Tamarreide: aperti i casting per la seconda edizione (solo per Italia2?)

By on luglio 13, 2013
tamarreide 2 casting aperti fiammetta cicogna

text-align: justify”>tamarreide 2 casting aperti fiammetta cicogna

TAMARREIDE, CASTING APERTI PER LA SECONDA EDIZIONE – Anche l’immenso mondo dei casting sta diventando sempre più online. Mensilmente pagine e gruppi a tema fioccano sul social network Facebook e, proprio in uno di questi, siamo riusciti a beccare un annuncio a dir poco sconcertante: pare siano in corso le selezioni per una seconda edizione del docu-reality Tamarreide, andato in onda per la prima volta su ItaliaUno dal 13 giugno al 25 luglio 2011. Sette puntate in prima serata per un risultato di share davvero catastrofico: la media di ascolti fu stimata al 6,4% dei telespettatori.

Mediaset, però, pare non abbiamo voluto buttare definitivamente il progetto: difatti, nel corso di quest’anno, abbiamo potuto godere di alcuni Best of di questo programma sulla rete giovanile Italia2 con il titolo Tamarreide Director’s Cut; complice anche il fatto che su MTV vanno fortissimi gli show simili a questo (Jersey Shore, Gordie Shore, The Valleys e l’ultimissimo spin-off Snookie and JWooww) da cui con molta probabilità il Biscione ha preso ispirazione. Dicevamo dei casting…

tamarreide-cast

Nell’annuncio scovato da noi su Facebook si legge:

Cerchiamo per nuova stagione diTamarreide ragazzi e ragazze di età compresa tra i 16 e 34 anni dall’aria sicura di sè e aspetto autoritario, ragazzi problematici, ragazze difficili, ragazzi bulli di quartiere, uomini molto belli e sicuri di sè stessi, ragazze violente; candidarsi solo se si possiedono tali requisiti… Assolutamente adatte persone tatuate, con piercing. Si a persone gay o bise*suali che abbiano problemi a relazionarsi con ragazzi e ragazze etero…

La trasmissione sarà un proseguo di Tamarreide ma forse, non è ancora dato sapere, se avrà un altro titolo e se la convivenza sarà piu lunga… Chi si sente pronto a provare una simile esperienza, può candidarsi alla seguente mail: aresfilm@yahoo.it

Da questi pochi ma interessantissimi elementi possiamo notare che, con tutta probabilità, Tamarreide 2 potrebbe avere un nome diverso e quasi certamente verrà trasmesso su Italia2 e non sull’ammiraglia Italia1. Di certo, così facendo, il rischio flop è più ammortizzato.

Siete contenti del ritorno dei TamaVVi? (Cit.)

About Gigi

Gigi, classe 1989, pugliese doc. Figlio della generazione 2.0 e appassionato di Social Media, coltiva moltissimi hobby: il video editing, la recitazione, bloggare online, cimentarsi nella fotografia e nel web-design.

One Comment

  1. Rossella

    luglio 14, 2013 at 11:29:31

    Ma chi è il vero tamarro? Questo è il problema. Mi sembra un programma anacronistico. Un’operazione nostalgia che vorrebbe rispolverare il mito der monnezza. Ma magari! Che poi il vero tamarro sembra sicuro di sè ma è un’immagine. La verità è che ignora la “forma”, proprio come il Supercafone. Oggi questa è considerata quasi una virtù. Se tanto mi da tanto! 😉
    Tamarra è anche la tua immagine adolescenziale. In questo senso la “tamarreide” diventa il prolungamento dell’ adolescenza collettiva. Alla ricerca dell’adolescenza peduta: che allegria! In quei tamarri ci siamo anche noi anche se tendiamo a rimuovere la stagione della pubertà perché è un ricordo abbastanza sconveniente.
    A me non piacciono questi format perchè sono un po’ come l’educazione sessuale che si vorrebbe impartire all’adolescente.
    L’adolescente scopre un istinto che demolisce le consapevolezze che aveva maturato nella sua infanzia. Dunque entra in conflitto con la sua famiglia – e non perché vuole essere libero – con il senno di poi – verso i 20 anni- capirà perché odiava tutti. Il mito dell’adolescente contestatore nasce nella contrapposizione tra l’istinto e l’idea dei sentimenti. Soprattutto se giocavi con le Barbie! Smetti di scrivere le poesie, non credi più nei poeti e vivi con fatica lo studio.
    Quindi se qualcuno prova a regolamentare il tuo istinto, l’unica cosa che ti sembra vera in quel momento, ti incentiva a non educare i tuoi sentimenti, a non farti maturare. Perché tanto come nascono i bambini lo sai già!
    Mi dispiace ma non posso approvare questi programmi anche se non sono madre. Però sono quei momenti in cui scopri che non passa molta differenza tra essere madre di un figlio o di una nazione! Nel senso che non cogli il valore pedagogico di una determinata operazione!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *