Carlo Lucarelli al Fatto Quotidiano: “Tra letteratura e tv, tutti i segreti dei personaggi più amati”

By on agosto 5, 2013
Gialli in tv, i racconti di Carlo Lucarelli

text-align: center”>Gialli in tv, i racconti di Carlo Lucarelli

CARLO LUCARELLI SPIEGA I SEGRETI DEI GIALLI AL FATTO QUOTIDIANO DEL LUNEDÌ. Il protagonista di un romanzo o di una serie televisiva può essere interpretato sotto molteplici chiavi di lettura, ma le intenzioni chi quel personaggio l’ha creato e fatto “vivere” con libri o pellicole spesso sono molto più univoche rispetto alle apparenze. La storia dei gialli, thriller e noir è piena di contraddizioni ed affascina i suoi studiosi proprio per la grande varietà di visioni che i diversi autori, più o meno popolari, hanno proposto al pubblico di tutto il mondo attraverso racconti di delitti ed indagini sui crimini più disparati con al centro figure (di investigatori, da Poirot a Montalbano, passando per Marlowe, tanto per citare qualche esempio di “mainstream”) in alcuni casi tanto misteriose quanto affascinanti ed in tanti altri antieroiche o addirittura grottesche.

blu-notte-con-carlo-lucarelli

In una lunga intervista al Fatto Quotidiano del Lunedì, Carlo Lucarelli si è soffermato sui principali step della crescita del genere al quale, da scrittore ed ispiratore di varie serie per la tv, si è dedicato appassionatamente muovendosi sulle orme di maestri internazionali indimenticati come Simenon, Allan Poe, Durrenmatt, ma soprattutto degli italianissimi Scerbanenco, Eco, Sciascia, Camilleri, Fruttero e Lucentini, autentici fari per gli appassionati di romanzi gialli. Dialogando a viso aperto col giornalista Salvatore Cannavò, l’intellettuale parmense cresciuto alla scuola del “Gruppo 13” di Bologna insieme a Machiavelli, Fois e Cacucci, ha affondato il coltello dell’analisi sui suoi personaggi di riferimento, mettendo a confronto l’ispettore Coliandro, il commissario De Luca e Grazia Negro, non senza qualche riferimento a Montalbano ed ai modelli recenti e meno recenti.

IL FATTO QUOTIDIANO, CARLO LUCARELLI ALLA RISCOPERTA DEL GENERE GIALLO. “Coliandro è nato in chiave negativa, mi è servito per raccontare in maniera umoristica e caricaturale il tempo presente, un po’ come Grazia Negro, che pur non sembrando disperata vive le angosce che osserva attorno a sé” confida Lucarelli al Fatto: “Diverso è De Luca, osservatore prezioso della storia nazionale, compromesso col fascismo nonostante provi a dimenticarlo”. Proprio tramite un romanzo imperniato sulla figura del commissario di polizia Achille De Luca, Carlo Lucarelli si prepara a ripercorrere i misteri d’Italia, seguendo la strada già solcata con Blu Notte in tv per ripartire con un lavoro letterario di alto livello, magari ambientato nella fase storica del dopoguerra, quando istituzioni e società provavano a scrollarsi di dosso il peso del regime passato tra mille ostacoli e sbandamenti: “In fondo scriviamo noir anche per raccontare pezzi di storia”.

About Marco Franco

Il giornalismo come "cane da guardia" della democrazia, scrivere per diffondere idee e creare coscienza: queste sono le stelle polari che lo guidano. Studi classici, laurea in Giurisprudenza in arrivo, Marco non ha mai smesso di coltivare i suoi interessi, primo tra tutti la lettura. Libri, riviste e tanti quotidiani sempre al suo fianco, in una continua ricerca delle "verità scomode". Idealista, spesso "controcorrente" e attivo nel volontariato, ama la politica e l'informazione di antica scuola. Riccardo Iacona e Milena Gabanelli i punti di riferimento, per coraggio e professionalità dimostrati sul campo. Esperienza come web writer su diverse piattaforme e come redattore in bollettini d'informazione politica locale. Natura, sport e la musica rock le altre passioni, anzi il carburante per andare avanti!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *