalista professionista.

One Comment

  1. montemurro pasquale

    giugno 21, 2013 at 17:21:44

    Perché non fate sapere agli italiani cosa ha deciso il Pennati, tutti i giornali e giornalisti democratici e amanti della libertà di parola e di scrittura, sulla prescrizione. Per Berlusconi avrebbero fatto tutti trasmissioni, fiumi di giornali, interviste a giuristi ad avvocati e avrebbero invitato anche BELZEBU. E^ raccomandato anche da Mediaset

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *