Sweet Sardinia: ecco il nuovo reality di La 5 ambientato su un veliero con otto coppie partecipanti

By on agosto 21, 2013
Logo de La 5 nuovo programma

text-align: justify”>Logo de La 5 nuovo programmaSWEET SARDINIA: ECCO IL NUOVO REALITY DI LA 5 AMBIENTATO SU UN VELIERO. In casa Mediaset non si finisce di sperimentare dei nuovi prodotti da proporre al pubblico ed ecco arrivare, un po’ a sorpresa, la notizia della preparazione di un nuovo reality. A darne notizia è l’ Ansa che fornisce anche numerosi dettagli su questo nuovo programma in arrivo nella nuova stagione di La 5. Il reality si chiamerà ‘Sweet Sardinia‘ e come suggerisce il titolo sarà ambientato proprio in Sardegna. Cerchiamo quindi di capirne un po’ di più su questa novità della prossima stagione televisiva, come funzionerà quindi Sweet Sardinia? L’ ambientazione sarà un vero e proprio veliero composto da tre alberi dove vivranno ben otto coppie. Il loro viaggio sarà ambientato completamente sulle coste della Sardegna e durerà in tutto 40 giorni.

Sweet Sardinia: nuovo reality Mediaset. Le otto coppie quindi dovranno affrontare l’ avventura sulle coste della Sardegna mettendo alla prova il loro rapporto, ma soprattutto superando diverse prove sempre ambientate sull’ isola italiana.  Le coppie dovranno quindi testare il loro rapporto attraverso queste difficili prove e saranno valutati da una giuria che alla fine di ogni puntata darà il proprio verdetto. Le otto coppie si sono imbarcate proprio ieri dal Porto di Cagliari e affronteranno il viaggio fermandosi in otto diverse tappe(una per ogni puntata che andranno in onda in prima serata, ndr). Le prove che le coppie dovranno affrontare sono tra le più disparate e richiederanno un mix di forza fisica e spirito di adattamento.

gennargentu-monte-sardegna-sweet-sardinia-la-5

Sweet Sardinia: nuovo reality su La 5. Ad esempio, tra le prove, è prevista la scalata del Gennargentu oppure dovranno provare a comprare del pesce al mercato parlando in sardo. Oltre alle otto puntate previste in prima serata ci sarà anche una striscia quotidiana che andrà in onda sempre su La 5. Per quanto riguarda la data di messa in onda dovrebbe essere intorno alla metà di settembre e le puntate andranno in onda in differita. Il viaggio delle otto coppie si concluderà il 24 settembre quando la messa in onda del reality sarà già iniziata. Cosa ne pensate quindi di questo nuovo reality di La 5 ‘Sweet Sardinia‘, vi ricorda Pechino Express?

About Matteo Pagano

Nato a Casarano (Lecce) nel 1990, è il più giovane tra i Redattori. Frequenta nel Salento la Facoltà di Scienze della Comunicazione, si definisce socievole, ironico e simpatico. Non ha peli sulla lingua, non sopporta l'ipocrisia, ama scrivere ed ascoltare musica. La sua passione è esplosa al Liceo quando gestiva un giornalino di classe. Ha collaborato con giornali online di universitari e il suo rapporto con la tv è di amore-odio.

3 Comments

  1. Rossella

    agosto 21, 2013 at 13:22

    A me non sembra! Comunque mi ricorda vagamente “Vero Amore” anche se la De Filippi non lo avrebbe scritto mai in questo modo. Magari adesso sì! Ma non credo che questo reality sia riconducibile a lei. Quello sulla scuola su Italia due le strizzava l’occhio ma non mi sembrava suo a meno che…! Il suo personaggio completa le sue idee e quindi mai dire mai.
    Lei come autrice sembra cinica.
    In realtà se si studiano le sue idee emerge un lavoro sui sentimenti che non è tanto malvagio, la verità è che l’incontro è sempre un rischio!
    Il suo lavoro appare come un “openspace”. Nessuno potrebbe lavorare in quelle scenografie e con i suoi soggetti. E’ un rebus d’ispirazione post dadaista visto con gli occhi di un critico televisivo. Però questa sorta d’istallazione allude ad un’altra dimensione: quella della gente comune.

    Vero amore era un programma estremo e di dubbio gusto ma ti dava proprio il senso del fidanzamento visto attraverso gli occhi della ragazza della porta accanto. Niente di costruito! Scandagliava l’animo umano alla ricerca della qualità della persona e il passaggio successivo era la rottura del fidanzamento. Si capiva che l’amore non è una comune e i concorrenti potevano evitare di coinvolgersi! Lei in quella televisione era perfetta: il trash è la sua seconda pelle perché racconta l’altra Italia quella che purtroppo oggi passa solo attraverso i racconti della cronaca nera. Secondo me il successo di Quarto grado è presto spiegato. In molte storie emergono profili femmini caratterizzati da una profonda autenticità e si crea una sorta di simbiosi.

    La De Filippi televisivamente sembra molto influente e probabilmente lo è perché il pubblico continua a credere in lei. Questo è il suo potere: non altri! Almeno a me sembra evidente anche se la sua televisione non è molto costruttiva. Ma non nasce con questo presupposto. Neanche quando intervenivano genitori e figli era costruttiva. Però paradossalmente costruiva: in quello scontro generazionale veniva fuori un’identità nuova e lo spettatore capiva che per evolvere bisogna saper espropriare una parte del proprio egoismo.
    Adesso sembra più costruttiva ma demolisce perché si creano dei ponti ridicoli tra le generazioni quando basterebbe un po’ di rispetto!
    Forse con il tempo tornerà a quella televisione. Non è colpa sua se non si creano antagonismi. Lei lavora in questo senso e forse questo è stato un limite per la sua televisione.
    Penso che accoglierebbe con spirito qualunque tipo di satira sui suoi programmi. Invece ho visto solo talent e sottoprodotti della sua televisione.

    • helene

      agosto 21, 2013 at 22:56

      ciao Rossela! mi piacciono i tuoi commenti! kiss kiss

      • Rossella

        agosto 22, 2013 at 15:10

        Ti ringrazio!
        Pensavo di aver esagerato. Ho davvero un’ottima impressione di Maria De Filippi “autrice di sé stessa”. Però sembra una stima fuori luogo perché la sua ultima televisione cancella i presupposti che l’ispirarono quando debuttò.
        Piace anche a diversi milioni di persone però non puoi guardare un programma solo perché stimi la conduttrice. Denota un grande senso di solitudine: io la posso guardare solo facendo zapping! Pura curiosità.
        E dire che i margini di recupero ci sarebbero stati. Ha avuto l’occasione di poter recuperare con La scimmia e come sappiamo sarebbe stato un successo perché la scuola sarebbe stata una nota a margine.
        Invece ha investito su Amici. Ma non voglio dire che mi sembra una maestra. La televisione non è mica una scuola: infatti la conduttrice che l’ ha presentato aveva classe ma sembrava di stare una caserma.
        All’interno di Amici si è rivelato un fiasco perché non basta subentrare alla conduzione di un programma che peraltro ha un titolo come La scimmia: anti defilippianissimo!
        Ma si vedeva che non ci credeva minimamente neanche lei: sembrava in un campo di concentramento.
        Sarebbe un esperimento da rifare a partire dal titolo che non mi piace e comunque i protagonisti dovrebbero essere i professori. Visto dal punto di vista della De Filippi non sarebbe male perché lei racconta gli stati d’animo e quindi potrebbe impostarlo come una canzone di Renato Zero: Professore!
        Comunque mi sono persa nei miei pensieri. Ti saluto 😉

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *