Leggende rock: stasera su Rai Due lo speciale dedicato a Jimi Hendrix

By on agosto 3, 2013
foto del chitarrista jimi hendrix

text-align: center;”>foto del chitarrista jimi hendrix

LEGGENDE ROCK CON JIMI HENDRIX – Dopo il grande successo ottenuto dalla prima puntata del programma musicale condotto da Perla Pendenza e dall’inviata Elena Ballarini, scritto da Domenico DimaRoberto Vecchi e Nicola Montese e diretto da Gaetano Morbioli, stasera 3 agosto alle 23,55 andrà in onda su Rai Due il secondo appuntamento con la storia del rock internazionale. Bruce Springsteen, infatti, protagonista il 29 luglio scorso, lascerà il suo spazio a quello che è considerato il chitarrista più importante di sempre.

Stiamo infatti parlando di Jimi Hendrix e della sua incredibile storia, terminata con una morte a detta di molti assai misteriosa. Con soli quattro album all’attivo – Are you experienced (1967), Axis: Bold as love (1967), Electric Ladyland (1968) e il live Band of Gypsys (1970) – entrati nella storia, Jimi Hendrix è considerato uno dei più grandi innovatori della chitarra elettrica. Nonostante una brevissima vita – è nato nel 1942 ed è morto nel 1970 – è stato il precursore di un sound e di una struttura musicale che avrebbero dato i natali alle evoluzioni rock degli anni successivi. Hendrix è riuscito nell’impresa di fondere insieme blues, r’n’b, soul, hard rock, psichedelia e funky.

foto-jimi-hendrix

La grande personalità di Jimi Hendrix gli ha permesso di entrare di diritto al vertice della classifica della rivista Rolling Stones dei chitarristi più grandi della storia della musica, ottenendo anche un meritato posto di prestigio nella Rock and Roll Hall of Fame nel 1992. Non solo i suoi fan, ma tutti ricorderanno le immagini legate alla sua esibizione avvenuta nel 1969 a conclusione del Festival di Woodstock, durante la quale suonò in maniera provocatoriamente distorta l’inno nazionale americano, suscitando il clamore degli astanti e le critiche di un Paese assai bacchettone.

E nella seconda puntata di Leggende rock vedremo proprio quel concerto tenutosi ad agosto, accompagnato da svariate testimonianze in studio. Per primo interverrà il chitarrista Ricky Portera, seguito dal cantautore Andrea Mingardi, dai giornalisti Carlo Massarini e Luca Dondoni, dal professor Gianni Sibilla, docente ed esperto di comunicazione musicale, da Guido Elmi, produttore di Vasco Rossi e dal chitarrista Maurizio Solieri. Anche stavolta sentiremo il parere di Gianni Boncompagni. Per finire seguiremo l’intervento della tribute band italiana di Jimi Hendrix che ci farà ascoltare alcuni suoi pezzi noti.

Le prossime puntate di Leggende rock saranno dedicate a Bob Dylan ed Elvis Presley.

About Luca Mastroianni

E' nato a Roma ed è un giornalista pubblicista. Ha lavorato presso Legambiente e il Ministero dell'Ambiente, collaborando con agenzie e uffici stampa e occupandosi di attualità, diritti e corsi di giornalismo. Oltre alla scrittura ha grande passione per il calcio, il tennis e la musica. Della televisione ama soprattutto le serie tv degli anni Ottanta e Novanta: da Twin Peaks a La Tata, da C.S.I. a Friends, da I Griffin a Sex & the city.

4 Comments

  1. Luigi Rop

    agosto 5, 2013 at 16:26:46

    La puntata dedicata a Springsteen è stata una vera schifezza.

    Personaggi intervistati (a parte tre ) improponibili che hanno sparato un sacco di c…

    Insignificanti e di disturbo le schitarrate di Portera. Da ricovero con TSO immediato la gag (idiota all’ennesima potenza e tutto fuorchè simpatica) dell’ormai derelitto Boncompagni. Non oso pensare la puntata Sul leggendario Elvis. Già immagino l’intervento di Bobby Solo, di Arbore con i suoi gadget… . Almeno mi auguro abbiate intervistato il più grande esperto italiano vivente Sebastiano Cecere ma temo che… Mah, e poi si lamentano che molti non pagano il canone. Che pena! L.R.

    • Luca

      agosto 5, 2013 at 19:03:58

      ciao luigi, purtroppo non ho potuto vedere la puntata e non so darti il mio punto di vista. C’è da dire che a quanto ho capito questo è un programma proprio italiano (d’altronde è diretto da Morbioli), quindi è facile che, come di solito accade, si cada nella banalità più facile che ci possa essere. Se è davvero così è un peccato, perchè la musica in tv è ormai solo in mano ai talent, dove si propinano solo giovani promesse (???) e si dimenticano quasi sempre le leggende della musica.

  2. Luigi Rop

    agosto 6, 2013 at 9:49:03

    Ciao Luca, non conosco Morbioli nè il suo modus operandi ma, a quanto pare, ne hai già una chiara idea tu e dalle poche righe che scrivi mi pare che sia già tutto un…’programma’. Purtroppo (o per fortuna ?) mi sono perso la perla dedicata a Hendrix ma , essendo cresciuto a pane, Elvis e Dylan, ovviamente farò il possibile per ‘sorbirmi’ cioè vedermi le due puntate dedicate a loro… dopodichè credo che creerò qualche gruppo su fb o in internet per sputare veleno definitivamente sulla Rai, almeno per quanto riguarda la ‘loro’ inesistente professionalità e conoscenza delle cose. Io ho 51 anni e ricordo che la Rai faceva cose splendide ma, anche allora, quando si trattava di rock e affini… niente di niente solo pattume, qualunquismo, superficialità… . Per chiudere: ricordo Pippo Baudo (il grande professionista super pagato… ma per favore!) quando presentò Bruce Springsteen in apertura a Sanremo disse: “…canterà: The Ghost of Tom… Jones !!!” Bòn, tutto detto; Il povero Tom Joad si sarà rivoltato nella tomba e il coriaceo ma vivo e vegeto Tom Jones si sarà quantomeno ‘toccato’; insomma è un po’ come se un presentatore americano nel presentare un predicatore italiano dicesse: “Mr. Pinco Palla, ministro di culo”, anzichè di culto, ecco. E io pago! (il canone). LR

    • Luca Mastroianni

      agosto 6, 2013 at 11:15:07

      Purtroppo hai ragione, sono già molti anni che la Rai è scaduta nei suoi programmi! Ho immaginato che il programma non fosse al meglio perchè non ho molta stima del suo regista, del quale conosco i moltissimi video musicali che ha fatto per gli artisti italiani. Morbioli è infatti il massimo esponente di videoclip nel nostro Paese, ma trovo che il suo modo di farli sia antiquato e anacronistico. A mio avviso ha fatto ORRORI persino con Tiziano Ferro, un artista ormai conosciuto a livello internazionale. Detto questo, fammi sapere come saranno le altre due puntate! 😉

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *