Canone Rai, nuova proposta di Catricalà: “Abbinare tassa alla bolletta Enel”

By on agosto 22, 2013
Canone Rai nella bolletta Enel

text-align: center”>Canone Rai nella bolletta Enel

CANONE RAI, POSSIBILE ABBINAMENTO ALLA BOLLETTA DELLA LUCE. Potrebbe essere inglobata nel pagamento del conto Enel la tassa che gli abbonati al servizio pubblico radiotelevisivo sono annualmente tenuti a versare nelle casse dell’erario. L’idea di mettere in pratica un sistema di riscossione automatica dell’imposta a carico degli utenti della tv di Stato è stata lanciata dal sottosegretario allo sviluppo economico Catricalà, da tempo impegnato su questo fronte per conto del governo in carica. Ad inizio mese, lo stesso ex presidente dell’Autorità Generale delle Comunicazioni si era espresso a favore di una revisione del balzello tanto criticato sia da una parte del mondo politico che da settori non certo minoritari dell’opinione pubblica, senza escludere in partenza alcuna soluzione, compresa l’eventuale abolizione o sostituzione con un tributo diversamente impostato.

“Per far pagare a tutti il canone Rai, ha argomentato Antonio Catricalà durante un’intervista alla trasmissione Radio Anch’Io, “sono attualmente allo studio varie opzioni”, tra le quali quella dell’inserimento con una voce specifica all’interno della (già salata) bolletta dell’energia si profila come la più gettonata del momento, “anche se forse non è la migliore in assoluto”.

rai-sede-nazionale-roma

L’obiettivo dichiarato dell’esponente tecnico dell’esecutivo di larghe intese presieduto da Enrico Letta consiste nell’ampliamento ad effetto immediato, del bacino di contribuenti raggiunti dall’obbligo di versamento dell’ imposta, attraverso una formula moderna ed efficace, con la sola controindicazione della scarsa popolarità di una misura destinata a scatenare le proteste di consumatori e rappresentanti di partiti di opposizione. Antonio Catricalà ha aggiunto che tale riforma, da sottoporre nelle prossime settimane all’attenzione del Consiglio dei Ministri per poi passare alla discussione nelle aule parlamentari, “permetterà ai cittadini di comprendere la necessità di pagare un servizio in maniera più trasparente”.

La delicata questione del canone Rai, sollevata durante il periodo di vacanza della politica, tornerà presto ad accendere il dibattito pubblico, sia in Parlamento che negli spazi televisivi pronti a riaprire i battenti dal mese prossimo, oltre che nel mare magnum del web e dei social network. Decisamente contrari ad un irrigidimento della tassazione sull’utenza televisiva sono forze politiche come Lega Nord e Movimento 5 Stelle, mentre sull’argomento ancora non hanno espresso una posizione categorica i due pilastri della maggioranza di governo, Pd e Pdl. Da Settembre si capirà se questo ed altri progetti in cantiere verranno portati ad attuazione da Letta e ministri, costretti peraltro a fare i conti col fantasma delle elezioni anticipate, evocato con insistenza da illustri esponenti del centrodestra dopo la condanna in Cassazione di Silvio Berlusconi nel processo Mediaset.

About Marco Franco

Il giornalismo come "cane da guardia" della democrazia, scrivere per diffondere idee e creare coscienza: queste sono le stelle polari che lo guidano. Studi classici, laurea in Giurisprudenza in arrivo, Marco non ha mai smesso di coltivare i suoi interessi, primo tra tutti la lettura. Libri, riviste e tanti quotidiani sempre al suo fianco, in una continua ricerca delle "verità scomode". Idealista, spesso "controcorrente" e attivo nel volontariato, ama la politica e l'informazione di antica scuola. Riccardo Iacona e Milena Gabanelli i punti di riferimento, per coraggio e professionalità dimostrati sul campo. Esperienza come web writer su diverse piattaforme e come redattore in bollettini d'informazione politica locale. Natura, sport e la musica rock le altre passioni, anzi il carburante per andare avanti!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *