Simona Borioni in esclusiva a Lanostratv.it: “Mi piacerebbe lavorare con Carlo Verdone, magari in un ruolo comico, ci ho preso gusto”

By on luglio 3, 2013
Simona Borioni

text-align: justify”>Simona BorioniSIMONA BORIONI, INTERVISTA – A partire dallo scorso maggio l’abbiamo vista sugli schermi di La5 tra le protagoniste della nuova sit-com al femminile “Bye bye Cinderella” e prossimamente – in autunno – la vedremo nel cast della seconda stagione della fiction di Canale 5Le tre rose di Eva”.

Simona Borioni si racconta al nostro blog in un’intervista esclusiva, nel corso della quale parla delle sue recenti esperienze sul set, e delle sue aspirazioni future. Classe 1972, romana, l’attrice nell’ultimo ventennio ha preso parte a numerose produzioni teatrali, televisive e cinematografiche, l’abbiamo vista ad esempio all’interno delle soap-opera italiana “Vivere” e della serie tv “Due imbroglioni e…mezzo!”. Da “Bye bye Cinderella”, all’interno della quale interpreta un ruolo comico; a “Le tre rose di Eva” – dove porta avanti un personaggio diametralmente opposto – la Borioni si sta facendo strada tra alcune delle più valide realizzazioni nostrane,  e ci ha spiegato in prima persona alcuni degli aspetti principali del proprio lavoro nel corso di questa recente chiacchierata.

simona-borioni-le-tre-rose-di-eva

Puoi raccontarci la tua recente esperienza sul set di “Bye Bye Cinderella”?

È stata un’esperienza stimolante. Una vera e propria sfida, un genere su cui non mi sono mossa, purtroppo, spesso, nonostante fosse un genere che a me piace.

Quali pensi che siano gli aspetti positivi di questa serie?

Innanzitutto, si dà spazio a un cast femminile. Siamo quattro protagoniste, Brenda Lodigiani, Marta Zoboli, Carola Clavarino, ognuna con un doppio ruolo. Io interpreto una moglie pignola e vamp con il toy-boy. Finalmente, devo dire, si dà sempre più spazio alla donna anche in ambito comico, genere che storicamente è prettamente maschile.”Bye Bye Cinderella” è una sitcom che mette in risalto le nevrosi dell’universo femminile, tutto in chiave esasperata, anche se è tutto fatto con molta gentilezza.

A breve ti vedremo anche all’interno della fiction “Le tre rose di Eva 2”: la prima serie ha riscosso molto successo: potresti anticiparci qualcosa sulle novità che presenta questa seconda stagione?

Il mio personaggio si chiama Sonia, come mia sorella, è un’ostetrica che, messa a dura prova dalla vita, segnerà il suo destino e quello degli altri protagonisti con scelte illegali.

Potresti raccontarci un breve aneddoto, accaduto nel corso delle riprese, che ti è rimasto particolarmente impresso?

Il luogo dove ho girato era un maneggio, i cavalli e la natura mi hanno regalo sensazioni uniche.

Cosa ti piace/ non ti piace del tuo lavoro? Consiglieresti ai più giovani di intraprendere il tuo stesso cammino?

Adoro recitare, sfidarmi ed innamorarmi con il personaggio, superando le mie paure, fragilità e ritrovarmi… tutto il resto è noia. Non so se consigliarlo o meno, di certo non bisogna mai smettere di sognare e di realizzare le proprie passioni.

Con quale regista/attore ti piacerebbe particolarmente lavorare in futuro?

Come regista mi piacerebbe lavorare con Verdone, magari in un ruolo comico… ci ho preso gusto! Come attore,invece, mi piacerebbe lavorare sia con lo stesso Verdone che con Tony Servillo.

Parlando invece del passato, a quale lavoro che hai svolto sei maggiormente legata?

Sono legata al film,”Le ultime cinquantasei ore”. Invece, per quanto riguarda il teatro il testo di Marguerite Duras “Incontri segreti”.

Oltre ai prossimi progetti televisivi, hai altro in programma per l’estate 2013?

Assolutamente vacanze.

About Mara Guzzon

Nata nei pressi di Lodi, si è laureata in Scienze e Tecnologie della comunicazione presso lo IULM di Milano. Nella stessa città ha frequentato il Master in Giornalismo e critica musicale del CPM Centroprofessionemusica e ha iniziato ad intraprendere i primi passi nel mondo del giornalismo scrivendo e fotografando. Appassionata di musica, cinema e televisione, attualmente collabora con siti appartenenti al settore dell'intrattenimento e con una web radio.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *