Alessia Marcuzzi: “Nell’ultimo Grande Fratello i ragazzi erano troppo maleducati”

By on luglio 31, 2013
Alessia Marcuzzi

text-align: center”>Alessia Marcuzzi

Alessia Marcuzzi è pronta a tornare nella prossima stagione televisiva con ben tre programmi: Extreme Makeover Home Edition Italia, Fashion Style su La5 e la nuova edizione dell’attesissimo Grande Fratello. Dopo il successo ottenuto con il Music Summer Festival, Alessia Marcuzzi non teme la fatica e soprattutto la sfida di riportare ascolti dignitosi al padre di tutti i reality che tornerà in onda dopo un anno di pausa. La conduttrice si è raccontata a Vanity Fair dove ha spiegato anche le difficoltà avute nell’ultimo Grande Fratello, oltre i suoi nuovi impegni televisivi: “I ragazzi dell’ultima edizione erano troppo maleducati. Nonostante ciò Il programma continua a piacermi molto: è affascinante osservare le dinamiche che si creano. Mi dispiace sempre vedere come i maschi facciano gruppo e le femmine nemmeno un po’. Forse scatta la competizione

alessia-marcuzzi-e-marco-mengoni

Senza svelare nulla sulle novità del nuovo Grande Fratello, Alessia Marcuzzi ha parlato dei suoi nuovi impegni televisivi come la sua partecipazione nel ruolo di giudice nel nuovo talent di moda targato La5, Fashion Style e il ritorno con Extreme Makeover Home Edition Italia: “La tv è tante cose. E’ stare in studio con gli abiti, il trucco, le luci perfette. Un’esperienza che fa bene all’autostima – spiega – E poi è anche stare per strada, come con il programma che sto girando: svegliarsi alle 4.30 del mattino, non sapere quando finirai. Sempre per strada, conosco tutti i bagni pubblici d’Italia“. Alessia Marcuzzi, infatti, ha già iniziato a girare l’Italia in questi giorni con il furgone di Extreme Makeover alla ricerca di famiglie bisognose di ristrutturare la propria casa.

A ottobre in prima serata su La5 partirà “Fashion Style” il primo talent tutto italiano dedicato alla moda e alla valorizzazione delle nuove leve della creazione. Il programma, condotto da Chiara Francini, attrice di cinema, teatro e tv, vedrà in gara 16 giovani provenienti dalle più importanti scuole del settore. In giuria oltre ad Alessia Marcuzzi ci sarà anche Silvia Toffanin e il giornalista e lo scrittore specializzato in moda Cesare Cunaccia

About Federico Ranauro

Nato e residente in provincia di Salerno ma da cinque anni vive a Parma. Ha conseguito la laurea triennale in Scienze della Comunicazione e la specializzazione in Giornalismo e cultura editoriale presso l’Università di Parma. Ha la passione per la scrittura e lavora come giornalista da circa tre anni, in particolare nel settore sportivo e televisivo.

One Comment

  1. rossella

    agosto 1, 2013 at 12:10:38

    A me non sembravano affatto maleducati! E’ la dinamica del gioco a fare acqua da tutte le parti. Ci sono punti molto discutibili. I ceti sociali sembrano essere del tutto assenti. Io mi sono relazionata sempre con tutti e fin da bambina se i miei genitori investivano milioni di lire per l’abbigliamento mio e dei miei fratelli non mi compravo degli abiti di scorta per giocare con i bambini del quartiere. Ma neanche m’interessava di indossarli, non ne avevo la consapevolezza, non mi sentivo una privilegiata e portavo nel gruppo la mia identita’ e la storia della mia famiglia, davo un senso al loro lavoro: mica te ne devi vergognare?
    Invece questi ragazzi non dicono mai: sono figlio di un commerciante, mio padre e’ un imprenditore! Alle volte lo affermano mai poi aggiungono che vogliono camminare sulle loro gambe! Ma non ci troviamo in America. Noi italiani sentiamo forte il dscorso delle radici perche’ valutiamo la coerenza della persona in relazione al rispetto del padre!
    Infatti il pubblico non si affeziona e un pochino li guarda con antipatia perche’ la loro spesa settimanale diventa una sorta di gioco e spesso accade come all’Isola: gli arrivano le ricompense! Almeno si spera che quest’anno il budget possa essere quello dell’italiano medio e il potere d’acquisto sia proporzionato all’aumento dei prezzi.
    Per convivere non e’ necessario omologarsi, commiserare o autocommiserarsi.
    Ripeto, a me non sembravano maleducati!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *