Palinsesti Rai: Arriva Mission e un nuovo talent musicale su Rai1, Porro a Rai2 e torna Mi Manda Rai3

By on giugno 22, 2013
foto di marco liorni

text-align: center”>foto di marco liorni

NOVITA’ DELL’AUTUNNO RAI. Nella giornata di giovedì il CDA ha votato a maggioranza, l’approvazione dei palinsesti autunnali delle prime tre reti del servizio pubblico, dopo vari rinvii. 6 i consiglieri che hanno votato a favore, 2 quelli contrari, che hanno espresso tutto il loro disappunto per la mancanza di innovazione. In una nota diffusa dall’azienda si parla di importanti novità che caratterizzerebbero il palinsesto Rai. Oltre a quelle già anticipate giovedì, se ne aggiungono delle altre. Quanto a Rai1 è previsto l’approdo in prima serata del nuovo reality a sfondo sociale: Mission. Alla guida del progetto nel quale, alcuni personaggi famosi come Michele Cucuzza e Barbara De Rossi sono impegnati in una missione umanitaria, dovrebbe esserci Marco Liorni, rimasto orfano de La vita in diretta. Sempre sulla rete ammiraglia è previsto l’approdo di un nuovo talent musicale, che dovrebbe coinvolgere la Fondazione Pavarotti, e che potrebbe vedere alla conduzione Lorella Cuccarini, anche lei silurata in day time. Quanto a Rai2 mercoledì 3 luglio partirà il nuovo talk show politico affidato a Nicola Porro: Virus- Il contagio delle idee, che si andrà a scontrare con un’altra premier; quella di Alfonso Signorini con Studio5. Il programma dovrebbe essere confermato anche in autunno, nonostante non si conoscano ancora i dati d’ascolto. Porro andrebbe a colmare il vuoto lasciato da Michele Santoro.

foto-elsa-di-gati

Altra conferma sarebbe quella dell’approfondimento di seconda serata 2Next- Economia e Futuro, che dopo qualche settimana dal debutto, stenta a decollare, attestandosi intorno ad una media del 4% di share. Quanto a Rai3 la più importante novità autunnale sarà il ritorno di un marchio storico della rete: Mi Manda Rai3. Il direttore Vianello, che è stato a lungo conduttore della trasmissione, ha scelto come volto del programma Elsa Di Gati, la quale ha già condotto nell’ultimo anno, una trasmissione molto simile: Codice a barre, che non ha mai del tutto convinto il pubblico televisivo. L’ultimo esperimento di riproposizione di Mi Manda Rai3 risale al 2011 con la conduzione di Edoardo Camurri. L’esperimento si rivelò fallimentare e la trasmissione fu chiusa dopo poche settimane. Riuscirà la Di Gati dove gli altri hanno toppato? Lunedì avremo tutte le conferme sui palinsesti della Rai che sarà.

About Salvatore Petrillo

Avellino gli ha dato i natali, sotto il segno del Toro. La sua passione per la conduzione televisiva e tutto quanto fa spettacolo è nata con lui e fin da piccolo partecipa a feste, recite e saggi. All’età di 8 anni comincia lo studio del pianoforte frequentando poi il Conservatorio “D.Cimarosa” di Avellino. Laureatosi prima in Scienze della Comunicazione presso l’Università degli studi di Salerno e poi in Editoria, comunicazione multimediale e giornalismo presso l’Università La Sapienza di Roma con il massimo dei voti, continua ad approfondire e conoscere meglio tutte le varie sfaccettature del mondo televisivo. Collabora con il quotidiano a tiratura regionale Corriere dell’Irpinia scrivendo di attualità, cronaca, spettacolo e con l’agenzia di organizzazione eventi ADVS di Roma. Dopo una parentesi di un anno e mezzo a Londra, dove ha cercato di rubare i trucchi del giornalismo anglosassone, torna in Italia per frequentare un corso di dizione e uso della voce e uno di conduzione televisiva presso l’Accademia 09 di Milano. In futuro sogna di farsi strada nel mondo della conduzione televisiva e dello spettacolo.

2 Comments

  1. rossella

    giugno 22, 2013 at 13:38:13

    A me i talent proprio non piacciono. Con grande sacrificio ho continuato a seguire Amici – ma facendo zapping! – solo perche’ m’incuriosisce seguire l’evoluzione di un personaggio e quindi di Maria De Filippi in questo caso, ma anche di Emma, sul piano della comunicazione ha avuto un transito interessante: e’ difficile scucirsi di dosso la casacca di Amici. Lei lo ha fatto e devo ammettere che e’ molto brava. Poi la Carra’ mi ha fatto planare su The voice. Pero’, a onore del vero, coltivo una pessima opinione del genere in questione. Anche quando ti puo’ affascinare perche’ e’ garbato come The winner is. Con il senno di poi lo boccio perche’ Altrimenti ci arrabiamo ha traslato sul piano della realta’ la natura piu’ nobile del talento e non lo ha fatto disegnando un percorso che si chiama opportunita’ da cogliere. Il talent come esperienza mi piace! Pero’ il concetto di opportunita’ e tutta la grammatica di questo meccanismo televisivo mi sembra ambigua e non invoglia i giovani ad essere determinati e ad ambire ad un ruolo nella societa’. Dunque sono precario, dipendo da una telefonata, sono apprendista fino a quell’opportunita’! Mi dispiace, continua ad esserci qualcosa che proprio non mi torna!

  2. rossella

    giugno 22, 2013 at 13:42:08

    Non si chiama opportunita’! Ho digitato in fretta e non ho fatto caso al non!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *