Le tre rose di Eva 2, ascolti e sintesi prima puntata: il rapimento di Eva

By on settembre 5, 2013
foto-le-tre-rose-di-eva-2-prima-puntata

text-align: center”>Le tre rose di Eva, ascolti prima puntata: il rapimento di Eva

Le tre rose di Eva 2 ha debuttato su Canale5 con un ottimo risultato auditel: la fiction con Anna Safroncik, Roberto Farnesi e Luca Capuano, per la regia di Raffaele Mertes e Vincenzo Verdecchi, ha ottenuto 4.638.000 telespettatori, per uno share del 21,44%. La serie è il sequel di Le tre rose di Eva, in onda nella primavera 2012 su Canale5: stesso cast principale (con qualche new entry) e ambientazione (l’immaginario borgo toscano di Villalba), la seconda stagione della fiction prodotta da Endemol Italia ha riproposto lo schema narrativo a metà tra melodramma e noir che ha caratterizzato la prima serie. Con un deciso accento sulla componente thriller sin dalla prima puntata: tra rapimenti, complotti e nuovi inquietanti segreti, il debutto della serie è stato all’insegna dell’alta tensione (la sintesi dopo il salto, ndr).

le-tre-rose-di-eva-2-prima-puntata-anna-safroncik

Le tre rose di eva 2 parte all’insegna del mistero: è appena nata la figlia di  Aurora ed Alessandro (Anna Safroncik e Roberto Farnesi), la piccola Eva, ma qualcuno fa sparire la piccola nella notte gettando i neogenitori nella disperazione. Dopo i primi sospetti su Elena (Licia Nunes), che ha  seri problemi mentali, sul pregiudicato Filippo Sommariva (Fabrizio Bucci), figlio dell’ostetrica di Villalba e vecchio conoscente della Taviani, e perfino sulla stessa Aurora. Ma la scomparsa della piccola si rivela ben presto un rapimento, con tanto di richiesta di riscatto indirizzata ai Monforte. Intanto a Villalba si riaprono le porte della tenuta di Pietrarossa: a comprare la residenza rimasta chiusa per anni e avvolta nel mistero è Amedeo Torre (Mario Cordova), padre delle sorelle Taviani e custode di un segreto che potrebbe sconvolgere le loro vite. L’uomo è tornato dopo trent’anni di assenza, insieme alla nuova e giovane moglie Veronica Torre (Euridice Axen), che incontra Aurora durante la sua corsa notturna nel bosco alla ricerca della figlia. La stessa donna mostra di avere un segreto in comune con il nuovo parroco, don Lorenzo (Simon Grechi). Mentre Alessandro ed Edoardo (Luca Capuano) lavorano con il direttore della banca per ottenere la liquidità necessaria a pagare il riscatto, Aurora inizia a ricordare quanto successo la notte della scomparsa di Eva: potrebbe averla rapita Viola Camerana (Victoria Larchenko), che però risulta morta in un incidente sei mesi prima. In realtà il rapimento di Eva è una trappola ben congeniata proprio da Viola: mentre Alessandro ritira i soldi del riscatto e rischia di essere ucciso dal direttore di banca corrotto, Filippo Sommariva scopre che sua madre ha aiutato Viola nel rapimento. Così avverte Aurora e insieme si recano nel luogo in cui è tenuta nascosta la bambina: Aurora ritrova la figlia, ma durante la fuga si ritrova faccia a faccia con Viola che minaccia di ucciderla. La ragazza vuole un figlio dai Monforte, lo stesso che ha dovuto abortire quando aveva 17 anni e rimase incinta di Luca, o quello che ha perso durante il matrimonio con lo stesso Alessandro. Per questo ha rapito la piccola Eva: vuole crescerla come fosse sua, lontano dalla sua vera famiglia. Per portarla via, Viola spara ad Aurora.

L’appuntamento con la seconda puntata di Le tre rose di Eva 2 è mercoledì 11 settembre, in prima tv assoluta su Canale5.

About ClaudiaGagliardi

Nata a Pompei nel 1987, si è laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul pluralismo e l'indipendenza dell'informazione e sta per specializzarsi in Comunicazione istituzionale. Oggi si occupa delle pagine di attualità del portale Excite.it. Appassionata di giornalismo e di politica, segue con attenzione il mondo della televisione, spesso con occhio critico, soprattutto sul versante della qualità dell'informazione. Divoratrice di programmi di approfondimento e di satira, ma anche di serie tv ("Friends" e "Lost" su tutte) e di cinema, insegue il sogno di diventare giornalista professionista.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *