La Prova Del Cuoco: Antonella Clerici arruola Davide Scabin. Addio alla Lotteria Italia

By on agosto 30, 2013
Davide Scabin, Antonella Clerici

text-align: center”>la prova del cuco davide scabin antonella clerici rai 1

LA PROVA DEL CUOCO: ANTONELLA CLERICI ARRUOLA DAVIDE SCABIN – Novità in vista per il mezzogiorno di Rai 1: nella squadra di Antonella Clerici è pronto ad entrare Davide Scabin. A lanciare l’anteprima è il sito Panorama.it, che in un articolo anticipa l’entrata in scena dello chef stellato del Combal.Zero di Rivoli dietro i fornelli quotidiani di Rai 1. Dopo l’esperienza fallimentare de La Terra Dei Cuochi (che risulta tale soprattutto quando si mette in relazione il grande sforzo di tempo e denaro con il magro bottino raccolto in termini di share), pare proprio che il giudice del talent culinario si sia fatto incuriosire dal piccolo schermo, e forse anche dalla Clerici, che ora lo porterà con se dietro i più fortunati ed interessanti banconi da cucina mattutini. Sotto l’ala di Lucio Presta (manager che segue i suoi appuntamenti televisivi ndr), anche in questa nuova esperienza Scabin dovrebbe ritrovarsi a giudicare giovani cuochi alle prime armi, confermando quanto dichiarato qualche settimana fa dalla Clerici che parlava dell’idea di accorpare La Terra Dei Cuochi e La Prova Del Cuoco in una sorta di mini talent. Ad uscire di scena saranno invece altri due volti del programma che, salvo cambiamenti dell’ultimo minuto, non dovrebbero essere presenti nella prossima edizione.

antonella-clerici

Nella Gallery Antonella Clerici e Davide Scabin insieme a La Terra Dei Cuochi

FUORI HEINZ BECK E NICOLA SANTINI, CONFERMATI ANNA MORONI E CLAUDIO LIPPI – Fuori dalla quattordicesima edizione del cookin show della Clerici saranno lo chef stellato Heinz Beck, che vanta al suo attivo 3 stelle Michelin (contro le due di Scabin ndr), e il giurato Nicola Santini, giornalista ed esperto di food chiamato a giudicare in diverse sfide culinarie presenti nelle varie puntate. Quest’ultimo non dovrebbe scomparire dagli schermi televisivi, piuttosto si tratta di un trasloco dalla prima rete alla seconda, con voci in merito che vorrebbero vederlo approdare nella nuova edizione de I Fatti Vostri. Confermati invece Anna Moroni, storica compagna di “cucinate” della Clerici, e Claudio Lippi, chiamato più volte nella stagione già andata in onda a sostituire egregiamente la conduttrice ufficiale a causa dei diversi imprevisti che le hanno impedito di mandare avanti la trasmissione. Con loro, confermate anche la rossa Luisanna Misseri e la “pastaia” Alessandra Spisni, sempre alle prese col suo mattarello chilometrico e le sue sfoglie dalle dimensioni olimpioniche.

DENTRO BIGAZZI, FUORI LA LOTTERIA ITALIA – Tra le altre novità del quattordicesimo anno de La prova Del Cuoco, oltre alla new entry Davide Scabin, ricordiamo il già annunciato ritorno di Beppe Bigazzi, fuori per tre anni consecutivi a causa di una gaffe commessa durante la diretta. A quanto pare, invece, quest’anno il programma dovrebbe essere slegato dalla Lotteria Italia, che ha visto negli ultimi due anni unica spiaggia nel programma mattutino senza prime serate annesse, oltre quella del 6 gennaio. Fin’ora, nessun altro programma è stato selezionato per accogliere la storica lotteria, e non è ancora chiaro se ce ne sarà davvero un altro; a causare la perdita di interesse verso la Lotteria Italia da parte della tv di Stato potrebbe essere stata la progressiva diminuzione delle vendite dei biglietti registrata negli ultimi due anni, e forse, proprio come accaduto a Miss Italia, è arrivato il momento di dire addio alla serie di biglietti vincenti. La vera novità per la prossima edizione potrebbe però arrivare anche dalla concorrenza, orfana di Rita Dalla Chiesa e di Fabrizio Bracconeri, che propone per quest’anno la presenza di una non proprio briosa Barbara Palombelli: Antonella Clerici vedrà volare lo share oltre ogni previsione?

About Vito Tricarico

Nato nel cuore del sud nel 1993, diplomato da non molto come Tecnico della Gestione Aziendale. Curioso osservatore con la voglia di costruirsi ogni cosa con le proprie mani, dedica il proprio tempo a dilettarsi nella scrittura, nel disegno e dare seconda vita ad oggetti comuni.

9 Comments

  1. Salvo

    agosto 31, 2013 at 13:57

    Ottima l’idea del mini talent legando La terra dei cuochi a La prova del cuoco; sarebbe bello fare anche qualche puntata in prima serata, magari funziona meglio dell’esperimento fatto in primavera. Antonella Clerici non mi delude mai!

  2. rossella

    agosto 31, 2013 at 17:16

    Invece a me fa riflettere il nostro rapporto con la lotteria. Prima rappresentava una sorta d’istituzione. Perche’ associarla ad un programma di cucina? Storicamente si e’ aggiunto a tanti cambiamenti che hanno ripreso la lezione del ’68! Anche il rapporto genitori figli ricorda quella stagione. I social ci permettono di avere un filo diretto con chiunque. In realta’ allora quella ideologia non ebbe molta fortuna: adesso tutto e’ cambiato! I miei genitori non hanno vissuto quella stagione e io sono sempre stata molto critica. Adesso anche quei ragazzi la penseranno diversamente. Infatti il prodotto di quella cultura si potrebbe condensare in una commedia di Eduardo: Filumena Marturano! Quindi un regresso che come unica speranza ha l’obbedienza dei figli che poi diventano la metafora degli italiani di oggi. Filumena e Domenico rappresentano i due punti piu’ estremi della scala sociale: eppure sono gli unici ad avere un ruolo e molte cose in comune! Il giornalista, l’operaio e il commerciante dipendono da un nome(istituzione) e non hanno peso.
    Secondo me uno stile troppo informale non e’ in sintonia con la natura della democrazia.

  3. Emanuele

    settembre 2, 2013 at 17:36

    Trovo ingiusto se decidessero di eliminare la Lotteria Italia! Sono sempre stato un fan di questo bellissimo gioco, che rende felici un migliaio di italiani l’anno, secondo me è davvero una grande perdita! Per recuperare i giocatori, (che alla fine sono sempre quelli con gli anni “…anta”), c’è bisogno di sponsorizzarlo e pubblicizzarlo, renderlo sicuro e visibilmente fruttuoso! Far capire che una botta di fortuna può arrivare con 5€ a qualcuno! Avere un momento della giornata, in inverno, in cui ti siedi davanti alla TV e stai trepidante lì con i biglietti in mano, con il telefono, o anche solo per sentire chi vince, per sentirsi italiani, per essere felici della vincita di qualcuno, mi fa piacere! Non ho mai vinto niente alla Lotteria, ma spero che anche tra 20 anni qualcosa potrò vincerlo! Quindi Mamma Rai impegnati, non abbandonare la LOTTERIA ITALIA! IO LA VOGLIO! E poi sotto le feste di natale rende la tv molto più bella!!! Daiiii!

  4. rossella

    settembre 3, 2013 at 10:03

    Anche per me e’ importante! Mi viene in mente un articolo di Roberto Cartocci, adesso mi sfugge il titolo- se non baglio e’ uscito sul Corriere della sera nel ’91-, ebbene nell’esempio del tribunale e della panchina ci trovi l’importanza di quell’unita’ nazionale che passa dai simboli di aggregazione sociale. Sembra un paradosso ma siamo arrivati alla democrazia con questo deficit.

  5. emanuele

    settembre 3, 2013 at 11:54

    Esatto Rossella, dici bene, anche io la trovo come un simbolo di aggregazione sociale. E poi non mi venissero a dire che c’è la crisi e quindi nessuno può permettersi un biglietto. La lotteria va fatta proprio per chi è in crisi economica, perché una vincita possa cambiarli la condizione di vita un po’! Altrimenti se giocassero solo i ricchi, sarebbe un fallimento! Va vista come una speranza la Lotteria Italia.

  6. rossella

    settembre 3, 2013 at 13:06

    Hai ragione! Pero’ oggi ha piu’ fascino la sala bingo o il centro di raccolta scommesse. Poi il gratta e vinci e’ gettonatissimo. Comunque dipende dal tuo carattere. Io ad esempio non amo molto questo genere di aggregazione.
    La lotteria e’ suggestiva ma forse racconta un’altra Italia. E poi in Tv non avrebbe successo perche’ lo spettacolo e’ cambiato e i game vivono dell’azzardo. Anche The Winner is…lo ha dimostrato, ma anche i Pacchi: “Rifiuto e vado avanti…”
    Ci dobbiamo adeguare, non ha senso la nostalgia!
    Buona giornata

  7. emanuele

    settembre 3, 2013 at 14:19

    Eggià, è vero, il fatto dell’azzardo è diventato un punto favorevole di questi giochi, come dimostrano The winner is… Red or Black, Un minuto per vincere. Purtroppo la lotteria perde colpi anche da questo lato. Ma la tradizione, a volte, si può mantenerla, modificandola! Si vociferava che venisse abbinata ai migliori anni, non è un ottima scelta, ma accontentiamoci! Buona giornata

  8. Marco

    settembre 3, 2013 at 21:38

    A me la sola cosa che dispiace è che abbia lasciato nicola santini. Un goudice con le contropalle severo ma preparato e televisivo…

  9. Lotteria Italia 2014

    settembre 26, 2013 at 23:18

    Speriamo che il primo premio della Lotteria Italia vada a chi ne ha veramente bisogno!! 😀

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *