Mankind, da domani sera 12 luglio in prima serata “la storia di tutti noi”

By on luglio 11, 2013
mankind-la-storia-di-tutti-noi

text-align: justify”>Mankind su Italia Uno La storia di tutti noi

MANKIND, il colossale documentario che narra la storia del genere umano approda su Italia Uno con un conduttore d’eccellenza: lo scrittore Nicolai Lilin, autore del romanzo “Educazione Siberiana” da cui è stato tratto il film di Gabriele Salvatores. La storia delle storie, la storia di tutti noi, la storia dell’umanità: questo e molto altro promette di essere Mankind, già trasmesso su History Channel, che da domani sera 12 luglio verrà trasmesso alle 21,10 su Italia Uno  nella ricostruzione di questo lungo viaggio del genere umano sulla terra. Saranno sei gli appuntamenti in prima serata che narreranno dalle origini dell’uomo fino alla civiltà globalizzata, la civilizzazione dell’uomo.

MANKIND  inizierà infatti dalla comparsa dei primi ominidi in Africa e approderà nell’era contemporanea, tra metropoli e megalopoli,  habitat della società globalizzata dei nostri giorni. Nel corso di ogni puntata ci saranno ricostruzioni storiche, pareri degli storici ed esperti che si soffermeranno su questo lungo cammino dell’uomo verso la civiltà. Dalla scoperta del fuoco ai grandi Imperi, dalle Rivoluzioni alle scoperte scientifiche: Mankind non tralascerà nulla di questo immenso patrimonio storico che riguarda ognuno di noi, e si soffermerà sulle evidenti riflessioni che hanno portato l’uomo ad una evoluzione e forse, oggi, ad una antistorica involuzione, considerata la propensione dell’era contemporanea ad operare contro quel Pianeta Terra che ha adattato, nel corso della storia, ai suoi usi e consumi durante l’evidente antropizzazione.

mankind-crocifissione-cristo

Domani sera 12 luglio nel primo appuntamento su Italia Uno verrà dunque raccontato come il genere umano raggiunse le prime tappe fondamentali della sua evoluzione e fondò le basi della sua civiltà: la scoperta del fuoco, lo sviluppo dell’agricoltura, l’invenzione della scrittura, la nascita dei primi agglomerati urbani, la diffusione del commercio, l’utilizzo delle armi e l’impiego degli eserciti in battaglia. Un appuntamento certamente imperdibile per tutti gli estimatori della storia e per chi intende a sua volta appassionarsi alla storia di tutte le storie: la storia del genere umano.

About Alessia Onorati

E' laureata in Lettere indirizzo Discipline dello Spettacolo con una tesi sul metalinguaggio nel cinema documentario. Sin dalla tenera età amante della scrittura, è approdata al mondo del giornalismo con uno stage post universitario in un giornale locale della sua zona di residenza per poi iniziare varie collaborazioni da free lance con mensili di spettacolo e siti web. Appassionata di letteratura, viaggi, teatro e cinema, non può fare a meno della tv e soprattutto adora i programmi gialli e horror, nonché di mistero e approfondimento culturale "di qualità".

One Comment

  1. rossella

    luglio 11, 2013 at 20:21

    Perche’ involuzione? Il poeta dice “sono l’impero alla fine della decadenza”! Io non sarei tanto catastrofica perche’ appunto non viviamo una crisi qualunque ma la fine della decadenza. E’ una fase di transizione! A me sembra evidente. Basta vedere il grande successo dei cantanti dei talent. Pare eccessivo o sbaglio? A me si! Eppure ha un senso. Convogliano il grande desiderio di un rinnovamento culturale. Nessuno se lo aspetta dai veterani che pure a modo loro dicono cose nuove ma spesso manca un riferimento con la loro storia. Quindi nell’immediato convince chi porta una novita’ senza storia. Ma la storia e’ tutto e prima o poi ci sara’ una vera primavera anche in Europa. E’ sempre stato cosi’ e Vico ce lo insegna!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *