Addio a Dennis Farina, il detective Joe Fontana di Law and Order

By on luglio 23, 2013
L'attore Dennis Farina scomparso ieri

text-align: center”>L'attore Dennis Farina scomparso ieri

DENNIS FARINA SCOMPARSO IERI ALL’ETA’ DI 69 ANNI –  Conosciuto dal grande pubblico per il ruolo dell’agente Joe Fontana di Law & order, è deceduto ieri mattina in un ospedale di Scottsdale in Arizona l’attore Dennis Farina a causa di un coagulo di sangue nel polmone. L’attore, 69enne, nato a Chicago da genitori italo-americani aveva lavorato come agente di polizia fino all’età di 37 anni, quando il regista Michael Mann lo chiama per una consulenza poliziesca per il film Strade violente del 1981 in cui gli riserva anche un piccolo ruolo. Questa è per Dennis Farina l’occasione per conoscere la sua vocazione, quella dell’attore, tanto che lasciata la polizia inizia una lunga gavetta televisiva.

Partecipa inizialmente a serie televisive piuttosto note negli anni ottanta tra cui Miami Vice nel ruolo di un gangster e ancora I racconti della cripta negli anni ’90, contemporaneamente  porta avanti la sua carriera cinematografica e il ruolo decisivo arriva  nel 1986, quello di Jack Crawford in Manhunter – Frammenti di un omicidio sempre del regista  Michael Mann, che lo sceglie anche per la sua serie tv Crime Story in cui interpreta il Tenente Mike Torello. Una carriera piuttosto singolare, quella di Dennis Farina, che abbandonato il mestiere di poliziotto professionista, diventa poliziotto per il piccolo e grande schermo solo per finzione.

Dennis Farina

Tanti i film in cui ha lavorato tra cui Get Shorty, Midnight Run, Out Of Sight e ancora Salvate il soldato Ryan, Snatch-Lo strappo, Prima di mezzanotte tra i principali. Il ruolo che però lo ha consacrato poliziotto doc del piccolo schermo è stato quello di Joe Fontana di Law and Order – I due volti della giustizia per 46 episodi  dal 2004 al 2006 e un episodio del 2005 Law and Order – Il verdetto.

About Alessia Onorati

E' laureata in Lettere indirizzo Discipline dello Spettacolo con una tesi sul metalinguaggio nel cinema documentario. Sin dalla tenera età amante della scrittura, è approdata al mondo del giornalismo con uno stage post universitario in un giornale locale della sua zona di residenza per poi iniziare varie collaborazioni da free lance con mensili di spettacolo e siti web. Appassionata di letteratura, viaggi, teatro e cinema, non può fare a meno della tv e soprattutto adora i programmi gialli e horror, nonché di mistero e approfondimento culturale "di qualità".

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *