Uomini e Donne: gli ascolti premiano ancora il trono over

By on settembre 17, 2013
oggi 14 gennaio 2014 continua il trono over

text-align: justify”>gli scolti premiano il trono over

C’era grande attesa per la prima puntata della nuova stagione di Uomini e Donne, soprattutto per conoscere i dati auditel e capire se quest’anno la trasmissione possa ottenere risultati soddisfacenti. Come sempre il debutto del trono over è stato davvero molto interessante, raggiungendo punte oltre del 21% di share.

Questo testimonia ancora una volta come Maria De Filippi abbia avuto ragione, la presentatrice Mediaset sa che ormai ogni giorno si combatte per poter accalappiare quanti più telespettatori possibili, è questo il primo obiettivo di qualsiasi trasmissione. Il debutto è stato quindi più che soddisfacente, bisogna ora vedere se questo trend positivo si potrà mantenere per l’intera settimana. Considerando che il trono over è diventato leader assoluto di Uomini e Donne, si potrà capire quale elemento di ogni puntata può essere più vincente.

Questo è possibile perché un’intera puntata è spezzettata in diversi giorni e quest’anno Maria De Filippi ha voluto investire molto sul campo delle sfilate, con uno staff molto più ricco e professionale e l’introduzione di una particolare cabina spaziale pronta a mettere ansia principalmente alle varie dame, in quanto è capace di calcolare peso ed altezza in pochissimo tempo. Gli ascolti più che positivi del trono over sicuramente non faranno piacere ai giovani appassionati delle trasmissioni di Maria De Filippi che amano sognare con i bei tronisti protagonisti alla ricerca dell’amore vero. C’è però curiosità anche nel capire come saranno gli ascolti del trono misto. Se infatti quest’ultimo riuscirà a prendere quota, potrebbero esserci buone possibilità che durante l’anno gli venga dato molto più spazio.

Lo scorso anno il trono giovane non riuscì ad ottenere buoni risultati dal punto di vista degli ascolti, ecco perché poi alla fine Maria De Filippi ha optato per dare maggiroe spazio al trono over. Nel frattempo oggi 17 settembre in onda la sfilata del trono over, si potrà in questo modo capire se gli ascolti saranno maggiori od inferiori rispetto alla giornata di ieri.

About Lucia D Antuono

One Comment

  1. Rossella

    settembre 17, 2013 at 14:44:24

    Ne ho visto qualche frammento, penso che stenterà a decollare. Dipende tutto dalle prossime puntate di Pechino Express. Quel format nasconde in se il germe di una rivoluzione del linguaggio che potrebbe far apparire vetusta la televisione di Maria De Filippi. Tutto comicio da Riky e Tina: se tanto mi da tanto…
    La coppia marchesa maggiordomo e quella dei fidanzati oltre ad essere complementari all’interno del gioco stanno portando in scena un autentico capolavoro; un conto è assistere al dramma “La cantatrice calva” altra storia è ritrovarsi spettatori di una critica dei valori della società borghese del tuo tempo!
    Questo format ricorda molto la “Miniatura medioevale” della Szymbrosca: è un autentico reality figlio della stagione dei talent.
    Senza la marchesa e Corinne non avremmo avuto la percezione del gioco di società: loro hanno un personaggio da interpretare, non sono dei concorrenti. Proprio come canta la D’Avena, mi ricordano Lady Oscar nella grande stanza del re: spietate e sordide dietro questi fantastici occhiali da sole!
    La marchesa poi è sublime, non c’è niente di scontato in quello che la muove, ha il pieno controllo di tutte le sue azioni: anche il viaggio su quel trabiccolo aveva un valore simbolico; portava a spasso l’eleganza e la discrezione di chi ha bisogno di un momento di redenzione per tornare a incanalarsi in quel fiume di questioni d’interesse che aggiungono ansia al vuoto interiore del vincitore. Quando ha proposto a quell’uomo di scrivere il suo nome su google ha tracciato il profilo di un’epoca: quanta sagacia! Secondo me stanno antipatiche a parecchi!
    Adesso con “i figli di” ci sono tutti i presupposti per ricreare quelle atmosfere vittoriane dell’Inghilterra di Wilde. Se così fosse potremmo assistere ad una sorta di palingenesi del linguaggio: si riconsidererebbe la figura dell’artista e non ci sarebbe più partita per i dilettanti!
    La figura del dandy con il suo sdegno antiborghese potrebbe creare antagonismi insperati e alleanze improbabili capaci di portare alla luce questo silente tema di denuncia L’unico che mi ha deluso è stato Costantino: il Pippo Baudo della transumanza. Ma perché si ostina a fare il conduttore? Avrebbe potuto arricchire il programma con un approccio più irriverente.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *