Max Pezzali pronto tornare in moto per Deejay Tv: “Un’occasione per raccontare storie diverse”

By on luglio 1, 2013
Pezzali presto in televisione

text-align: center”>Pezzali presto in televisione

Max Pezzali dal palco alla tv, ma sempre “on the road” come alle origini. Per lo storico frontman degli 883 le grandi passioni, la musica e le moto in primis, vanno di pari passo col lavoro, specialmente quando si tratta di tradurre quella irresistibile “voglia di chiacchierare e di raccontarsi” che da sempre fa da collante tra un artista pop ed il pubblico. L’esperimento delle “Strade di Max”, nato da un’idea dello staff di Deejay Tv, sembra destinato a non rimanere isolato, almeno secondo quando riferito dal cantautore pavese al giornalista de La Stampa Roberto Pavanello a margine del festival culturale “Ideona 2013”: pur non essendo per sua stessa ammissione un consumatore incallito di programmi televisivi, l’autore delle indimenticabili hit estive degli anni ‘90 non nasconde l’intenzione di continuare a percorrere le strade di tutta Italia in compagnia delle telecamere di Deejay Tv, aggiungendo magari qualche ingrediente rispetto al format già utilizzato in precedenza.

ideona-festival-2013-a-savona

Max Pezzali in tv tornerà presto, anche se la fedeltà ai fans vecchi e nuovi conquistati a suon di canzoni non potrà certo passare in secondo piano, considerato peraltro il considerevole riscontro in termini di vendite e presenze ai concerti conservato nonostante il passare degli anni e delle “mode” musicali. Un programma, quello che prossimamente potrebbe (ri)vedere la luce sull’emittente satellitare del gruppo L’Espresso, confezionato su misura per un amante delle due ruote e della libertà come l’ex “ragazzo di strada” cresciuto a pane, rock e moto: “Il bisogno di contenuti diversi rispetto al solito ha favorito il mio ingresso nel mondo della televisione, grazie soprattutto al moltiplicarsi di reti tematiche”, spiega Pezzali al cronista inviato da quotidiano torinese alla rassegna estiva celebrata in piazza a Savona.

Le premesse per una rinnovata collaborazione tra Max e la tv diretta dal noto dj Linus ci sono tutte, ma da qui a concretizzarsi in un matrimonio vero e proprio la strada è lunga, dovendo passare ogni idea in campo televisivo per le forche caudine del gradimento popolare, croce e delizia di ogni artista messo alla prova sul piccolo schermo. “Le Strade di Max” dovrebbe ottenere il disco verde entro la prossima stagione, quando tanti altri programmi rivolti ad un target prevalentemente giovanile riapriranno i battenti su Deejay Tv, con l’obiettivo più o meno dichiarato di sottrarre simpatizzanti ad emittenti rivali come Mtv senza stravolgere l’impostazione del palinsesto di una rete (erede di All Music) generalista ma pur sempre “alternativa”.

Fonte: lastampa.it

About Marco Franco

Il giornalismo come "cane da guardia" della democrazia, scrivere per diffondere idee e creare coscienza: queste sono le stelle polari che lo guidano. Studi classici, laurea in Giurisprudenza in arrivo, Marco non ha mai smesso di coltivare i suoi interessi, primo tra tutti la lettura. Libri, riviste e tanti quotidiani sempre al suo fianco, in una continua ricerca delle "verità scomode". Idealista, spesso "controcorrente" e attivo nel volontariato, ama la politica e l'informazione di antica scuola. Riccardo Iacona e Milena Gabanelli i punti di riferimento, per coraggio e professionalità dimostrati sul campo. Esperienza come web writer su diverse piattaforme e come redattore in bollettini d'informazione politica locale. Natura, sport e la musica rock le altre passioni, anzi il carburante per andare avanti!

2 Comments

  1. rossella

    luglio 2, 2013 at 10:22

    Siamo ancora giovani per aver nostalgia degli anni ’90: Hanno ucciso l’uomo ragno mi ricorda la campanella, il fiocco e il grembiule delle elementari.
    Non e’ che mi facessero impazzire le sue hit perche’ mi facevano sentire una quarantenne: nessun rimpianto nessun rimorso! Secondo me i cantanti di quella stagione non hanno saputo incanalare la tensione che incominciava a sentirsi nell’aria. Non abbiamo avuto un Perez Pardo; pero’ se qualcuno gli dedicasse una fiction sono certa che potrebbe doppiare Volare. Cherry Pink, Mambo Jumbo, Mambo n 5; il sudamerica di quegli anni e la risposta di un anticonformista!

  2. rossella

    luglio 2, 2013 at 10:25

    Prado! 🙁

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *