Rai4 compie 5 anni e lancia la Social League: su Facebook il pubblico elegge miglior film, serie tv e anime della rete

By on giugno 15, 2013
foto-rai4-social-league

text-align: center”>Rai4 festeggia 5 anni e lancia la Social League su Facebook

Rai4 compie 5 anni di vita e festeggia con una sfida online ideata per celebrare l’anniversario della rete coinvolgendo i telespettatori: si chiama Social League l’idea che punta ad eleggere il miglior film, la migliore serie tv e la migliore serie d’animazione in onda in questi cinque anni sulla rete diretta da Carlo Freccero. Un appuntamento pensato per il pubblico dell’emittente, che ha un target prevalentemente giovane e maschile, per premiare con una sorta di Oscar 2.0 i migliori prodotti trasmessi dal debutto sino ad oggi. E la scelta è decisamente molto ampia, perchè in questi anni la rete di Freccero ha trasmesso decine di serie tv in prima visione con una programmazione coraggiosa, puntando su prodotti internazionali di grande richiamo e spesso anche contestati per i contenuti trasgressivi, come Trono di Spade e Chimica o Fisica, ha riscoperto i grandi classici del cinema internazionale ma ha anche trasmesso pellicole in prima tv assoluta, per non parlare dei tanti anime che hanno trovato spazio nel palinsesto della rete.

Rai4 dunque chiama al voto i telespettatori che usano Facebook per scegliere i titoli preferiti tra i 32 film, 16 serie televisive e 8 serie d’animazione in lizza: come in ogni torneo che si rispetti, i candidati si scontreranno tra loro in diversi turni, nello specifico con cinque sfide ad eliminazione diretta. Le finali di venerdì 5 luglio decreteranno i vincitori delle tre categorie, che saranno celebrati con due speciali dei magazine settimanali Wonderland e Mainstream, in onda nell’anniversario dalla nascita di Rai4, domenica 14 luglio. (Dopo il salto, il meccanismo di voto e le indicazioni per partecipare alla Social League di Rai4).

.

foto-carlo-freccero

Rai4 chiede ai telespettatori di votare i programmi preferiti sulla pagina ufficiale dell’emittente. Il sistema di voto della Social League è molto semplice: ciascuna sfida mette a confronto due film, telefilm o cartoni animati e viene annunciata dalla redazione attraverso un post sulla pagina Facebook. I telespettatori possono esprimere la loro preferenza clicando “mi piace” per votare il primo dei contendenti e scrivendo invece un commento per votare il secondo. Passa alla fase successiva chi ottiene più voti: i giochi si chiudono il 5 luglio con la proclamazione del risultato, in vista della celebrazione con gli speciali Wonderland e Mainstream dedicati ai vincitori delle tre categorie e ai cinque film, telefilm ed anime più votati in assoluto.

About ClaudiaGagliardi

Nata a Pompei nel 1987, si è laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul pluralismo e l'indipendenza dell'informazione e sta per specializzarsi in Comunicazione istituzionale. Oggi si occupa delle pagine di attualità del portale Excite.it. Appassionata di giornalismo e di politica, segue con attenzione il mondo della televisione, spesso con occhio critico, soprattutto sul versante della qualità dell'informazione. Divoratrice di programmi di approfondimento e di satira, ma anche di serie tv ("Friends" e "Lost" su tutte) e di cinema, insegue il sogno di diventare giornalista professionista.

One Comment

  1. rossella

    giugno 16, 2013 at 18:03:36

    Questo aspetto “social” e’ interessante. Perde fascino nella misura in cui non s’inserisce in una linea editoriale tale che anche la promozione di un film viene proposta in salsa social. Messa in questo modo sembra un’indagine di mercato. La comunicazione devrebbe essere modulata. Mi rendo conto che la rete e’ una novita’ e che contaminare questi due linguaggi non e’ facile. Uniformare il registro silistico aiuterebbe. A Mediaset la promozione di un CD o di un film puo’ procedere in quel modo. In Rai, se il film e’ girato in Italia, la promozione dovrebbe procedere attraverso un docu reality della citta’ che diventa set. Devi intervistare la gente. Il servizio pubblico dovrebbe pretendere un contributo dalle varie produzioni per dare un’ impronta total social!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *