Avril Lavigne si sposa per la seconda volta

By on luglio 13, 2013
avril and chad

text-align: center”>

La cantante canadese Avril Lavigne si è sposata per la seconda volta. La giovane il 15 luglio 2006 Avril Lavigne aveva sposa il fidanzato Deryck Whibley, leader dei Sum 41, con il quale aveva una relazione dal 2003. Il matrimonio è durato tre anni e si è concluso con il divorzio dopo il quale i due sono rimasti in rapporti amichevoli. Dopo una relazione di due anni con Brody Jenner,il 22 agosto 2012 ha annunciato il suo fidanzamento con il cantante dei Nickelback Chad Kroeger e i due sono convolati a il primo luglio 2013. Una relazione che ha reso la cantante di nuovo felice. Riguardo al marito ha affermato: “Chad è un uomo che sa farti ridere molto, e sa farlo sempre. Sa sorprendermi con continui gesti romantici, quelli che piacciono a ogni ragazza”.

avril-and-chad

Il matrimonio segreto ha avuto luogo in un castello a Sud della Francia e solo a Glamour è stato concesso di ritrarre la cantante nel suo abito da sposa nero. A fine giugno erano state rilasciate delle immagini della Lavigne in un abito da sposa bianco e queste foto avevano lasciato insoddisfatti i fan che hanno ritenuto che l’outfit del loro idolo fosse troppo abitudinario. Adesso però i sostenitori della cantante saranno certamente felici di sapere che la loro beniamina si è sposata indossando un abito color nero di Monique Lhuillier. Riguardo all’abito ha affermato: “Non avevo le idee chiare per l’abito. Quello che ho scelto l’ho provato una sola volta poi ho chiesto alla stilista di cambiare colore”. Cosa pensate di questa coppia di novelli sposi? Noi gli auguriamo tanta felicità.

About Eleonora Sospetti

Nata nel 1994 ad Ascoli Piceno, studia Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Bologna.

One Comment

  1. Rossella

    luglio 14, 2013 at 14:41:10

    che piacciono a ogni ragazza?
    Secondo me un docente di letteratura ti può spiegare quello che piace all’uomo e alla donna perché studia la vita e le opere di una serie di autori! L’autore non t’insegna niente. L’analisi spetta alla critica anche se alle volte è divisa. Ad esempio D’Annunzio ha scritto proprio Il Piacere e secondo me la critica non è stata giusta nei suoi confronti. In quel testo si capisce che – nel bene e nel male- non esiste quello che piace ad una ragazza dal momento che il protagonista maschile è il ritratto allo specchio di una delle due protagoniste. Questo mi fa capire che si tratta di un autore più moderno di tanti nostri contemporanei.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *